LA GENIALATA DEFINITIVA DEL PD: CAMBIARE IL NOME IN PDL (COSI’ MAGARI RIESCONO A VINCERE) - IL SINDACO DI BOLOGNA LEPORE PROPONE: "CHIAMIAMOLO PARTITO DEMOCRATICO E DEL LAVORO" – COME DAGO-RIVELATO, OLTRE A ZINGARETTI ANCHE FRANCESCHINI VA SU ELLY SCHLEIN. L’AREA DI SU-DARIO SI SPACCA IN DUE CON CONTORNO DI PETTEGOLEZZI: IL CAMBIO DI CAVALLO SAREBBE "COLPA" DEI CONSIGLI DELLA CONSORTE DELL’EX MINISTRO DELLA CULTURA: MICHELA DI BIASE – ANCHE LA SINISTRA DEM SI DIVIDE SULLA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA… - DAGOREPORT

-

Condividi questo articolo


https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dagoreport-ndash-grande-stupore-adepti-franceschini-giorni-334090.htm

 

 

Giovanna Casadio per “la Repubblica”

dario franceschini e michela di biase dario franceschini e michela di biase

 

Elly Schlein è pronta. Ma bisognerà vedere se il Pd è pronto a una leadership fuori dagli schemi.

Perché Schlein è movimentista, ex civatiana, ex vice presidente dell'Emilia Romagna, paladina dei diritti civili, testimone e incarnazione di battaglie contro le discriminazioni (noto il coming out in campagna elettorale), ambientalista della prima ora, di sinistra ma lontana dalla "ditta" di bersaniana memoria. Prenderà nei prossimi giorni la tessera del partito alla cui segreteria pensa di candidarsi: ancora non ce l'ha.

 

elly schlein 1 elly schlein 1

Quali sono i suoi supporter lo si comincerà a vedere domenica. Nella kermesse che ha annunciato a Roma, al Monk - luogo delle convention di Nicola Zingaretti - nessun dem è previsto sul palco. Ma quelli presenti in platea saranno un buon indicatore delle truppe su cui può contare nel partito. E quindi dovrebbe esserci Peppe Provenzano, il numero due di Letta. Anche Dario Franceschini è con Schlein, ripetendo il vecchio adagio di Piero Fassino quando i Ds si fusero con la Margherita per fondare il Pd: "O si cambia o si muore". Non sarà in platea l'ex ministro della Cultura, ma molti franceschiniani sì, a cominciare da Michela Di Biase, deputata, moglie di Franceschini. Ci saranno Roberto Morassut, Marco Furfaro, tra i più ascoltati da Schlein. Un nutrito gruppo di dem toscani. Alcuni lettiani.

 

michela de biase dario franceschini foto di bacco michela de biase dario franceschini foto di bacco

Brando Benifei, eurodeputato e promotore di "Coraggio Pd", non sarà presente per altri impegni. Però a Schlein guarda con interesse. La sinistra dem va in ordine sparso. I dubbi di Goffredo Bettini e Andrea Orlando su Schlein sono risaputi: il timore è che faccia del Pd un partito radicale, altro che partito di popolo e neo laburista. Entrambi hanno dichiarato l'apprezzamento per il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, che però non è ancora candidato. Ieri a Montecitorio Orlando e Schlein hanno avuto un colloquio. Gianni Cuperlo, altro leader della sinistra, dice che ascolterà Schlein con attenzione. Però su di lui c'è il pressing di un pezzo di sinistra affinché corra per la segreteria.

 

 

elly schlein 2 elly schlein 2

Centrale è la questione della identità del partito. La affronta ieri su Repubblica , Matteo Lepore, il sindaco di Bologna e propone: "Chiamiamo il Pd partito democratico e del lavoro". Apprezzano tanti, da Dems, la corrente di Orlando, a Ricci e Zingaretti. E, da fuori, anche da Roberto Speranza, ospite a Metropolis.

 

Di fatto ai nastri di partenza per ora ci sono Stefano Bonaccini, il governatore dell'Emilia Romagna, super favorito. Paola De Micheli, ex ministra. E appunto la (quasi) candidata Schlein. È una partita di attese e incastri il congresso dem, che si concluderà con il ballottaggio nei gazebo per il leader il 19 febbraio. A Bonaccini ad esempio, sarebbe utile l'appoggio di Zingaretti. L'ex governatore del Lazio, ora deputato, è corteggiatissimo. Una dichiarazione di Bonaccini ieri non gli è piaciuta, perciò Zingaretti contrattacca: «Stefano Bonaccini sostiene che bisogna cambiare il gruppo dirigente e che non si vince da dieci anni.

 

schlein bonaccini schlein bonaccini

Che ci sia bisogno di cambiare lo dico da tempo. Ma la sconfitta più grave il Pd l'ha avuta nel 2018 quando Stefano era un autorevole dirigente del gruppo renziano». Molto corteggiato anche Dario Nardella, il sindaco di Firenze, di cui si è parlato come candidato alla segreteria. Ammette: «Corteggiato? Non c'ero abituato e su questa cosa non ci marcio ». E oggi il segretario uscente Enrico Letta ha convocato al Nazareno i "costituenti": le 87 personalità che dovranno mettere mano al manifesto dei valori del Pd. Conferma la road map, gelido sulle critiche di Orlando. Nei prossimi giorni Letta ha deciso una consultazione pubblica nei circoli, e non solo, a partire da un documento: la Bussola del Pd.

elly schlein 3 elly schlein 3

 

Condividi questo articolo

politica

I "KAMICAZZONI" DELLA MELONI - L'"IDEOLOGO" SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA FAZZOLARI ATTACCA LA BANCA D'ITALIA. IL PRESIDENTE DEL SENATO LA RUSSA TRA IL SERIO E IL FACETO SE LA PRENDE CON IL CAPO DELLO STATO. CROSETTO INVOCA "IL MACHETE" PER DISBOSCARE GLI ALTI RAMI DELLA BUROCRAZIA. URSO TRATTA CON I BENZINAI E QUELLI SCIOPERANO LO STESSO. SONO I CAMPIONI DEL "TIRO ALLA GIORGIA". MIRANO, TIRANOE CENTRANO LA PREMIER-BERSAGLIO. A CUI TOCCA DALL'INDOMANI METTERSI PAZIENTEMENTE A RAMMENDARE…"

RENZI, SEGNATI QUESTA: “LA SATIRA È ESPRESSIONE DI LIBERTÀ DEMOCRATICA E UN UOMO POLITICO DEVE SEMPRE TOLLERARLA” – MATTEUCCIO PERDE LA CAUSA E DOVRÀ RISARCIRE CON 42MILA EURO MARCO TRAVAGLIO PER IL CELEBRE ROTOLO DI CARTA IGIENICA CON SOPRA LA FACCIA DELL’EX PREMIER COMPARSO IN DIRETTA TV ALLE SPALLE DEL DIRETTORE DEL FATTO - RENZI AVEVA CHIESTO 500MILA EURO PER DANNI. IL TRIBUNALE GLI HA DATO TORTO ACCUSANDOLO ANCHE DI AVER ABUSATO DELLO STRUMENTO PROCESSUALE – COSA DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: "LA SATIRA AI POLITICI E' L'ANIMA DELLA DEMOCRAZIA" - VIDEO