LA FRANCIA BATTE MONETA - LA LAGARDE NON HA FATTO IN TEMPO A DIRE CHE LE VALUTE DIGITALI “POTREBBERO COMPORTARE RISCHI” CHE LA BANCA CENTRALE DI PARIGI HA ANNUNCIATO CHE NE FARÀ UNA! – SARÀ DEDICATA ALLE TRANSAZIONI ALL’INGROSSO PER IMPORTI MOLTO ELEVATI E HA L’OBIETTIVO DI FREGARE SUL TEMPO LIBRA…

-

Condividi questo articolo


G. Zul. per “Libero quotidiano”

christine lagarde christine lagarde

 

Una valuta digitale delle Bce «potrebbe comportare rischi», ha detto il presidente, Christine Lagarde, secondo la quale essa «potrebbe alterare il modo in cui la politica monetaria viene condotta e trasmessa all' economia reale. Potrebbe anche avere implicazioni per il funzionamento del sistema finanziario globale e la sua stabilità.

 

MACRON PIFFERAIO MACRON PIFFERAIO

La questione delle valute digitali delle banche centrali e del loro design ottimale merita quindi ulteriori analisi», ha concluso Lagarde. Parole cadute nel vuoto, in Francia. La banca centrale transalpina infatti inizierà a testare il progetto entro la fine del primo trimestre del prossimo anno una propria valuta digitale.

 

francois villeroy de galhau francois villeroy de galhau

La notizia è stata confermata dal governatore Francois Villeroy de Galhau, il quale ha spiegato che la valuta sarà dedicata alle transazioni "all' ingrosso" per importi molto elevati. Il progetto, per ora, non interesserà i pagamenti effettuati da utenti individuali.

L' iniziativa della banca centrale francese è la prima del genere nella zona euro.

macron villeroy de galhau macron villeroy de galhau

 

L' obiettivo dichiarato è quello di far valere la sovranità di Parigi sugli altri progetti relativi alle valute digitali, come Libra, la moneta virtuale di Facebook. Bruno Le Maire, ministro delle finanze di Macron, è più che favorevole.

bruno le maire emmanuel macron bruno le maire emmanuel macron

 

Resta un dubbio: se la Francia può creare una propria moneta digitale, che senso ha tutta l' impalcatura dell' euro? In fondo l' euro virtuale è uguale ai mini-Bot di leghista memoria...

francois villeroy de galhau 2 francois villeroy de galhau 2 macron le maire macron le maire francois villeroy de galhau 1 francois villeroy de galhau 1

charles michel ursula von der leyen david sassoli christine lagarde come le ragazze di porta venezia charles michel ursula von der leyen david sassoli christine lagarde come le ragazze di porta venezia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA