FUORTES MANI DI FORBICE! - L’AD RAI PRIMA LODA I TG REGIONALI E IL LORO CONTRIBUTO “NEL MANTENERE LA COESIONE SOCIALE” E POI ANNUNCIA IL TAGLIO ALL’EDIZIONE NOTTURNA DELLE TESTATE LOCALI - LA PRESIDENTE SOLDI: “MANCANO RISORSE PER ATTRARRE TALENTI” (SU 12MILA DIPENDENTI NON NE TROVANO NEMMENO UNA MANCIATA)

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell'articolo di Giovanna Vitale per “la Repubblica”

 

CARLO FUORTES MARINELLA SOLDI CARLO FUORTES MARINELLA SOLDI

Avevano promesso lotta dura contro gli sprechi, il duo Fuortes- Soldi. Ma il primo vero taglio del nuovo Cda Rai ha finito per abbattersi sull'informazione. Non sulla pletora di collaboratori e conduttori esterni che animano i vari talk-show, bensì sui Tg regionali.

 

Quelli che ieri in Vigilanza l'amministratore delegato ha vantato come presidio fondamentale per raccontare la pandemia: «Nei momenti più intensi della crisi sanitaria - ha spiegato infatti Fuortes - le nostre reti televisive e radiofoniche hanno dato un contributo rilevante nel mantenere la coesione sociale di un Paese messo alla prova dal virus.

MANNONI MANNONI

 

Le sedi locali, una rete di cui in Italia soltanto la nostra azienda dispone, hanno permesso di far circolare anche lontano dal punto di origine notizie e descrizioni di fenomeni di interesse collettivo. È stato utile e importante. Dobbiamo fare ancora di più». Ebbene, a fronte di tali dichiarazioni, era ipotizzabile un incremento dell'offerta. E invece, dai palinsesti del prossimo anno è sparita l'edizione notturna delle testate regionali.

 

CARLO FUORTES MARINELLA SOLDI CARLO FUORTES MARINELLA SOLDI

Ovvero quei pochi minuti ritagliati all'interno di Linea Notte, l'approfondimento di Rai3 condotto da Maurizio Mannoni, che serviva per chiudere la giornata dai diversi capoluoghi del Paese. Da gennaio, non ci saranno più. E chissà se la presidente Soldi non abbia incluso anche questo fra i sacrifici imposti dai «conti dell'azienda » che «non ci permettono di investire nel nuovo e mantenere intatto l'esistente».

ALESSANDRO CASARIN ALESSANDRO CASARIN

 

Una condizione che obbliga a «fare delle scelte e definire le priorità», ha scandito in Vigilanza, alludendo ai tagli necessari per far spazio a professionalità che Viale Mazzini non ha.

 

(…)

 

 

ARTICOLO INTEGRALE:

https://www.repubblica.it/politica/2021/11/24/news/rai_audizione_vertici_commissione_vigilanza-327545312/amp/

 

 

Condividi questo articolo

politica

È ARRIVATO IL MOMENTO DI UN ITALIANO ALLA NATO - IL NOSTRO PAESE, CON L'APPOGGIO DI MACRON, PUÒ SPOSTARE L'ASSE DELL'ALLEANZA SUL MEDITERRANEO - ROMA HA UN CREDITO DA RISCUOTERE CON WASHINGTON, DOPO IL FALLIMENTO DELLA CANDIDATURA DI FRATTINI, IMPALLINATO NEL 2004 PERCHÉ TROPPO VICINO A BERLUSCONI (E QUINDI A PUTIN) -  LASCIATE PERDERE L’AUTOCANDIDATURA DI RENZI. IN BALLO RICICCIANO I SOLITI NOMI: GENTILONI, MOGHERINI E ADDIRITTURA FASSINO. MA DRAGHI POTREBBE LANCIARE ANCHE LORENZO GUERINI, CHE DA MINISTRO DELLA DIFESA HA INTRECCIATO BUONI RAPPORTI CON WASHINGTON

LA RICONFERMA DI MATTARELLA AL COLLE? UN PANNICELLO CALDO - MASSIMO FRANCO: "NON RISOLVEREBBE L'INCOGNITA DEL FUTURO DI DRAGHI E DEL SUO GOVERNO. SERVIREBBE SOLO A NASCONDERE LE DIVERGENZE DENTRO E TRA LE FORZE POLITICHE, SENZA SALVARE L'ESECUTIVO. NAPOLITANO, RIELETTO DOPO UNA RICHIESTA PRESSANTE E QUASI UNANIME DEI PARTITI, QUANDO DUE ANNI DOPO SI È DIMESSO, È STATO SALUTATO IN MODO INGENEROSO DA MOLTE DELLE STESSE FORZE POLITICHE CHE LO AVEVANO PREGATO DI ACCETTARE. CONGELARE IL PRESENTE SIGNIFICHEREBBE SOLO RINVIARE I CONTI CON LA NUOVA FASE CHE L'ITALIA SI TROVA DI FRONTE…"