GIORGIA MELONI HA SCELTO IL SUO CONSIGLIERE ECONOMICO: E’ RENATO LOIERO, CONSIGLIERE PARLAMENTARE DEL SENATO, DOVE DIRIGE IL SERVIZIO DEL BILANCIO - E' STATO ANCHE DOCENTE DI FINANZA PUBBLICA IN DIVERSI ATENEI, HA RICOPERTO IL RUOLO DI FUNZIONARIO TRIBUTARIO DEL MEF, DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA, E UFFICIALE DELLA GUARDIA DI FINANZA - A PALAZZO MADAMA HA LAVORATO PURE CON IL CENTROSINISTRA E CON I GRILLINI…

-

Condividi questo articolo


Simone Canettieri per “il Foglio”

 

giorgia meloni conferenza stampa sulla manovra giorgia meloni conferenza stampa sulla manovra

Eppur si muove. Inizia a prendere forma la squadra di consiglieri di Giorgia Meloni. Per l'economia la premier ha scelto Renato Loiero, consigliere parlamentare del Senato dove dirige il Servizio del bilancio. E' stato anche docente di finanza pubblica in diversi atenei. In passato, ha ricoperto il ruolo di funzionario tributario del Mef, direzione regionale Lombardia, ed ufficiale della Guardia di Finanza.

 

Si tratta di un nome molto stimato fra i parlamentari del centrodestra, anche se a Palazzo Madama ha lavorato pure con il centrosinistra e con i grillini. Con Loiero, seppur lentamente, inizia a prendere sostanza la squadra tecnica di Meloni a Palazzo Chigi.

RENATO LOIERO RENATO LOIERO

Il primo a essere reclutato è stato Francesco Talò come consigliere diplomatico con una lunga carriera alle spalle: ambasciatore in Israele, console a New York, coordinatore cyber alla Farnesina.

 

Ma anche rappresentante dell'Italia alla Nato a Bruxelles. Un grimaldello strategico per la leader di FdI visto che in questi ultimi mesi ha seguito con particolare attenzione il dossier Ucraina e l'Alleanza. E' stato Talò ad accompagnarla agli ultimi vertici internazionali: dal Cop27 in Egitto al G20 di Bali.

 

Per quello militare, invece, al posto del generale Luigi De Leverano è stato scelto Franco Federici, già al comando della missione Kfor (Kosovo Force) della Nato. Mancano ancora diverse pedine. E non è escluso che Meloni si circondi altri consiglieri economici. Così come continua la caccia, per quanto riguarda la comunicazione, di un giornalista esperto di media esteri. In grado di gestire i rapporti con la stampa internazionale.

RENATO LOIERO RENATO LOIERO

 

Condividi questo articolo

politica

ORGE, METANFETAMINE E VIDEOGAME: LA VITA FOLLE DI SAM BANKMAN-FRIED E CAROLINE ELLISON – LUI È IL FONDATORE DI FTX, L’IMPERO DELLE CRIPTOVALUTE DA 32 MILIARDI DI DOLLARI FINITO IN BANCAROTTA. LEI LA CEO DI ALAMEDA RESEARCH, LA SOCIETÀ CHE FINANZIAVA GLI INVESTIMENTI GONFIATI E TRUFFALDINI DELLA SOCIETÀ DI TRADING. INSIEME, DA UN RESORT DI LUSSO ALLE BAHAMAS, PRATICAVANO IL POLIAMORE, E DA STRAFATTI SOGNAVANO DI CAMBIARE IL MONDO. NON È ANDATA PROPRIO COME VOLEVANO – TUTTA LA STORIA

“LA DIRIGENZA DI SINISTRA ITALIANA SAPEVA, LI AVEVO AVVISATI IO” – L’EX SENATRICE ELENA FATTORI INCASTRA FRATOIANNI SUL CASO SOUMAHORO: “HO VISITATO LA COOPERATIVA KARIBU. ERA SPORCA, FATISCENTE, C’ERA LA MUFFA. NE HO VISTE TANTE DI STRUTTURE, MA QUELLA È STATA LA PEGGIORE” – “NE HO PARLATO CON FRATOIANNI, MA NON HA PENSATO CHE FOSSE RILEVANTE. D'ALTRONDE SOUMAHORO AVEVA UN GRANDE PESO MEDIATICO. ERA APPENA COMPARSO SU UNA COPERTINA DI UN SETTIMANALE COME FUTURO LEADER DELLA SINISTRA” – “ESPELLERLO ORA SAREBBE IPOCRITA: LO HANNO CERCATO PER LA CANDIDATURA SAPENDO CHI ERA”