“E' GRAVE PER L'ITALIA NON ESSERE AL MONDIALE. VENTURA VENNE MASSACRATO. NON VOGLIO INFIERIRE SU MANCINI, MA MI PARE INGIUSTO UN TRATTAMENTO COSÌ DIVERSO...” – DIEGO ABATANTUONO NEL PALLONE – “LA NAZIONALE È DEBOLE PERCHÉ SONO STATE SBAGLIATE LE CONVOCAZIONI” – LE BORDATE CONTRO I TALK SPORTIVI: “SOLO CALCIATORI E ALLENATORI. CHE NOIA, CHE ASSENZA DI IRONIA” – LA BOBO TV? MAI PENSATO DI VEDERLA” - “I CINEPANETTONI? LI HO FATTI E MI SONO DIVERTITO. ANCHE SE RICORDO UN'ESTATE A SACROFANO…”

-

Condividi questo articolo


Adriana Marmiroli per “la Stampa”

 

diego abatantuono diego abatantuono

«Sono un Babbo Natale travestito da nonno», scherza Diego Abatantuono, che nonno lo è davvero («professionista») e a fare Santa Claus ci è portato, vedi il precedente di 10 giorni con Babbo Natale. In Improvvisamente Natale, su Prime Video dal 1° dicembre, è un nonno che, per attutire la notizia dell'imminente separazione dei genitori, organizza alla nipotina un Natale anticipato a Ferragosto. Malgrado il cast composito (Violante Placido, Lodo Guenzi, Sara Ciocca, Nino Frassica, Antonio Catania, Michele Foresta, Paolo Hendel, Gloria Guida, Anna Galliena), non è un cinepanettone ma la classica commedia per famiglie a lieto fine.

 

L'altra novità è che debutta direttamente sulla piattaforma senza passare dalla sala. Come dritto sul digitale è andato anche un altro recente film con Abatantuono, Il mammone: remake del francese Tanguy, in circa due settimane su Sky è stato visto da 1,7 milioni di spettatori.

ANGELA FINOCCHIARO DIEGO ABATANTUONO - IL MAMMONE ANGELA FINOCCHIARO DIEGO ABATANTUONO - IL MAMMONE

 

Una volta lei sarebbe stato campione al botteghino non in tv. Tempi che cambiano?

«I dati dei cinema sono disastrosi. Temo che il pubblico li avrebbe visti comunque in tv. La sala è affascinante se c'è gente, ma vuota è triste. Non è solo questione di bello o brutto, carino o eccezionale. C'è a chi piace rasarsi i capelli di lato e tenerli lunghi in cima alla testa. È bello, è brutto? Solo a pochi sta bene. Però è la moda e allora tutti si pettinano così. Idem per il cinema. Improvvisamente tutti devono vedere un certo film. C'è un po 'di diseducazione a pensare con la propria testa».

diego abatantuono grand hotel excelsior diego abatantuono grand hotel excelsior

 

Finita l'era dei cinepanettoni?

«Erano un'altra cosa rispetto a questa commedia ambientata in un non-Natale. Li ho fatti e mi sono divertito. Anche se ricordo un'estate a Sacrofano con 40 gradi nel frigo e noi con il piumino...».

 

Natale senza cinepanettone e Mondiale senza Italia. Com' è?

«Triste. Per ora ho visto ben poco. Ma quando si arriverà al dunque, sarà comunque affascinante da seguire. Il calcio ha il fascino della diretta e dell'incognita».

DIEGO ABATANTUONO - CAMERIERI DIEGO ABATANTUONO - CAMERIERI

 

Un colpo di scena c'è stato: l'Argentina sconfitta.

«Il colpo di scena è che noi non ci siamo. Abbiamo vinto gli Europei: è grave non essere in Qatar. L'unico allenatore che non era riuscito a farci qualificare, Ventura, venne massacrato. Cancellato. Non voglio infierire su Mancini, ma mi pare ingiusto un trattamento così diverso».

DIEGO ABATANTUONO - SI POTREBBE ANDARE TUTTI AL MIO FUNERALE DIEGO ABATANTUONO - SI POTREBBE ANDARE TUTTI AL MIO FUNERALE

 

Una Nazionale debole?

«Che ognuno si prenda le sue responsabilità. Se è debole, è perché sono state sbagliate le convocazioni. Vedi che la squadra non funziona? E allora, un attimo prima dell'ultima spiaggia, cambia».

 

Le mancano le domeniche pomeriggio a "Quelli che"?

«Era divertente. "Quelli che" non c'è più. Le trasmissioni calcistiche in generale mi paiono senza sostanza. Anche quelle che la Rai ha messo a corollario dei Mondiali. Vedo che conduce gente che non sa dove sta. Era bello mescolare le carte, giornalisti, gente di spettacolo, calciatori. Ora solo calciatori e allenatori, che sono poi ex calciatori. Che noia, che assenza di ironia».

 

Anche Bobo Tv?

«Mai pensato di vederlo».

 

Quest' anno ha scritto anche un libro, "Si potrebbe andare tutti al mio funerale" (ed. Einaudi), con Giorgio Teruzzi. Come mai questo titolo?

ABATANTUONO 66 ABATANTUONO 66

«È un omaggio a Jannacci, a Beppe Viola e al Derby, che è stato per me un'università di vita. Ci sono aneddoti su quel periodo, ma meno di altri che ho scritto prima. È un racconto un po' onirico dove ci sono parenti, conoscenti, amici vivi e morti (gli unici che mi vedono e mi parlano), gente che non ho conosciuto: sembra una festa ed è il mio funerale».

 

Cosa pensa dei nuovi comici?

«Guardo Zelig e scopro che mi fanno ridere i soliti, Ale e Franz, il mago Forest, Bisio. Dei nuovi solo Vincenzo Albano. Un po' pochino, no? Li si cerca su Tik Tock? È sbagliato: lì diventi famoso per un'idea, non per capacità di lungo respiro».

DIEGO ABATANTUONO DIEGO ABATANTUONO diego abatantuono frank matano una notte da dottore diego abatantuono frank matano una notte da dottore CARLO VERDONE DIEGO ABATANTUONO "MAGO DI SEGRATE" GRAND HOTEL EXCELSIOR - 3 CARLO VERDONE DIEGO ABATANTUONO "MAGO DI SEGRATE" GRAND HOTEL EXCELSIOR - 3 diego abatantuono sabina guzzanti i cammelli diego abatantuono sabina guzzanti i cammelli enrico montesano diego abatantuono grand hotel excelsior enrico montesano diego abatantuono grand hotel excelsior diego abatantuono il toro di mazzacurati diego abatantuono il toro di mazzacurati diego abatantuono cose dell’altro mondo diego abatantuono cose dell’altro mondo diego abatantuono diego abatantuono jenny tamburi diego abatantuono monica vitti tango della gelosia jenny tamburi diego abatantuono monica vitti tango della gelosia diego abatantuono diego abatantuono diego abatantuono diego abatantuono diego abatantuono diego abatantuono diego abatantuono diego abatantuono DIANA DEL BUFALO E DIEGO ABATANTUONO DIANA DEL BUFALO E DIEGO ABATANTUONO abatantuono venier 56 abatantuono venier 56 diego abatantuono diego abatantuono giuliano sangiorgi e diego abatantuono giuliano sangiorgi e diego abatantuono diego abatantuono chiara francini soap opera diego abatantuono chiara francini soap opera

 

Condividi questo articolo

politica

LAZIO, CHE STRAZIO – GIORGIA MELONI NON HA ANCORA DECISO CHI SARÀ IL CANDIDATO GOVERNATORE NELLA SUA REGIONE. IL TEMPO STRINGE: SI VOTA A FEBBRAIO E I “FRATELLI D’ITALIA” SONO SPACCATI SUL NOME DI FABIO RAMPELLI, DETTO “AEROPLANINO”. LA DUCETTA VORREBBE IMPORLO, MA QUELLO DEL VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, SEPPUR AUTOREVOLE E CONOSCIUTO A ROMA, È UN NOME NON AMATISSIMO (EUFEMISMO) TRA I SUOI – LA SCORSA SETTIMANA “IO SO’ GIORGIA” HA DETTO: “FABIO È IL PIÙ CONOSCIUTO”. E QUALCHE MALIGNO HA AGGIUNTO: “È CONOSCIUTO ANCHE PER LE CATTIVERIE…” - E ALEGGIA LO SPETTRO MICHETTI

TRA PALCO E REALTÀ – IERI ALLA SCALA GLI OCCHI ERANO TUTTI PUNTATI SUL PALCO REALE IN OVERBOOKING. NON ERA MAI STATO COSÌ AFFOLLATO: OLTRE A MATTARELLA E A SALA, HANNO VOLUTO TIMBRARE IL CARTELLINO ANCHE URSULA VON DER LEYEN E LA PREMIER GIORGIA MELONI. L’ULTIMA VOLTA DI UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ERA STATA AI TEMPI DEL GOVERNO MONTI, CON NAPOLITANO CAPO DELLO STATO – LA BATTUTA DI DAGO (“IL PALCO CROLLERÀ, SARÀ UNA CASAMICCIOLA”) E IL "SUDOKU" PER ASSEGNARE I POSTI: GLI ACCOMPAGNATORI IN SECONDA FILA, ATTILIO FONTANA IN TERZA…

“I BARBARI HANNO ESPUGNATO IL TEMPIO E SI CAPISCE CHE INTENDONO RESTARCI” – LA CRONACA DELLA PRIMA “PRIMA” ALLA SCALA DELLA DESTRA AL POTERE, BY ALBERTO MATTIOLI: “IN PLATEA, LA GIÀ DEPRECATA ÉLITE DELLA ZTL NON SEMBRA OSTILE: UN'EDUCATA INDIFFERENZA MAGARI INCURIOSITA MA NON NEGATIVA, MENTRE GLI APPLAUSI SONO TUTTI PER SERGIO MATTARELLA” – “NELLA TONNARA DEL FOYER, SEMBRANO TUTTI SODDISFATTISSIMI. VIENE IN MENTE LEONE X, CHE DIVENTÒ PAPA DICENDO: ‘DIO CI HA DATO IL PONTIFICATO, GODIAMOCELO’” – IL PANICO PER IL RUBINETTO DELLA TOILETTE PRESIDENZIALE NON FUNZIONANTE E IL BRACCIO DA "IO SO' GIORGIA E TE CORCO" DELLA MELONI - VIDEO