IL GOVERNO ALLA PROVA CON LA DOPPIA MOZIONE DI SFIDUCIA NEI CONFRONTI DI SANTANCHE’ E SALVINI – “VANNO LISCE TUTTE E DUE”, È LA PREVISIONE CHE RIMBALZA TRA PALAZZO CHIGI E VIA DELLA SCROFA, ANCHE SE FRATELLI D’ITALIA NON HA MAI DIGERITO L’ATTRAZIONE DELLA LEGA PER MOSCA E IL CARROCCIO GUARDA CON INTERESSE ALLA POLTRONA DEL TURISMO, SUI CUI STA SEDUTA DANIELONA CHE SI DICE “TRANQUILLISSIMA” - SOLO IN CASO DI RINVIO A GIUDIZIO LA SANTANCHE’, CHE E’ FORTE DEL SOSTEGNO DEL PRESIDENTE DEL SENATO LA RUSSA, VALUTERÀ L’ADDIO...

-

Condividi questo articolo


Monica Guerzoni per il Corriere della Sera

santanchè salvini santanchè salvini

Tutti in Aula. Deputati, sottosegretari, ministri. Il serrate i ranghi è arrivato via Whatsapp, con tanto di avviso per le possibili sedute in notturna. Gruppi parlamentari allertati e l’ordine di Palazzo Chigi di non lasciare scranni vuoti, per respingere la doppia mozione di sfiducia delle opposizioni contro Salvini e Santanchè.
 
«Vanno lisce tutte e due», è la previsione che rimbalza tra Palazzo Chigi e via della Scrofa, poiché la maggioranza ha i numeri per spazzar via i reciproci imbarazzi. Fratelli d’Italia non ha mai digerito l’attrazione della Lega per Mosca e la Lega, si sa, guarda con interesse alla poltrona del Turismo, sui cui sta seduta Daniela Santanchè: «Io sono tranquillissima, zero preoccupata».
 
La senatrice non sarà in Aula e non solo perché glielo hanno consigliato i suoi legali e i «big» del partito. Ha parlato l’estate scorsa a Palazzo Madama e non vede ragione alcuna per ribadire la sua autodifesa alla Camera. La sfiducia allora fu respinta e lei è convinta che finirà così anche stavolta.
 

MATTEO SALVINI E DANIELA SANTANCHE MATTEO SALVINI E DANIELA SANTANCHE

L’accusa di aver truffato l’Inps con la cassa Covid, ancora da dimostrare, imbarazza i colleghi di partito e di coalizione, eppure Santanchè, forte del sostegno del presidente del Senato, Ignazio La Russa, non sembra temere colpi bassi dei leghisti e non si aspetta defezioni. «Con la mozione di sfiducia le hanno fatto un regalo», è l’idea che condividono in molti al vertice di FdI. «Il M5S ha commesso un errore politico». Se diversi colleghi di partito avevano dubbi sull’opportunità di difendere a oltranza una ministra sospettata di aver raggirato lo Stato con la sua azienda editoriale Visibilia, la mossa degli avversari ha costretto FdI e il governo a difenderla.
 
A Giorgia Meloni la ministra ha confidato di sentirsi a posto con la coscienza, le ha detto di essere fiduciosa perché «fin qui i magistrati mi hanno sempre dato ragione» e la premier l’ha incoraggiata a restare al suo posto: «Vai avanti, fai il tuo lavoro...». La blindatura di Palazzo Chigi ha retto alla chiusura delle indagini e reggerà a una eventuale richiesta di rinvio a giudizio.

SALVINI - TAJANI - MELONI - SANTANCHE - MEME BY EMILIANO CARLI SALVINI - TAJANI - MELONI - SANTANCHE - MEME BY EMILIANO CARLI

 
«Una volta che l’Aula della Camera le ha riconfermato la fiducia certo non la molliamo perché lo chiede un giudice — spiega un meloniano al governo —. Non possiamo consentire alle toghe di decidere chi può fare il ministro e chi no». Il confine è questo. Perché in caso di rinvio a giudizio il muro di contenimento alzato dalla premier crollerebbe.
 
Per i vertici di FdI «la blindatura di Daniela viene meno con il processo». E qui il partito si divide, tra chi pensa che Santanchè si sia impegnata con Meloni a dimettersi senza contropartite e chi invece immagina che possa resistere ancora. «Aspettiamo, vediamo le carte», invitano alla cautela i più garantisti. «In caso di rinvio a giudizio sarà Santachè a decidere che fare», è la linea secondo Raffaele Speranzon, vicecapogruppo vicario di FdI. In caso di passo indietro, nessuno nel partito si aspetta un vero e proprio rimpasto, né tantomeno un Meloni bis.
 

daniela santanche matteo salvini daniela santanche matteo salvini

(...) Anche Matteo Salvini, salvo sorprese, diserterà l’Aula. Per lui ha parlato una nota della Lega, con cui il segretario ha reciso a parole la collaborazione politica con Russia Unita, il partito di Putin, che non pochi imbarazzi ha creato a Palazzo Chigi. La sfiducia sarà respinta e pazienza se il vicepremier continua ad attaccare Ursula von der Leyen nel tentativo di indebolire Meloni. «Ormai sappiamo come è fatto — sdrammatizzano i fedelissimi della premier —. Non c’è rabbia, Salvini banalmente cerca voti».

matteo salvini daniela santanche matteo salvini daniela santanche

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…