1. CACCIARI AL MAX: "UN GOVERNO PD-MOVIMENTO 5 STELLE? UN PATARACCHIO INDECENTE”   
2. “LA GENTE NON È SCEMA, O FAI UN GOVERNO CON PERSONALITÀ DI ALTISSIMO PROFILO, ALTRIMENTI SI ANDRÀ UGUALMENTE AL VOTO E LA DESTRA VINCERÀ PER UNA GENERAZIONE  
 E UN DISASTRO SIMILE NON VERRÀ MAI PERDONATO. E SARÀ PAGATO CON IL SANGUE” – VIDEO
3. E SUI CINQUE PUNTI PROGRAMMATICI ELENCATI DA ZINGARETTI, AGGIUNGE: "DEVONO RIMANERE FERMI, ALTRIMENTI SARÀ DIFFICILE ARRIVARE A UN ACCORDO CON I 5 STELLE"

Condividi questo articolo


 

 

Gianni Carotenuto per www.ilgiornale.it

massimo cacciari (2) massimo cacciari (2)

 

 

"Si faccia un governo con personalità di altissimo profilo, non un pateracchio indecente. Altrimenti si andrà ugualmente ad elezioni e il centro-destra vincerà per una generazione e mezza". Ospite di In Onda, su La7, il filosofo Massimo Cacciari lancia l'allarme su quando sta per succedere sull'asse Pd-5 Stelle, al lavoro da giorni su di un accordo per la formazione in Parlamento di un governo di legislatura.

luigi di maio nicola zingaretti luigi di maio nicola zingaretti

 

Un'ipotesi con pochi pro e molti contro per l'ex sindaco di Venezia, il quale invoca "un segnale di discontinuità" da parte dei pentastellati che può derivare solo dal fatto che "nel nuovo governo non ci siano i massimo responsabili del precedente".

 

CONSULTAZIONI - LA DELEGAZIONE DEL MOVIMENTO 5 STELLE CONSULTAZIONI - LA DELEGAZIONE DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Per Cacciari si tratta di un aspetto "fondamentale", altrimenti il "pateracchio indecente comporterà che si vada a votare lo stesso", con i 5 Stelle e il centro-sinistra destinati a "prendere, giustamente, una massacrata". Cacciari, tra gli opinion-maker più ascoltati a sinistra, osserva: "Era inevitabile che in questa fase il Pd attutisse le contraddizioni interne".

consultazioni la delegazione del pd da mattarella paolo gentiloni nicola zingaretti andrea marcucci consultazioni la delegazione del pd da mattarella paolo gentiloni nicola zingaretti andrea marcucci

 

E sui cinque punti programmatici elencati da Zingaretti, aggiunge: "Devono rimanere fermi, altrimenti sarà difficile arrivare a un accordo con i 5 Stelle". Però, tra le cinque condizioni stabilite da Zingaretti, ce n'è una che Cacciari trova "inaccoglibile: la fine di Conte e di Di Maio. Francamente mi pare irrinunciabile", afferma Cacciari, per quanto nelle ultime ore il segretario del Pd abbia aperto a una conferma al governo di Di Maio.

 

MASSIMO CACCIARI GIULIA BONGIORNO MASSIMO CACCIARI GIULIA BONGIORNO

A preoccupare l'ex sindaco di Venezia, però, è un'altra cosa. Ovvero il "governo dei perdenti" che si va profilando. "La gente non è scema. O fai un governo con personaltà di altissimo profilo, un governo di spessore costituente, oppure tutte le debolezze emergeranno prepotentemente. E il centro-destra vincerà per una generazione e mezza, perché un disastro simile non verrà mai perdonato".

salvini conte di maio salvini conte di maio

 

Per Cacciari, "bisogna smetterla con il politichese e il palazzese. I 5 Stelle non vogliono il voto perché verrebbero divisi per tre. L'hanno capito tutti, anche le pietre". Quindi l'avvertimento finale: "Temo un pateracchio che sarà pagato con il sangue".

massimo cacciari (1) massimo cacciari (1) salvini conte salvini conte MASSIMO CACCIARI MASSIMO CACCIARI MASSIMO CACCIARI MASSIMO CACCIARI matteo salvini giuseppe conte luigi di maio matteo salvini giuseppe conte luigi di maio salvini conte salvini conte salvini conte di maio salvini conte di maio matteo salvini e luigi di maio salutano giuseppe conte prima del discorso del premier 1 matteo salvini e luigi di maio salutano giuseppe conte prima del discorso del premier 1 massimo cacciari (3) massimo cacciari (3)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO