FRATELLI D’ITALIA. MA ANCHE FIGLI, NIPOTI E CUGINI – GIORGIA MELONI VUOLE RIEMPIRE LE LISTE DI FRATELLI D’ITALIA DI FEDELISSIMI E PARENTI DEI BIG DEL PARTITO. ALLA CONVENTION DI FINE APRILE LA DUCETTA ANNUNCERÀ LA SUA CANDIDATURA (IN CASO CONTRARIO, TOCCHERÀ ALLA SORELLA ARIANNA) – IL CASO DI RACHELE MUSSOLINI, SORELLA DI ALESSANDRA: HA UN BOTTINO DI VOTI INVIDIABILE, MA IL SUO COGNOME POTREBBE CAUSARE PROBLEMI ALLA MELONA, CHE VUOLE TRAVESTIRSI DA MODERATA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Antonio Fraschilla e Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

giorgia arianna meloni giorgia arianna meloni

La linea l’ha dettata la leader Giorgia Meloni: per le Europee le liste di Fratelli d’Italia saranno composte da interni al partito. Da pezzi di classe dirigente che fino a oggi hanno portato molta acqua al mulino della Fiamma. La premier non vuole esterni […]: «Non siamo come il Pd», ha ribadito nelle prime riunioni interne […]. […] niente di quelle che lei chiama «figurine».

 

Cosi l’unico colpo di scena […] sarà l’annuncio della candidatura della stessa Meloni, alla convention programmatica nella Pescara di Marsilio, dal 26 al 28 aprile. In lizza ci saranno tanti volti noti del partito: tutti gli uscenti all’europarlamento, escluso Raffaele Stancanelli, ormai fuori squadra. Ma ci sarà Vincenzo Sofo (sposato con la nipote di Marine Le Pen) che dalla Lega è passato a FdI. E poi possibilmente volti fedeli e parenti di fedelissimi. Nessun ministro, […] anche se fino a qualche giorno fa circolavano ancora i nomi degli unici due componenti del governo di FdI non deputati: Gennaro Sangiuliano e Andrea Abodi.

 

MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO

[…] Sul fronte parentele — d’altronde la premier al governo ha portato il cognato mentre la sorella guida il partito — nella circoscrizione Nord-Est saranno candidati il nipote del ministro Guido Crosetto, Giovanni, attualmente consigliere comunale a Torino e l’ex senatore azzurro ora uomo forte del partito in Lombardia Mario Mantovani (la figlia Lucrezia è deputata da due legislature).

 

In questa circoscrizione ci saranno anche Stefano Balleari, capogruppo di FdI nel consiglio regionale ligure e gli uscenti Pietro Fiocchi e Carlo Fidanza. Nel Nord-Est ha annunciato la sua candidatura il sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, fratello del ministro dei Rapporti con il parlamento Luca. Possibile anche la candidatura dell’assessora di FdI in Veneto Elena Donazzan, di Stefano Cavedagna, capogruppo di FdI in comune a Bologna e fedelissimo del sottosegretario Galeazzo Bignami. In Emilia potrebbero registrarsi le poche aperture all’esterno: quella di Piergiacomo Sibiano di area Comunione e liberazione e Guglielmo Garagnani, presidente uscente di Confagricoltura.

 

Nicola Procaccini Nicola Procaccini

Nell’Itala Centrale, nell’eventualità (remota) che non dovesse candidarsi la premier, circola sempre il nome della sorella Arianna, che al congresso ha escluso questa ipotesi aggiungendo però di «essere un soldato» […]. Meloni premier punta molto sull’uscente Nicola Procaccini.

 

C’è poi il caso di Rachele Mussolini. Sorella di Alessandra, che si ricandiderà con Forza Italia, alle ultime Comunali di Roma nel 2021 è stata la consigliera più votata della Capitale: un bottino di oltre 6.500 voti personali, più di tutti gli altri Fratelli in lista […]. […] Il problema però, secondo alcuni voci inconfessate dentro FdI, sarebbe proprio il cognome: se Meloni a Bruxelles vuole giocare da moderata, candidare la nipote del Duce potrebbe essere un problema.

rachele mussolini rachele mussolini

 

Anche se nel caso specifico, Rachele Mussolini ha posizioni tutt’altro che da destra retriva: «Sono a favore dei diritti civili, a discutere di fine vita». E aggiunge: «Auspico che non sia un ostacolo il mio cognome, proprio dentro FdI». Messaggio chiaro.

 

Al Sud, insieme agli europarlamentari uscenti Chiara Gemma e Denis Nesci, si fanno i nomi del campano Alberico Gambino e del consigliere regionale pugliese Michele Picaro. Nelle Isole, […] il nome sul quale punta Meloni al momento è quello del vicecapogruppo alla Camera Manlio Messina, che ha dato la disponibilità. Una candidatura potrebbe essere anche quella dell’ex deputato Basilio Catanoso. In Sardegna il nome sul tavolo è quello di Sasso Deidda, presidente della commissione Trasporti alla Camera. […]

MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO francesco lollobrigida e le sorelle Meloni meme by edoardo baraldi francesco lollobrigida e le sorelle Meloni meme by edoardo baraldi FASCIO TUTTO IO - VIGNETTA BY MACONDO FASCIO TUTTO IO - VIGNETTA BY MACONDO rachele mussolini rachele mussolini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…