FRAT-ELLY DI SCHLEIN! FERMI TUTTI: LA SEGRETARIA MULTINGEDER DEM ORA E’ TENTATA DAL PARTECIPARE ALLA FESTA DI FRATELLI D’ITALIA – INTANTO IL PD E’ UNA POLVERIERA: LE DONNE DEM SONO CONTRO ELLY CHE DA CAPOLISTA RISCHIA DI CANNIBALIZZARLE. E IN CASO DI FLOP, SI PREPARA, COME DAGO DIXIT, GENTILONI - DITE ALLA SCHLEIN CHE MELONI STA CERCANDO DI ALLUNGARNE LA “PERMANENZA TEMPORANEA” ALLA GUIDA DEL PARTITO. ANDARE AD ATREJU, ANCHE SOLO PER RINGRAZIARE, SEMBRA IL MINIMO…

-

Condividi questo articolo


Carmelo Caruso per Il Foglio - Estratti

 

ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI

Ha detto: “Non ci vado”, ma non è detto che sia vero. Elly Schlein potrebbe partecipare ad Atreju, alla festa di FdI. Agli zii di sinistra, i saggi, risponde ora: “Posso sempre cambiare idea”. I direttori dei quotidiani le facilitano la scelta: “Sarebbe utile”. Père, papà, Dario Franceschini, con Meloni, consiglia di farci pure le riforme. Il Pd sta per fare un nuovo congresso del Pd, ma senza farlo. Alle Europee le correnti si peseranno e si comincia benissimo.

 

Le candidate donne sono contro la segretaria che da capolista rischia di cannibalizzarle. Al sud, vuole correre Francesco Boccia. Marta Bonafoni, la vicecapa del Liceo Schlein, no. Vincenzo De Luca, per prendere anche un solo voto in più rispetto a Schlein, vi cucina la “calamarata”. Il Pd senza un congresso è come il babà senza il rum. Sono passati pochi mesi dall’elezione di Schlein e per l’astinenza, i dirigenti dem, rischiavano il ricovero.

schlein meloni schlein meloni

 

Per fortuna ci sono le Europee dove è possibile simularlo. Il sistema elettorale semplifica ogni cosa. Si vota con proporzionale, ci sono le preferenze. Le preferenze da esprimere sono tre ma ci deve essere l’alternanza di genere. La contesa è su chi deve fare il capolista. Se Schlein fa la capolista in tutte le circoscrizioni è chiaro che a essere penalizzate sono le donne. Si ricandideranno Pina Picierno, Alessandra Moretti, Irene Tinagli, eurodeputate uscenti, e correranno pure Giuditta Pini, Alessia Morani. Nel Lazio in lista potrebbe esserci Laura Boldrini. C’era il singolare caso di Marta Bonafoni, data per candidata nel Lazio, in ticket con Zingaretti, ma che avrebbe rinunciato. Troppi uomini e Bonafoni, agli uomini, è solita togliere la parola.

elly schlein al congresso di area. elly schlein al congresso di area.

 

(...) Per tutte queste ragioni l’invito di Meloni torna utile alla segretaria. Il babbo di Schlein, su Israele, ha usato le parole che la figlia non può usare. Giuseppe Conte comincia a pronunciare il termine “sorpasso”. Nel Pd si sta già preparando la seconda linea e lei neppure se ne accorge. Si comincia a dire: “L’asinello galoppa, Gentiloni lo sella”. E’ il simbolo del primo partito di Prodi e il logo lo detiene ancora Arturo Parisi. In pratica non c’è neppure bisogno del Pd. Alla festa del Riformista, a Napoli, questo sabato, dicono che sia atteso Gentiloni per conversare con il “direttore” Renzi. Mentre la segretaria svapa c’è un mondo che si prepara al suo possibile fallimento. Meloni sta davvero cercando di aiutarla, ne sta allungando la “permanenza temporanea” alla guida del partito. E’ la premier l’Edi Rama di Schlein.

paolo gentiloni 5 paolo gentiloni 5 GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - SISTER ACT - BY MACONDO GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - SISTER ACT - BY MACONDO GIORGIA MELONI VS ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI VS ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN paolo gentiloni 4 paolo gentiloni 4 GIORGIA MELONI, ELLY SCHLEIN E L ARMOCROMIA - MEME BY USBERGO GIORGIA MELONI, ELLY SCHLEIN E L ARMOCROMIA - MEME BY USBERGO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO