KHAMENEI CHE ABBAIA, NON MORDE - L'OFFENSIVA CONTRO ISRAELE È STATA BEN CALIBRATA DALLA GUIDA SUPREMA PER NON PROVOCARE UNO SCONTRO DIRETTO CON GLI STATI UNITI, MA NON E’ DETTO CHE ABBIA FATTO BENE I CONTI - GIA' DOPO L'UCCISIONE DEL GENERALE SULEIMANI (COLPITO DA UN DRONE AMERICANO NEL 2020), LANCIO' UNA RAPPRESAGLIA CONTRO I MILITARI STATUNITENSI NELLA REGIONE, SAPENDO BENE DI NON UCCIDERNE NESSUNO. IERI SAPEVA CHE I DRONI SAREBBERO STATI FERMATI DALL'IRON DOME, MA LO SHOW GLI E' SERVITO IN PATRIA PER NON PASSARE COME QUELLO CHE PIEGA IL CAPO DAVANTI AGLI USA... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Giordano Stabile per “La Stampa”

 

ALI KHAMENEI IN PREGHIERA PER LA FINE DEL RAMADAN ALI KHAMENEI IN PREGHIERA PER LA FINE DEL RAMADAN

Il 9 gennaio del 2020, sei giorni dopo l'uccisione del generale Qassem Suleimani, il numero 3 del regime iraniano, i missili da crociera dei Pasdaran sorvolavano il deserto iracheno. Obiettivo la base di Ayn al-Asad, il più importante complesso militare degli americani nel Paese.

 

I soldati si erano già ritirati nei compound fortificati, dopo la telefonata di avvertimento degli ufficiali di Teheran agli omologhi statunitensi. I missili cadevano uno dopo l'altro scuotendo le piste di cemento e gli edifici. La base, cuore del dispositivo americano in Mesopotamia, era priva di Patriot o altre difese aeree.

netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano

 

I soldati potevano solo osservare, aspettare, e sperare che non accadesse il peggio. La rappresaglia degli Ayatollah era studiata per non fare vittime e non innescare una guerra aperta con gli Stati Uniti. Quattro anni fa è finita così. Ma questa volta è diverso.

 

Anche se l'obiettivo resta lo stesso: non perdere la faccia e non esporsi a un attacco devastante da parte di Israele e degli Usa. Ma la guida suprema Ali Khamenei si è infilata in un corridoio sempre più stretto: può andare solo avanti, senza vie di uscita laterali.

 

lancio missile iran lancio missile iran

Lo schiaffo dell'uccisione del generale Mohamad Reza Zahedi, nel consolato di Damasco, bruciava ancora. Le parole di Biden, il monito a «non attaccare», hanno avuto l'effetto del sale sulla ferita. Perché se non avesse fatto nulla, Khamenei sarebbe passato alla storia per quello che aveva piegato il capo davanti al "Grande Satana".

 

Il corridoio è diventato una trappola perché le opzioni erano poche. L'Iran non poteva attaccare le ambasciate israeliane nella regione, come avrebbe richiesto una rappresaglia proporzionata.

ALI KHAMENEI hassan rouhani ALI KHAMENEI hassan rouhani

 

Colpire ad Amman, come ad Abu Dhabi, avrebbe significato buttare al vento il principale risultato del presidente Ebrahim Raisi. La normalizzazione con gli Stati Arabi moderati, a cominciare dall'Arabia Saudita, che, con l'aiuto della Cina, ha permesso a Teheran di uscire dallo strangolamento delle sanzioni e tenuto in piedi il regime. Sarebbe una sconfitta strategica gigantesca. […]

 

Ma se l'attacco sul territorio israeliano si trasformasse in una guerra regionale Teheran tornerebbe a essere la grande minaccia da contenere in Medio Oriente, come la Russia nell'Europa dell'Est. Khamenei doveva però valutare anche un aspetto tattico.

 

Come sottolineano analisti nel campo dell'Asse sciita della resistenza, un lancio massiccio di missili poteva incorrere in due tipi di fallimento.Se la formidabile difesa antiaerea di Tsahal, composta da tre strati di sistemi all'avanguardia, li avesse abbattuti tutti, «la deterrenza iraniana sarebbe seriamente ridimensionata».

 

iraniani festeggiano attacco a israele iraniani festeggiano attacco a israele

Ma se ne passavano troppi la rappresaglia «sproporzionata» avrebbe giustificato l'allargamento del conflitto, uno degli obiettivi del premier Benjamin Netanyahu, soprattutto in ottica personale: più si allunga la guerra più resta alla guida di Israele. È ancora presto per capire, con notizie frammentate, se andiamo in questa direzione.

 

Un'azione iraniana limitata a ondate di droni suicidi, seguite da un numero contenuto da missili da crociera, come appariva ieri in tarda serata, non avrebbe queste controindicazioni e confermerebbe la volontà della guida suprema di non farsi invischiare in maniera irreparabile nel conflitto.

ali khamenei ali khamenei

 

Bisogna vedere se il premier israeliano è dello stesso parere e le prime dichiarazioni lasciano presagire tutt'altro. Anche perché il confronto si innesta anche sulle difficoltà che incontra l'esercito israeliano a Gaza, sottolineate da esperti militari di tutte le aree politiche, compresi di centrodestra.

 

Il dubbio che serpeggia è che Hamas stia «vincendo la guerra». Anche se fosse vero che «20 su 24 battaglioni» jihadisti sono stati distrutti, cioè ventimila uomini sui 25 mila stimati all'inizio delle operazioni, questo non è stato sufficiente per arrivare alla «vittoria totale», cioè alla decapitazione del movimento e al pieno controllo del territorio.

 

ISMAIL HANIYEH, LEADER DI HAMAS, CON L AYATOLLAH KHAMENEI ISMAIL HANIYEH, LEADER DI HAMAS, CON L AYATOLLAH KHAMENEI

Come ha notato l'analista Seth Frantzman, appena l'esercito israeliano si è ritirato da Khan Younis, come già da Gaza City, Hamas è tornata padrona. I suoi uomini gestiscono la distribuzione degli aiuti e mantengono l'ordine. […] Uno scomposta reazione da parte dell'Iran è a questo punto la carta migliore nelle mani di "King Bibi".

 

Khamenei lo sapeva. Doveva attraversare quel corridoio sempre più stretto: colpire senza esporsi, ribadire la propria guida della "resistenza" senza farsi distruggere dai raid di risposta di Israele, dotata, questo sì, di una supremazia aerea schiacciante. […]

missili di difesa israele iron dome missili di difesa israele iron dome iraniani festeggiano attacco a israele 11 iraniani festeggiano attacco a israele 11 biden e blinken biden e blinken iran lancia attacco contro israele usando decine di droni iran lancia attacco contro israele usando decine di droni iran lancia attacco contro israele usando decine di droni iran lancia attacco contro israele usando decine di droni raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 8 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 8 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 9 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 9 iraniani festeggiano attacco iraniani festeggiano attacco attacco iran a israele attacco iran a israele attacco iran a israele 2 attacco iran a israele 2 iran attacca israele 77 iran attacca israele 77 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 10 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 10

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"