GLI ITALIANI IN LUNA DI MELONI! – A DUE MESI DALLE ELEZIONI, FRATELLI D’ITALIA CONTINUA A GUADAGNARE CONSENSI: SECONDO L’ULTIMA RILEVAZIONE DI “DEMOPOLIS” IL PARTITO DELLA DUCETTA È ARRIVATO A QUOTA 29 PER CENTO, SEGUITO DAL MOVIMENTO 5 STELLE (17,4%) – IL PD CONTINUA A TRACOLLARE, MENTRE LA FIDUCIA NELLA PREMIER E NEL GOVERNO SONO IN CRESCITA…

-

Condividi questo articolo


Da www.ilfattoquotidiano.it

 

forza delle coalizioni sondaggio demopolis 23 novembre 2022 forza delle coalizioni sondaggio demopolis 23 novembre 2022

A due mesi dalle elezioni prosegue la corsa di Fratelli d’Italia. Il partito della presidente del Consiglio Giorgia Meloni tocca quota 29 per cento. Quello che è cambiato, nel frattempo, è che il primo inseguitore ora è il M5s, in aumento progressivo dal 25 settembre. E’ la sintesi del sondaggio di Demopolis ad un mese dal giuramento al Quirinale.

 

Ad oggi, secondo i dati Demopolis, il 42 per cento degli italiani esprime una valutazione positiva sui primi 30 giorni del governo Meloni. Più alta (al 48 per cento), in crescita nelle ultime settimane, è la fiducia per la presidente del Consiglio: il giudizio positivo degli italiani sulla premier risulta di 6 punti superiore rispetto alla valutazione complessiva dell’esecutivo, a sottolineare il fattore personale della leader di Fratelli d’Italia.

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

 

Questo ha un effetto anche sulle intenzioni di voto. Fdi si conferma ampiamente la prima forza politica con il 29 per cento (+3 rispetto ai risultati delle Politiche), seguito dal M5s che si assesta al 17,4 (con una crescita di quasi 2 punti).

 

Anche Demopolis registra un tracollo del Pd che si posiziona al terzo posto, con una quota di preferenze al 16,5, risultato di un calo di oltre 2 punti. Più o meno stabili la Lega (8,7) e Azione-Italia Viva (7,6), mentre cede quasi un punto Forza Italia (è al 7,3). Galleggia poco sopra il 3 l’Alleanza Sinistra-Verdi. Quanto alle coalizioni, il centrodestra non ha avversari: centrosinistra, M5s e polo centrista avrebbero chance (dal punto di vista meramente aritmetico) solo se si unissero, circostanza più che remota.

 

fiducia in giorgia meloni sondaggio demopolis 23 novembre 2022 fiducia in giorgia meloni sondaggio demopolis 23 novembre 2022

Nota informativa | L’analisi è stata effettuata dal 21 al 22 novembre su un campione nazionale di 2mila intervistati, statisticamente rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per aree geografiche di residenza, genere e fascia di età. Supervisione della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Coordinamento del Barometro Politico Demopolis a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Approfondimenti e metodologia su: www.demopolis.it

SONDAGGIO DEMOPOLIS 25 AGOSTO SONDAGGIO DEMOPOLIS 25 AGOSTO CONTE LETTA CONTE LETTA giorgia meloni conferenza stampa sulla manovra 2 giorgia meloni conferenza stampa sulla manovra 2 il peso dei partiti sondaggio demopolis 23 novembre 2022 il peso dei partiti sondaggio demopolis 23 novembre 2022 GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI letta conte calenda letta conte calenda fiducia in giorgia meloni. sondaggio demopolis 23 novembre 2022 fiducia in giorgia meloni. sondaggio demopolis 23 novembre 2022

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…