PER KIEV SI METTE MALE – IL COMANDO MILITARE UCRAINO AMMETTE: “LA SITUAZIONE SUL FRONTE ORIENTALE SI È NOTEVOLMENTE DETERIORATA” - IL GENERALE AMERICANO CHRISTOPHER CAVOLI SOSTIENE CHE SE L’UCRAINA NON RICEVERA’ PRESTO ARMI NON AVRA' SCAMPO: L’ESERCITO RUSSO STA PER PASSARE IN VANTAGGIO DI 10 SOLDATI A 1 (OGGI LA PROPORZIONE È 5 A 1) RISPETTO A QUELLO DI KIEV - DALL'INIZIO DELL'INVASIONE, LE TRUPPE DI MOSCA SONO AUMENTATE DEL 15%, PASSANDO DA 360 MILA A 470 MILA - E PUTIN VUOLE RIATTIVARE LA CENTRALE NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA...

-

Condividi questo articolo


KIEV, 'LA SITUAZIONE MILITARE È NOTEVOLMENTE DETERIORATA'

zelensky putin zelensky putin

(ANSA-AFP) - La situazione militare sul fronte orientale dell'Ucraina si è "notevolmente deteriorata" per Kiev, secondo quanto ha ammesso il comando militare ucraino.

 

UCRAINA, WSJ: "PUTIN VUOLE RIATTIVARE CENTRALE ZAPORIZHZHIA"

(Adnkronos) - Il presidente russo Vladimir Putin ha intenzione di riattivare la centrale nucleare di Zaporizhzhia nel sud dell'Ucraina e di questo ha informato l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea). Lo scrive il Wall Street Journal (Wsj) spiegando che l'Aiea ha ricevuto un report dagli ispettori a Zaporizhzhia secondo i quali il Cremlino intende riattivare almeno uno dei reattori della centrale quest'anno. La centrale nucleare più grande d'Europa, quella di Zaporizhzhia, è attualmente sotto il controllo russo.

centrale nucleare di zaporizhzhia5 centrale nucleare di zaporizhzhia5

 

«SENZA ARMI KIEV NON HA SCAMPO» MOSCA, BOMBA PER L’EX 007 UCRAINO

Estratto dell’articolo di Marta Serafini per “Corriere della Sera”

 

Se l’Ucraina non riceverà munizioni, perderà. E l’esercito russo passerà in vantaggio di 10 a 1 in poche settimane, rispetto alla proporzione di oggi che è già di 5 a 1 a svantaggio di Kiev. Prova a risvegliare le coscienze dei deputati statunitensi, Christopher Cavoli, generale a cinque stelle alla guida del comando europeo degli Stati Uniti, con 37 anni di carriera alle spalle. Durante un’audizione al Congresso, lo stesso dove ancora sono bloccati 60 miliardi di dollari a causa del veto repubblicano, Cavoli ha dato una serie di avvertimenti.

volodymyr zelensky volodymyr zelensky

 

Primo, l’esercito russo ha più uomini dall’inizio dell’invasione e ha aumentato le sue forze in prima linea da 360.000 a 470.000 effettivi. «L’esercito ora è in realtà più grande del 15% rispetto a quando ha invaso l’Ucraina», ha sentenziato Cavoli. Secondo, l’Ucraina dipende quasi del tutto dall’aiuto esterno, in particolare sulla fornitura di proiettili da 155 mm. Se questo viene meno, Kiev perde, con conseguenze nefaste non sono per l’ucraina. «I problemi si estenderanno all’esterno, a cominciare dall’Europa. […]

 

Cavoli non è l’unico a ribadire l’urgenza. «La possibilità di un crollo dell’esercito ucraino non può essere esclusa e l’Ucraina è nel suo momento più fragile in oltre due anni di guerra», hanno dichiarato funzionari statunitense a Bloomberg. Per l’intelligence militare ucraina, infine Mosca sta attingendo alle unità militari dell’Estremo Oriente, inclusa la flotta del Pacifico, per rimpiazzare le perdite subite in Ucraina.

 

centrale nucleare di zaporizhzhia2 centrale nucleare di zaporizhzhia2

A tenere banco ieri tra gli esperti di intelligence è stata poi la notizia di un nuovo attentato a Mosca. Questa volta nel mirino è finito Vasily Prozorov, ex funzionario del Servizio di sicurezza nazionale ucraino (Sbu) che vive a Mosca da diversi anni. Il suo Toyota Land Cruiser ferendolo lievemente alle gambe. […]

CHRISTOPHER CAVOLI CHRISTOPHER CAVOLI

MURALE BACIO PUTIN ZELENSKY MURALE BACIO PUTIN ZELENSKY

CHRISTOPHER CAVOLI CHRISTOPHER CAVOLI

centrale nucleare di zaporizhzhia nel 2019 centrale nucleare di zaporizhzhia nel 2019

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO