GOVERNO, LIBERI TUTTI! - TAJANI SFANCULA SALVINI: "OGNUNO HA LE SUE IDEE. IO E LA MELONI SIAMO PER LA DIPLOMAZIA" – “LE PEN A PONTIDA? IL GOVERNO NON C’ENTRA. SUI MIGRANTI BASTA FARE A GARA A CHI LA SPARA PIÙ GROSSA. LA MELONI A LAMPEDUSA HA PARLATO DI ONU E DI EUROPA” – SU SAIED E LA TUNISIA, POCHE SPERANZE SUL VIA LIBERA DEI 2 MILIARDI DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE - IL DOCUMENTO PER UN INTERVENTO ONU IN AFRICA (CIAO CORE!)

-

Condividi questo articolo


Estratto da ilfattoquotidiano.it

tajani salvini tajani salvini

Per il leader della Lega “il governo è unito” anche sulla questione migranti, ma tra Matteo Salvini e Antonio Tajani continua il botta e risposta a distanza sulle strategie da adottare e, in particolare, sull’alleanza a livello europeo con Rassemblement National di Marine Le Pen auspicata dal capo del Carroccio.

 

Dopo che sabato proprio Salvini aveva implicitamente accusato Forza Italia di voler “governare con i Socialisti”, in vista delle prossime elezioni europee, oggi a rispondere è l’altro vicepresidente del Consiglio: “Le Pen a Pontida? Il governo non c’entra. Sui migranti basta fare a gara a chi la spara più grossa“

 

(...)

 

 

TAJANI

Ilario Lombardo per “la Stampa” - Estratti

 

Il Piano Mattei non esiste senza un robusto aiuto internazionale, e senza il cappello dell'Onu. 

meloni tajani meloni tajani

 

(...9

Meloni ne parlerà con il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, che vedrà mercoledì pomeriggio, prima dell'intervento all'Assemblea previsto per la sera. La premier si è convinta che l'Unione europea non basti e che vada creata una piattaforma politica in sede Onu. A Guterres illustrerà un quadro che si è fatto drammatico e che rende necessaria la collaborazione di più attori. Servono soldi, progetti, finanziamenti. «Serve un maggiore coinvolgimento dell'Onu» ha ammesso ieri la premier da Lampedusa. Una missione. Anzi, di più: «Un piano Marshall per l'Africa» lo definiscono alla Farnesina. Solo così, è la convinzione della diplomazia italiana, si potrà dare sostanza al Piano Mattei, che in fondo non è mai stato chiaro cosa fosse, al di là di una generica definizione degli obiettivi.

ANTONIO TAJANI AL FORUM AMBROSETTI DI CERNOBBIO ANTONIO TAJANI AL FORUM AMBROSETTI DI CERNOBBIO

 

 

 

(...) Ormai Tajani sembra riporre poche speranze sul via libera in breve tempo dei circa 2 miliardi del Fondo monetario internazionale. «Si deve pensare a un accordo svincolato da quello tra Tunisi e Fmi».

 

Saied non vuole saperne delle riforme richieste (a partire dai tagli del mostruoso apparato pubblico di Tunisi) e il Fondo non ci sta a mettere soldi in un vaso bucato. Per questo, Meloni ha scommesso tutto sulla Ue e sull'aiuto di Ursula von der Leyen. Mentre i sauditi hanno staccato già un assegno da 500 milioni di dollari per Tunisi, Saied ancora attende i 250 milioni di euro promessi da Bruxelles. Soldi che, pensa Meloni, servirebbero a placarlo e a convincerlo a trattare sulle riforme.

 

antonio tajani alla versiliana antonio tajani alla versiliana

(...)

 

E dopo giorni di sfida con Matteo Salvini, intenzionato a giocarsi la campagna elettorale sulla rotta del Mediterraneo, ha capito che non può abbandonare la via diplomatica. Tajani pensa che la premier non debba seguire gli umori del leghista. Non farsi trascinare su ipotesi irrealizzabili come il blocco navale o nella disfida per contendersi il voto più populista di destra.

 

«Va bene il contenimento ma serve una strategia diplomatica. Si può aprire al modello di una missione Sofia ma senza dimenticare le altre azioni di intervento. Come sulla Tunisia». Ma Salvini sbaglia ad attaccare l'Ue con Marine Le Pen a Pontiac, e Meloni a seguirlo? In altre parole, la premier dovrebbe seguire Tajani? «Su Le Pen tutti sanno come la penso. Ognuno invita chi vuole a casa propria, e ognuno ha le sue idee e le sue strategie. Vedo però che Meloni a Lampedusa ha parlato di Onu e di Europa. Ha le idee chiare e con me parla perché sono ministro degli Esteri».

MATTEO SALVINI ANTONIO TAJANI MATTEO SALVINI ANTONIO TAJANI antonio tajani antonio tajani ANTONIO TAJANI E GIORGIA MELONI COME MASSIMO SEGRE E CRISTINA SEYMANDI ANTONIO TAJANI E GIORGIA MELONI COME MASSIMO SEGRE E CRISTINA SEYMANDI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…