“BERLUSCONI MI HA CHIAMATO E ABBIAMO PARLATO DI BOMBE ATOMICHE” – IL COMUNISTA MARCO RIZZO RACCONTA: “CIRCA UNA SETTIMANA FA HO RICEVUTO UNA TELEFONATA DI VITTORIO SGARBI ALLE UNDICI DI SERA. IO ERO A CASA, SUL DIVANO E MI STAVO GUARDANDO UN DOCUMENTARIO SULLA GUERRA MONDIALE. MI HA PASSATO SILVIO BERLUSCONI, CHE PERÒ NON MI HA CHIESTO NULLA NEL MODO PIÙ ASSOLUTO” – “ABBIAMO PARLATO DI POLITICA ESTERA, MI HA RISPOSTO CON SAGACIA, MA IO HO…”

-

Condividi questo articolo


Da “Un giorno da Pecora – Radio1”

 

marco rizzo marco rizzo

"Circa una settimana fa ho ricevuto una telefonata di Vittorio Sgarbi alle undici di sera. Io ero a casa, sul divano e mi stavo guardando un documentario sulla guerra mondiale. Mi ha passato Silvio Berlusconi, che però con me non ha minimamente accennato al discorso del Quirinale, non mi ha chiesto nulla nel modo più assoluto. Magari voleva solo sondare il vento che tirava...”

 

silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli

A raccontarlo, ospite di Rai Radio1 a Un Giorno da Pecora, è Marco Rizzo del Partito Comunista. Di cosa avete parlato col Cavaliere? “Abbiamo parlato di politica estera, mi ha risposto con sagacia, si è dimostrato attento e preparato.

 

Era il giorno dell'accordo sulla bomba atomica delle cinque potenze mondiali, e ne abbiamo parlato, ma io chiuso abbastanza in fretta”. Quanto è durata la chiamata? “Un minuto e mezzo circa”. 

MARCO RIZZO MARCO RIZZO MARCO RIZZO MARCO RIZZO MARCO RIZZO MARCO RIZZO SGARBI BERLUSCONI SGARBI BERLUSCONI silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli silvio berlusconi e vittorio sgarbi silvio berlusconi e vittorio sgarbi MARCO RIZZO MARCO RIZZO

 

Condividi questo articolo

politica

“BERLUSCONI MI PORTÒ NELLA SUA CAMERA, MI MOSTRÒ IL LETTO CHE GLI AVEVA REGALATO PUTIN. AVEMMO RAPPORTI SESSUALI, CHIACCHIERAMMO E LUI MI DEDICÒ POESIE” - ALT! TORNA A PARLARE PATRIZIA D’ADDARIO, OSPITE DI GILETTI: “FUI COSTRETTA A PROSTITUIRMI DALL’UOMO CON CUI STAVO” - LA FUGA DALL’ORGIA CON ALTRE TRE RAGAZZE, A PALAZZO GRAZIOLI: “C’ERANO FARFALLE DAPPERTUTTO, MI SPIEGARONO CHE ERANO IL SIMBOLO DELLA PARTE PIÙ INTIMA DELLE DONNE. SENTÌ CHE MI ACCAREZZAVANO IN UN POSTO IN CUI NON DOVEVANO. SONO CORSA IN BAGNO PERCHÉ VOLEVO ANDARE VIA. BERLUSCONI MI HA RAGGIUNTO E MI HA…”