LA FORTUNA DI GIORGIA MELONI È L’ASSENZA DI ALTERNATIVE: MA QUANTO PUÒ DURARE? – STEFANO FOLLI: “IL GIUDIZIO DELL'OPINIONE PUBBLICA SUL GOVERNO È NEGATIVO, MA QUELLO SULLA PREMIER È POSITIVO. PERCHÉ QUESTA ANOMALIA? NON CI SONO ALTRI PERSONAGGI SULLA SCENA PUBBLICA IN GRADO DI RACCOGLIERE FIDUCIA IN ALTERNATIVA ALLA MELONI. PER QUANTO SIANO CHIARI I LIMITI DELLA SUA AZIONE, AL MOMENTO NON C’È CHI SIA IN GRADO DI METTERE SUL TAVOLO PROPOSTE CAPACI D’INCONTRARE IL FAVORE MAGGIORITARIO DELLA PUBBLICA OPINIONE..”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Stefano Folli per “la Repubblica”

 

stefano folli foto di bacco stefano folli foto di bacco

[…]  ognuno parla ai propri elettori. Lo fanno francesi e tedeschi e lo fa Giorgia Meloni, ben sapendo di essere il perno intorno al quale ruota il rebus. E qui c’è l’aspetto molto particolare del caso italiano.

 

Da un lato, quasi un anno dopo la nascita dell’esecutivo di destra-centro, il giudizio dell’opinione pubblica è negativo (vedi il sondaggio Demos): il bilancio parla di una compagine che ha realizzato poco e male, ovvero che galleggia senza infamia e senza lode, come uno dei governicchi della prima Repubblica nella fase decadente.

 

CLEOPATRIA - MEME BY EMILIANO CARLI CLEOPATRIA - MEME BY EMILIANO CARLI

Dall’altro lato, tuttavia, il giudizio sulla figura della premier Meloni è positivo. Soprattutto se lo misuriamo con il dato del 25 settembre, giorno delle elezioni. Fratelli d’Italia raccolse allora il 26 per cento. Tutti voti a sostegno della leader, naturalmente, più che di un partito poco attraente. Un anno dopo le intenzioni di voto indicano il 28,5 all’incirca; nei mesi scorsi avevano toccato anche il 30 per cento. Ora sono un po’ calate ma restano comunque al di sopra del suffragio reale dello scorso settembre.

 

È un apparente paradosso, ma non deve sorprendere troppo. L’opinione sul governo riflette l’insoddisfazione per gli scarsi risultati ottenuti. Eppure sulla leader Giorgia Meloni la fiducia è ancora alta e questo significa che una parte significativa dell’elettorato la sostiene separando il giudizio su di lei da quello sull’esecutivo.

 

Quanto tempo può durare questa contraddizione? Non molto, si direbbe. Ovunque la valutazione sull’operato di un governo tende a collimare, come è logico, con il giudizio su chi lo guida. Perché da noi si è creata questa anomalia?

 

giorgia meloni giorgia meloni

L’unica spiegazione è che non ci sono altri personaggi sulla scena pubblica in grado di raccogliere fiducia in alternativa alla Meloni. Per quanto siano chiari i limiti della sua azione, al momento non c’è chi sia in grado di mettere sul tavolo proposte o promesse capaci d’incontrare il favore maggioritario della pubblica opinione.

 

Questo vale soprattutto per l’immigrazione […]. Eppure si capisce che il consenso personale alla presidente del Consiglio contiene la speranza che una politica concordata con i partner europei sia ancora possibile sulla base di un’iniziativa italiana. Al tempo stesso il messaggio suona come sfiducia verso l’opposizione di sinistra, da cui ci si attende in tema di immigrazione un messaggio molto più convincente nelle finalità e più chiaro nel modo di comunicarlo al pubblico.

ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI melodi meme su giorgia meloni con il presidente indiano modi 2 melodi meme su giorgia meloni con il presidente indiano modi 2 L AVVERSIONE DI GIORGIA - MEME BY EMILIANO CARLI L AVVERSIONE DI GIORGIA - MEME BY EMILIANO CARLI MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI MEME MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI MEME il murale di elly schlein e giorgia meloni nude e incinte a milano 3 il murale di elly schlein e giorgia meloni nude e incinte a milano 3 lotta continua meme su giorgia meloni e matteo salvini by edoardo baraldi lotta continua meme su giorgia meloni e matteo salvini by edoardo baraldi ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA - MEME BY EMILIANO CARLI ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA - MEME BY EMILIANO CARLI GIORGIA MELONI MEME BY VUKIC GIORGIA MELONI MEME BY VUKIC

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…