JOE, MA ‘NDO BIDEN? – IL PRESIDENTE AMERICANO SI INCAZZA CON CHI GLI DÀ DEL VECCHIO RIMBA, MA POI SCIVOLA NELL'ENNESIMA GAFFE: CHIAMA L'EGIZIANO AL SISI "PRESIDENTE DEL MESSICO" - ANCHE I GIORNALI LIBERAL SCARICANO IL PRESIDENTE DEM DOPO CHE IL PROCURATORE SPECIALE ROBERT HUR HA DEFINITO BIDEN “UN UOMO ANZIANO CON PROBLEMI DI MEMORIA”. IL “NEW YORK TIMES”: “BIDEN DEVE FARE DI PIÙ PER MOSTRARE AL PUBBLICO DI ESSERE IN GRADO DI MANTENERE LA PRESIDENZA…” – RICICCIA IL TORMENTONE DI UNA POSSIBILE CANDIDATURA ALTERNATIVA: MA CHI? MICHELLE OBAMA SCALPITA, MA IL “VECCHIO” JOE NON VUOLE MOLLARE…

-

Condividi questo articolo


 

 

1. USA 2024, WSJ: BIDEN FURIOSO MA NON INTENDE MOLLARE LA CORSA

joe biden. joe biden.

(ANSA) - Joe Biden è "furioso" per il rapporto del procuratore speciale Robert Hur sulle carte segrete. La sua rabbia è stata sfogata dietro le quinte con un gruppo di consiglieri, con i quali il presidente americano non avrebbe nascosto la sua frustrazione.

 

Ma nonostante la furia e la preoccupazione per la sua età, Biden non sta considerando di lasciare la corsa alla Casa Bianca. Lo riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti, secondo le quali la first lady Jill è una forte sostenitrice della ricandidatura del presidente.

 

ROBERT HUR ROBERT HUR

2. USA 2024, NYT: MOMENTO BUIO PRESIDENZA BIDEN, DEVE FARE DI PIÙ

(ANSA) - Joe Biden deve "fare di più per mostrare al pubblico di essere completamente in grado" di mantenere la presidenza fino a 86 anni. Lo afferma il board editoriale del New York Times, sottolineando che la conferenza stampa del presidente americano di giovedì invece si rassicurare il pubblico ha sollevato "ancora più dubbi" sulle sue capacità cognitive e sul suo temperamento.

 

"Gli alleati di Biden sono già ricorsi al solito copione di Washington" per demolire il rapporto del procuratore speciale Robert Hur che, al di là delle sue motivazioni, ha presentato dettagli che sono andati ad alimentare le preoccupazioni già esistenti fra gli elettori, osserva il board editoriale.

donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 3 donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 3

 

"Questo è un momento buio per la presidenza Biden, proprio mentre gli elettori si affidano a lui per offrire al Paese un'alternativa al pericolo unico di Donald Trump. Sulle domande più importanti - l'integrità e il carattere richiesto per la presidenza - non ci sono paragoni fra i due. Nei momenti più difficili della sua presidenza, nel sostenere gli alleati minacciati e nel guidare l'economia americana lontano dalla recessione, Biden è stata una presenza saggia a costante.

 

Deve fare di più per mostrare al pubblico di essere completamente in grado" di mantenere la presidenza fino a 86 anni, mette in evidenza il New York Times incoraggiando un cambio di rotta e anche più conferenze stampa, perché "il mix dell'età e della sua assenza dal palcoscenico hanno eroso la fiducia del pubblico".

joe biden donald trump amiconi secondo l'intelligenza artificiale joe biden donald trump amiconi secondo l'intelligenza artificiale

 

3. BIDEN, ORA ANCHE I MEDIA LIBERAL SOLLEVANO DUBBI SU ETÀ E SALUTE. E TORNANO LE VOCI DI UN «CAMBIO IN CORSA»

Estratto dell’articolo di Massimo Gaggi per www.corriere.it

 

Sedici anni fa, ancora senatore, Joe Biden, intervistato dalla Cbs, disse che, quando nel 1929 crollò Wall Street, «Roosevelt andò in televisione» per rassicurare e criticare l’avidità degli speculatori. Unico problema: nel 1929 Roosevelt non era presidente. E la televisione non esisteva.

 

È uno degli aneddoti citati da chi continua a difendere il presidente anche quando scambia nomi e confonde circostanze storiche: ieri ha chiamato Al-Sisi presidente del Messico anziché dell’Egitto mentre mercoledì aveva menzionato per due volte un colloquio del 2021 con l’ex cancelliere tedesco Helmut Kohl, morto nel 2017. […]

 

joe biden. 2 joe biden. 2

Al di là degli errori sui nomi […], i ragionamenti del presidente continuano ad essere lucidi. Ma l’immagine di un uomo sempre più anziano e fragile e lo schiaffo del procuratore speciale Robert Hur che, nel decidere di non procedere contro di lui per i documenti top secret illegalmente detenuti nel garage di casa, lo ha definito «un vecchio con la memoria deteriorata», fanno male: alimentano gli attacchi della destra ma rianimano anche tra i democratici le discussioni sull’opportunità della sua candidatura.

 

E la reazione umana del presidente che ha convocato una conferenza stampa per replicare, infuriato e offeso, ai «commenti impropri» del procuratore, viene definita dal New York Times un «disastro politico». […] Alla Cnn che gli chiedeva una reazione ai ripetuti sondaggi dai quali emerge che la maggioranza degli americani lo considera troppo vecchio per un secondo mandato presidenziale ha risposto: «Questo è un giudizio solo tuo».

 

joe biden michelle e barack obama joe biden michelle e barack obama

Per The Atlantic […]  la questione della senilità di Biden non può più essere ignorata. Commenti critici anche da altri media, dal Guardian al sito Politico.com. Intanto sulle reti sociali si moltiplicano i confronti tra le esitazioni e gli sbagli di Biden e Putin che ha sostenuto un’intervista di oltre due ore con Tucker Carlson, parlando di tutto, facendo complesse ricostruzioni storiche senza mai sbagliare un nome o aver bisogno di leggere qualcosa.

 

L’ex braccio destro di Obama alla Casa Bianca, David Axelrod, nota che,  […] quanto sta accadendo e il cambiamento dei meccanismi delle campagne elettorali hanno fatto precipitare il presidente in un problema di comunicazione difficile da risolvere.

joe biden. joe biden.

 

Torna, inevitabile, il tormentone di una possibile candidatura alternativa, ma la situazione rimane quella descritta nei giorni scorsi: le primarie sono ormai cominciate, non possono essere presentate altre candidature. L’unica possibilità è un ritiro di Biden a ridosso o durante la convention democratica del prossimo agosto. E i nomi alternativi rimangono quelli di governatori come quelli della California e del Michigan, Gavin Newsom e Gretchen Whitmer, con sullo sfondo la suggestione di Michelle Obama. Ma il furioso Biden di questi giorni tutto sembra meno che uno pronto a mollare.

jill biden joe biden barack obama michelle obama kamala harris jill biden joe biden barack obama michelle obama kamala harris michelle obama joe biden michelle obama joe biden

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTO LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO