FRATELLI COLTELLI D'ITALIA - MICHELE SERRA: "ZAIA È TROPPO TREVIGIANO, TROPPO PADOVANO, PER QUESTO VERONA L'HA PUNITO VOTANDO CENTROSINISTRA. PIÙ O MENO COSÌ FLAVIO TOSI LEGGE LA CLAMOROSA SCONFITTA DEL CENTRODESTRA. PERCHÉ 'ZAIA NON VOLEVA UN SINDACO FORTE A VERONA, PER LUI SBOARINA ERA L'IDEALE'. TIÉ. IL NOSTRO PAESE NE ESCE PER QUELLO CHE È: UN COACERVO TARDO-MEDIEVALE DI PIAZZE E CAMPANILI, NEL QUALE LA DISGRAZIA DEL VICINO VALE EMOTIVAMENTE ASSAI DI PIÙ DELLA FORTUNA COMUNE..."

-

Condividi questo articolo


Michele Serra per “la Repubblica

SALVINI - TOSI - ZAIA 4c4cb9f2 SALVINI - TOSI - ZAIA 4c4cb9f2

 

Zaia è troppo trevigiano, troppo padovano, per questo Verona l'ha punito votando centrosinistra. Più o meno così Flavio Tosi (intervistato da Concetto Vecchio) legge la clamorosa sconfitta del centrodestra a Verona, e siccome non è uno stupido, e per giunta è molto veneto, bisogna ascoltarlo.

 

TOSI E ZAIA TOSI E ZAIA

"Noi veronesi siamo sempre considerati la periferia dell'impero rispetto a Padova, Treviso, Venezia. L'aeroporto di Treviso prende 40 milioni all'anno, il nostro zero. Zaia non voleva un sindaco forte a Verona, per lui Sboarina era l'ideale". Tié.

 

Ne esce l'Italia per quello che è: un coacervo tardo-medievale di piazze e campanili, nel quale la disgrazia del vicino vale emotivamente assai di più della fortuna comune, concetto vaghissimo, quanto quello di Nazione.

 

LUCA ZAIA E FLAVIO TOSI LUCA ZAIA E FLAVIO TOSI

Si canta tutti a squarciagola l'inno di Mameli, ma la mattina dopo, con la voce arrochita, si controlla quanti milioni sono arrivati all'aeroporto dell'odiato confinante, e quanti al nostro. E ci si regola di conseguenza.

 

matteo salvini federico sboarina giorgia meloni luca zaia matteo salvini federico sboarina giorgia meloni luca zaia

Quando si dice che il Pd, con tutti i suoi evidenti difetti, è l'unico partito nazionale, si dice qualcosa di molto significativo. Il nazionalismo di Meloni tradisce in ogni dichiarazione di telegiornale la sua matrice ciociaro-laziale, il leghismo è per sua natura localista e dunque piccino, il Salvini "nazionalista" è solo una simulazione, Berlusca è troppo vecchio per giocarsi la parte dell'arcitaliano, Renzi è troppo di Rignano e Calenda troppo di Roma centro, Sala milanesissimo.

 

Letta dica ai suoi di valutare attentamente le divisioni strapaesane, le faide municipali, e approfittarne. Dica anche di fare un corso di dizione italiana, così che non si capisca mai esattamente da dove vengono.

 

Condividi questo articolo

politica

"GOFFREDO, PARLIAMO DI ALLEANZE ELETTORALI DOPO CHE TU AVRAI RIPETUTO 20 VOLTE COME UN MANTRA THAILANDESE: 'HO SBAGLIATO A PENSARE CHE CONTE FOSSE IL NUOVO PRODI' – CALENDA FA IL BULLO CON GOFFREDONE BETTINI, FAUTORE DEL CAMPO LARGO PD-M5S – LA REPLICA TRANCHANT DI COLUI CHE CONSIDERAVA CONTE “PUNTO DI RIFERIMENTO FORTISSIMO DEI PROGRESSISTI” - "CARO CARLO, IL MANTRA È UNA PRATICA INDUISTA CHE NON C'ENTRA NIENTE CON LA THAILANDIA. ANCORA UNA VOLTA, NON SOLO IN POLITICA, SEI IN ERRORE"...