GIORGIA E ELLY ALLO SPECCHIO – ENTRAMBE SONO ACCENTRATRICI: MELONI SI FIDA SOLO DEI FEDELISSIMI, SCHLEIN IN AULA SI LASCIA SFUGGIRE: “ORA CI SONO IO ALL’OPPOSIZIONE” – ENTRAMBE SOFFRONO LO STRESS. UNA AMMETTE: “MI SENTO SEMPRE ALL’ESAME DI MATURITÀ”. E L'ALTRA: “HO L’ANSIA DA PRESTAZIONE” – ENTRAMBE CIVETTANO CON LA TV: LA PREMIER IMITA SE STESSA CON FIORELLO, LA SEGRETARIA DEM SUONA “IMAGINE” DA CATTELAN – A DIVIDERLE È TUTTO IL RESTO: LE POSIZIONI SU MIGRANTI, SALARIO MINIMO, DIRITTI CIVILI… – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell'articolo di Roberto Gressi per il “Corriere della Sera”

 

ELLLY SCHLEIN ALESSANDRO CATTELAN stasera c'è cattelan ELLLY SCHLEIN ALESSANDRO CATTELAN stasera c'è cattelan

In principio furono i Cartoni. E così, se Giorgia intonava: «È Memole il nome mio/ folletto sono io/ in una foresta sto/ e tanti amici ho!». Elly già preparava il controcanto: «Fuggendo poi con un agile scatto/ Occhi di gatto! / Un nuovo colpo è stato fatto!». E se Schlein ora azzarda «Imagine» di Lennon al pianoforte di Cattelan, Meloni imita Meloni al telefono con Fiorello, dove giura di votare per la sinistra. Lasciate perdere, non mettevi in mezzo, è roba da professioniste. […]

 

Eccole, Meloni e Schlein, che si stringono la mano dopo il primo faccia a faccia, complice un question time. Nulla a che vedere, anche se la sfida è ugualmente dura, con i pugili che si misurano prima del match […]

 

fiorello chiama giorgia meloni 4 fiorello chiama giorgia meloni 4

Sono, in modi diversi, a capo di due squadre. La prima governa il Paese e un’alleanza, e nel suo ruolo funziona, anche a costo di ricorrere al melonicentrismo per ricomporre le sbavature. L’altra è alla guida di una comunità, o almeno così recitava la scritta all’assemblea nazionale che l’ha incoronata segretaria, perché alla prima occasione si è lasciata sfuggire, smarrendo il “noi”: «Lei governa, ora ci sono IO all’opposizione».

 

Diverse in tutto, simili in tutto, soprattutto non amano bussare prima di aprire le porte. «Non tradiremo», giura Meloni. «Ce la metteremo tutta», promette Schlein. E tutte e due temono solo se stesse: «Mi sento sempre all’esame di maturità», confessa la prima. «Ho l’ansia da prestazione», ammette la seconda.

 

GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN

[…]  non manca la tattica. Con Schlein che sceglie dove e quando sferrare gli attacchi oppure defilarsi. E con Meloni che le nega il cognome quando è il momento della pugna: «Desidero rispondere agli interroganti…». Professioniste, appunto. La seconda avvertenza riguarda proprio i sondaggi, che vanno letti oltre che guardati.

 

Elly è in crescita, ma soprattutto rispetto al tracollo post elezioni, perché al momento il risultato teorico è appena al di sopra del voto del 25 settembre. Giorgia è in leggero calo, ma ben oltre al risultato che le ha consentito di conquistare la guida del Paese. Il Pd divora i Cinque stelle di Giuseppe Conte, che giura vendetta. Fratelli d’Italia incassa la vittoria alle Regionali senza umiliare gli alleati, cosa che in parte aiuta. […]

 

giorgia meloni question time alla camera 2 giorgia meloni question time alla camera 2

Insomma, sarebbe già il momento di una fase due. Perché la frase della femminista Lisa Levenstein, «anche questa volta non ci hanno visto arrivare», Vangelo per Elly, da sola non può più bastare, che se ne sono accorti, accidenti quanto se ne sono accorti, e lei lo sa bene.

 

[…] Ancora. Romano Prodi avverte la segretaria: la politica non si fa solo in piazza. E proprio la premier dribbla l’assalto, davanti alla Cgil e a una contestazione che ha imbarazzato più Maurizio Landini che lei: «Sono trent’anni che mi fischiano, in materia sono cavaliere al merito».

 

elly schlein alla camera 1 elly schlein alla camera 1

Ma poi, guarda i casi della vita, sono proprio Meloni e Schlein a tenere alto il vessillo della coesione con l’Europa e gli Usa contro l’invasione dell’Ucraina, controllando i vicini riottosi. L’una domando la Lega, che tiene fuori dall’aula i suoi ministri, l’altra resistendo ai Cinque stelle e sponsorizzando la pace senza però arretrare sulle forniture di armi.

 

Per quel che rimane è muro contro muro. Sui migranti, con Elly che chiede una missione “mare nostrum” europea e con Giorgia che dice che non possiamo accogliere tutti. L’una loda i dossier green dell’Europa e beve acqua rigorosamente da un cartone, l’altra chiede vie nazionali per la transizione ecologica e tiene sul tavolo una bottiglietta di plastica. La segretaria vuole il salario minimo e la leader del centrodestra risponde che impoverirebbe i lavoratori. Schlein vuole legalizzare la cannabis e Meloni sostiene che è un abominio.

 

giorgia meloni question time alla camera giorgia meloni question time alla camera

Elly chiede il riconoscimento dei figli delle coppie omogenitoriali e Giorgia promuove una legge perché la maternità surrogata sia un reato universale.

 

[…]  Fino al faccia a faccia, con Meloni in giacca scura e camicia chiara ed Elly con giacca chiara e camicia scura. Per certi versi un bel passo indietro sul piano del confronto e del riconoscimento reciproco, per altri, magari, un bel dibattito. Del resto, è pur sempre dallo scontro tra materia e antimateria che è nato l’universo.

elly schlein alla camera 2 elly schlein alla camera 2 GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - SISTER ACT - BY MACONDO GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - SISTER ACT - BY MACONDO GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - 8 MARZO - VIGNETTA BY MACONDO GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - 8 MARZO - VIGNETTA BY MACONDO elly schlein alla camera 5 elly schlein alla camera 5 elly schlein alla camera 7 elly schlein alla camera 7 giorgia meloni e il governo question time alla camera giorgia meloni e il governo question time alla camera

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO