“AMERICANI E UCRAINI HANNO OBIETTIVI DIVERSI SULLA GUERRA” - LUCIO CARACCIOLO: “WASHINGTON VOLEVA INTERROMPERE L'INTERDIPENDENZA ENERGETICA RUSSO-TEDESCA E RUSSO-EUROPEA E INDEBOLIRE LA RUSSIA SEPARANDOLA DA PECHINO. L'OBIETTIVO UCRAINO È RIPRENDERE QUELLO CHE I RUSSI GLI HANNO SOTTRATTO. NON RIUSCENDO AD AVANZARE SUL TERRENO, MOSCA INFIERISCE SULLA SOCIETÀ UCRAINA, PER SPINGERLA A NEGOZIARE. SE DOVESSE CONTINUARE QUESTA STRATEGIA, QUALCHE PROBLEMA DI TENUTA DEL FRONTE UCRAINO EMERGERÀ. LA GUERRA NON SONO CENTIMETRI QUADRATI PERSI O PRESI, MA CHI DURA DI PIÙ”

-

Condividi questo articolo


LUCIO CARACCIOLO LUCIO CARACCIOLO

Estratto dell’articolo di Paolo Brera per “la Repubblica”

 

[…] Lucio Caracciolo […]

 

Direttore, ma la geopolitica non era un tabù? Cos' è cambiato? Da cosa nasce questa passione?

«Sì, geopolitica era un termine proscritto fino a pochi anni fa. Era considerata materia nazistoide, […] era ritenuta la materia con cui erano state modellate le mire imperialiste che avevano sconvolto il mondo […] Ma finalmente hanno capito che non è una scienza sulfurea e diabolica […]».

 

Perché ci sono decine di guerre ma ne vediamo solo una?

putin zelensky biden putin zelensky biden

«Per il bene della nostra salute mentale. […] Ti interessano i problemi e le opportunità in aree geografiche o culturali che possono toccarti. […]».

 

Quali sono i nodi per uscirne negoziando?

«[…] Per l'americano medio l'Ucraina è una nebulosa, sanno a malapena dove sia; il governo Usa invece aveva due obiettivi: interrompere l'interdipendenza energetica russo-tedesca e russo-europea, ed è stato raggiunto. E indebolire la Russia separandola da Pechino, ed è in parte ottenuto. L'obiettivo ucraino invece è sopravvivere, e se possibile riprendere tutto quello che i russi gli hanno sottratto».

ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN

 

È raggiungibile?

«Lo stesso capo delle forze armate Usa lo ritiene molto improbabile. La preoccupazione Usa è che la guerra si allarghi […] Ma i russi non riuscendo ad avanzare più di tanto sul terreno infieriscono sulla società ucraina, per spingerla a negoziare. Se dovesse continuare questa strategia, qualche problema di tenuta del fronte ucraino penso emergerà. La guerra non sono centimetri quadrati persi o presi, ma chi dura di più».

 

La Turchia colpisce i curdi e minaccia di entrare in Siria e Iraq. Erdogan si gioca la rielezione?

recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi 2 recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi 2

«La geopolitica turca non cambia molto con Erdogan o senza: c'è forte consenso sulla sua politica estera, a cominciare dalle forze armate. Sulla questione curda, è chiaro che la Turchia vuole dare un segno sia sul fronte siriano che iracheno: quella è la sua sfera di interesse, e non vuole altre potenze tra i piedi. È un segnale inviato anche agli Usa, che direttamente o meno hanno sempre appoggiato i curdi del Pkk».

 

Attaccheranno in forze?

«Bisogna capire se ne hanno i mezzi, per una penetrazione. Sia lì che in zona balcanica». […]

 

Condividi questo articolo

politica

IN IRAN LA REPRESSIONE CONTINUA, A TUTTA FORCA! – UN RAGAZZO DI 23 ANNI, MOHSEN SHEKARI, È IL PRIMO GIUSTIZIATO DAL REGIME PER AVER PARTECIPATO ALLE PROTESTE PER ROVESCIARE IL REGIME DI ALI KHAMENEI – MA ATTENZIONE: PER IL GOVERNO IRANIANO LA PRIMA ESECUZIONE È UNA SCOMMESSA, INASPRENDO ANCORA DI PIÙ LO SCONTRO I RIVOLTOSI POTREBBERO ESSERE ANCORA PIÙ INCAZZATI E RADICALIZZARE, ANCORA DI PIÙ, LO SCONTRO – LE RIVELAZIONI DEI MEDICI IRANIANI: LA POLIZIA SPARA AI GENITALI DELLE DONNE…