HANNO UNA COALIZIONE MA NON UN PROGRAMMA - SALVINI VUOLE L’AUTONOMIA REGIONALE (PER RECUPERARE VOTI AL NORD) E MELONI IL PRESIDENZIALISMO - DALLA POLITICA ESTERA AI DIRITTI CIVILI FINO ALLE PENSIONI, NEL CENTRODESTRA HANNO IDEE DIVERSE - IL DELIRIO DI BERLUSCONI: “HO APPENA REGISTRATO 20 VIDEO, POSSIAMO ARRIVARE OLTRE IL 20%” - I FILMATI VERRANNO PUBBLICATI SU INSTAGRAM E FACEBOOK - A DESTRA DEVONO DEFINIRE I COLLEGI NELLA SUA PARTE PIÙ COMPLESSA: LA COLLOCAZIONE GEOGRAFICA DELLE CIRCOSCRIZIONI (CIOE’ DOVE CI SI CANDIDA) - SI USERA' IL "METODO VERDINI"

-

Condividi questo articolo


BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI

Francesco Olivo per “la Stampa”

 

Il centrodestra si dà una settimana di tempo per il programma comune. Ieri è stato inaugurato il primo tavolo, i delegati dei partiti hanno cominciato dalle questioni preliminari, prima tra tutte, appunto i tempi e poi il metodo. I temi per il momento sono stati solo accennati, «il clima è buono», ripetono tutti, «l'80% è fatto», esulta Antonio Saccone dell'Udc, esibendo un'unità di intenti ancora più evidente vista la divisione dell'altro campo, ma alcuni passaggi non sono così scontati.

 

VERTICE CENTRODESTRA A MONTECITORIO 2 VERTICE CENTRODESTRA A MONTECITORIO 2

Si parlerà di tasse, pensioni, politica estera (per esplicita richiesta di Giorgia Meloni). Fratelli d'Italia cercherà di imporre uno dei suoi cavalli di battaglia: il presidenzialismo. La Lega chiede di mettere nero su bianco un impegno per realizzare l'autonomia differenziata. Il comunicato finale è un abile esercizio di equilibrismo che tende a sminare ogni possibile polemica interna: «Nel corso della riunione, è emersa totale condivisione nel ribadire il pieno rispetto degli impegni internazionali dell'Italia anche relativamente alla guerra in Ucraina, riforma presidenziale, autonomia». Ovvero i tre temi sui quali i partiti hanno posizioni diverse.

 

SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI

A mettere pressione ci aveva pensato in mattinata Matteo Salvini che si è rivolto agli alleati: «Porterò personalmente la proposta di autonomia in mano a Berlusconi e alla Meloni di cui sono sicuro arriveranno le firme, perché autonomia significa efficienza, responsabilità, modernità, sviluppo e territori. Si può fare flat tax e pace fiscale e con l'autonomia è garantito avere meno burocrazia».

 

Salvini è sicuro delle firme, ma in Fratelli d'Italia sul tema è decisamente più prudente, per motivi storici, la destra italiana ha una tradizione centralista, e anche per un fatto di equilibri di potere. Una risposta era arrivata su La Stampa di domenica da Giovanbattista Fazzolari, responsabile del programma di FdI: «Per noi l'autonomia funziona solo in presenza di una riforma in senso presidenzialista dello Stato».

matteo salvini e giorgia meloni incontrano silvio berlusconi nella sua villa a roma 2 matteo salvini e giorgia meloni incontrano silvio berlusconi nella sua villa a roma 2

 

«La Costituzione va riformata in senso organico e non con "toppe a colori" come ha fatto la sinistra, spesso peggiorandone il testo e l'impianto», ha spiegato ieri il capogruppo alla Camera Francesco Lollobrigida. Salvini, che pure non è contrario all'elezione diretta delle cariche dello Repubblica, ieri ha replicato: «Non c'è nessuno scambio tra autonomia e presidenzialismo, non siamo al mercato».

 

Il leader della Lega ha un gran bisogno di recuperare i consensi al Nord persi alle ultime amministrative, dove FdI ha superato il Carroccio specie nei centri medio grandi. Ieri Salvini era in Veneto, dove il tema dell'autonomia è molto sentito, tanto che il «programma alla virgola», che il leader sottoporrà agli alleati, è stato elaborato dai governatori Attilio Fontana e Luca Zaia.

 

SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI

Agli imprenditori e alle partite Iva incontrate nel suo tour veneto, che oggi prosegue a Venezia, Salvini ha promesso flat tax al 15%, taglio dell'Iva sui beni di prima necessità e lotta all'immigrazione clandestina. Su questo ultimo punto si concentrerà l'agenda del senatore milanese nei prossimi giorni, in particolare giovedì con il viaggio a Lampedusa, dove l'obiettivo di un ritorno al Viminale diventerà esplicito. Gli alleati invitano alla cautela, ma dentro FdI c'è la convinzione che sarà difficile impedire a Salvini di ottenere il Ministero dell'Interno. Silvio Berlusconi intanto, vuole giocare in prima persona, anche con un inedito, per lui, sbarco sui social.

 

denis e francesca verdini foto barillari denis e francesca verdini foto barillari

«Ho appena registrato 20 video, possiamo arrivare oltre il 20%», ha raccontato. I filmati verranno pubblicati su Instagram e Facebook per tutto il mese di agosto. Il centrodestra tornerà a riunirsi oggi, ci sono da definire i collegi. Se da un punto di vista numerico l'accordo è stato raggiunto, ora viene la parte più complessa la collocazione geografica delle circoscrizioni, dove ci si candida. Il cosiddetto metodo Verdini, ovvero la suddivisione dei collegi in 6 fasce di rischio (dal collegio blindato a quello impossibile), è stato messo in crisi con l'allargamento delle circoscrizioni. Un elemento che complica la chiusura di una partita, che nessuno però dà per persa.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...