“BERLUSCONI ALLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA È PER NOI UN’OPZIONE IRRICEVIBILE E IMPROPONIBILE”. DOPO IL VETO SU DRAGHI, DA CONTE ARRIVA IL NIET ANCHE SUL CAV (MA "GIUSEPPI" NON CONTROLLA IL GRUPPO GRILLINO) - “IL CENTRODESTRA NON BLOCCHI L'ITALIA. STIAMO LAVORANDO PER TROVARE UNA SOLUZIONE CHE SIA IL PIÙ AMPIAMENTE POSSIBILE CONDIVISA” (MATTARELLA?)

-

Condividi questo articolo


 

Da fanpage.it

 

 

BERLUSCONI CONTE BERLUSCONI CONTE

Manca poco più di una settimana al primo scrutinio per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica. Se il centrodestra, da parte sua, ha messo sul tavolo il nome di Silvio Berlusconi, il campo giallorosso ancora non si è espresso con dei candidati e continua semplicemente a ripetere la necessità di trovare una larga intesa e che si tolgano dalle discussioni i capi di partito. Come il Cavaliere, per l'appunto.

 

Ieri sera il presidente Cinque Stelle, Giuseppe Conte, ha convocato l'assemblea dei gruppi parlamentari del Movimento per definire la strategia comune nella partita del Quirinale. Era assente Luigi Di Maio, per impegni istituzionali in Francia, comunicano fonti M5s.

 

Nei giorni scorsi l'ex presidente del Consiglio aveva già messo in chiaro di non essere assolutamente disponibile a discutere sul nome di Berlusconi. Senza alternative concrete (anche il Movimento spingerebbe per la permanenza di Mario Draghi a Palazzo Chigi, scongiurando così il voto anticipato) si starebbe allargando il fronte interno di chi spinge per il bis di Sergio Mattarella, nonostante l'attuale capo dello Stato abbia detto più e più volte di non avere alcuna intenzione di restare per un secondo mandato.

BERLUSCONI FINGE DI NON VEDERE CONTE E NON LO SALUTA BERLUSCONI FINGE DI NON VEDERE CONTE E NON LO SALUTA

 

Quindi no a Berlusconi, perché sarebbe per il M5s una "proposta irricevibile". No a Draghi perché bisogna fare tutto il possibile per dare continuità al governo ed evitare il voto anticipato in questa delicata fase per il Paese. "Stiamo lavorando per trovare una soluzione che sia il più ampiamente possibile condivisa nell'interesse di tutti i cittadini, affinché la stragrande maggioranza dei cittadini possa sentirsi coinvolta e orgogliosa da questa decisione", ha detto Conte.

 

All'interno del partito rimangono alcune posizioni diverse, ma fonti M5s presenti all'assemblea ieri sera sottolineano che le voci contrarie sono poche e che la stragrande maggioranza dei parlamentari ha assegnato a Conte pieno mandato per le trattative. Ci sarebbe chi spinge per fare subito un nome in modo da ritagliarsi un ruolo da protagonisti nell'elezione del nuovo capo dello Stato (anche se per ora circolerebbe solo quello di Mattarella) e poco soffrirebbe la volontà di non esporsi del leader, e chi fatica nei dialoghi con tutti (con Salvini, ha detto Conte, è stato instaurato un "canale diretto").

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

"LA 'DIVERSITÀ' GRILLINA HA RETTO POCHI ANNI: LA PRESUNZIONE NON FA MENO DANNI ALLA POLITICA DELL’IMMORALITA’" – MICHELE SERRA: “BEPPE GRILLO È SOTTO INCHIESTA. È PURO CINISMO COMPIACERSI DEL FALLIMENTO DEI TENTATIVI DI MORALIZZAZIONE. MA È PURA STUPIDITÀ NON LEGGERE, NEL DISFACIMENTO STRUTTURALE DEL GRILLISMO, LA MERITATA SCONFITTA DELL'IMPROVVISAZIONE E DELLA PRESUNZIONE" – LA PARABOLA DI GRILLO: "DALLO SHOW BUSINESS ALLA FANGOSA ROUTINE GIUDIZIARIA, COME UN SOTTOSEGRETARIO O ASSESSORE, DI QUELLI CHE PIGLIAVA PER I FONDELLI AI TEMPI D'ORO"

DAGOREPORT! TUTTI SU DRAGHI? MANCO PER IL CAZZO! CERTO, LE SUE AZIONI SONO SALITE CON LA DISPONIBILITÀ DATA DA CONTE A ENRICO LETTA MA I VOTI, PER ORA, NON BASTANO -  A ‘’DRAGHI FOR PRESIDENT’’ MANCANO I VOTI DELLA LEGA E DI FRATELLI D’ITALIA, MOLTO PROBABILMENTE QUELLI DI FORZA ITALIA E ALMENO IL 30% DEI GRILLINI. NON DIMENTICHIAMO POI CHE NEL PD ALMENO IL 30% DEGLI EX RENZIANI NON CI PENSA PROPRIO A VOTARLO: SANNO CHE ENRICHETTO LETTA, QUANDO STILERÀ LE LISTE DEI CANDIDATI, SOGNA DI LASCIARLI TUTTI A CASA - RIEPILOGANDO: DRAGHI SI PRESENTERÀ DAL QUARTO SCRUTINIO DOVE BASTERANNO 505 VOTI. PER AFFOSSARLO SONO SUFFICIENTI 300 FRANCHI TIRATORI. E QUESTI CI SONO TUTTI, PER ORA - AMORALE DELA FAVA: IL TRASLOCO DI DRAGHI AL COLLE E' UN AFFARE DI FAMIGLIA....LETTA!

AMATO COLLE - IL PIANO DEL "DOTTOR SOTTILE" PER ARRIVARE AL QUIRINALE – LA CANNONATA SPARATA DAL SODALE CASSESE CONTRO MARIO DRAGHI: “QUANDO LA NAVE È IN TEMPESTA NON SI CAMBIA IL NOCCHIERO” – PER CONVINCERE BERLUSCONI PRONTA LA NOMINA A SENATORE A VITA - AMATO, 83 ANNI, GARANTISCE AI MILLE GRANDI ELETTORI CHE, SE ELETTO, TOGLIERÀ IL DISTURBO ENTRO UN PAIO D’ANNI, MASSIMO 3. SERVE SOLO UN GRANDE PATTO POLITICO - L'ASSE CON D'ALEMA, FRANCESCHINI-NASTASI,ORLANDO, LETTA E...