“BIBI” FA TUTTO DI TESTA SUA – NETANYAHU CHIEDE AI SUOI GENERALI DI PREPARARE UN PIANO DI EVACUAZIONE DEI CIVILI DA RAFAH IN VISTA DELL'ASSALTO SULLA STRISCIA, NONOSTANTE GLI AVVERTIMENTI DI WASHINGTON (“UN'OPERAZIONE DI TERRA A RAFAH, DOVE SONO STIPATI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI SFOLLATI, SAREBBE UN DISASTRO") E LE OPPOSIZIONI DI AL-SISI E DEGLI STATI ARABI, CHE TEMONO UN’ALTRA ONDATA DI PROFUGHI – IL PRESIDENTE DEVE FARE I CONTI ANCHE CON I MUGUGNI INTERNI: IL NUMERO DI GIOVANI CHE SI ARRUOLANO E’ SCESO AL 60% E LO STATO MAGGIORE VUOLE ALLUNGARE LA LEVA (MA GLI ORTODOSSI RESTERANNO ESENTATI)

-

Condividi questo articolo


1 - I PALESTINESI TRA IL MARTELLO BIBI E L'INCUDINE AL-SISI

Estratto dell’articolo di Giordano Stabile per “la Stampa

benjamin netanyahu benjamin netanyahu

 

Benjamin Netanyahu chiede ai suoi generali di preparare un piano di evacuazione dei civili da Rafah, in modo da svuotare l'ultima città della Striscia prima dell'assalto finale. Abdel Fatah al-Sisi risponde con l'invio di decine di mezzi blindati per rafforzare il controllo del confine e alzare la recinzione che divide i territori palestinesi dall'Egitto. Il quesito è adesso su chi terrà più duro. […]

 

distruzione a rafah, nel sud della striscia di gaza, nel 2014 distruzione a rafah, nel sud della striscia di gaza, nel 2014

È la parte più difficile delle operazioni israeliane, sia dal punto di vista politico che militare. È chiaro che l'obiettivo finale è l'espulsione dei palestinesi, se non tutti la maggior parte. Il ministro delle Finanze Benazel Smotrich, un mese fa, aveva parlato di "200 mila arabi", invece che 2,2 milioni, da lasciare nella Striscia. Una provocazione, certo, da parte dell'ala estremista del governo, ma anche una premonizione. Ora siamo al dunque, né le minacce né le preghiere di Antony Blinken hanno smosso i vertici dello Stato ebraico.

 

militari egiziani al valico di Rafah militari egiziani al valico di Rafah

[…] Per quanto attaccati alla loro terra, i palestinesi non hanno scelta. Su 100 case, 50 sono inabitabili, altre 30 danneggiate, la maggior parte degli ospedali non funziona più, l'acqua potabile è agli sgoccioli, il cibo pure, testimoni citati dalle Ong internazionali raccontano di persone costrette a "mangiare l'erba". Chi si oppone alla seconda Nakba, la catastrofe, il grande esodo, sono gli Stati arabi. Per ragioni di giustizia e umanitarie, è ovvio. Ma forse ancor più per calcolo politico. La prima Nakba, nel 1948, seguita da un'altra grande ondata di profughi nel 1967, finì per destabilizzare la Giordania e il Libano.

valico di Rafah - gaza egitto valico di Rafah - gaza egitto

 

Ne seguirono due guerre civili, una fulminea ad Amman, il Settembre Nero del 1970, finita con la cacciata di Yasser Arafat e i suoi fedayyin, l'altra nel Paese dei Cedri. Al-Sisi ce l'ha bene in mente. E poi ci sono le opinioni pubbliche arabe. Vedono l'inerzia dei loro governi. Ma questa volta sono molto più compatte nella solidarietà verso i palestinesi. […]

 

2 - L’ESERCITO PIANIFICA DI ALLUNGARE LA LEVA MA I PIÙ RELIGIOSI RESTERANNO ESENTATI

Estratto dell’articolo di Davide Frattini per il “Corriere della Sera”

 

soldati israeliani a gaza soldati israeliani a gaza

Le foto di Yanki Deri con la divisa verde oliva che si presenta in caserma avevano stupito quattro mesi fa la maggior parte degli israeliani, non avrebbero dovuto. Ha quarant’anni, è in età per prestare servizio nei riservisti, […] È però anche il figlio di Arye Deri, il leader del partito Shas, e gli ultraortodossi come lui sono di fatto esentati dall’obbligo militare verso lo Stato.

 

Assieme a Deri hanno indossato l’uniforme un centinaio di volontari religiosi, sembrava una svolta, in realtà è una parte minima dei quasi 140 mila haredim […] Lo Stato maggiore sta pianificando di dilatare la durata della leva  […] e soprattutto di richiedere ai riservisti di riarruolarsi per 42 giorni l’anno, il doppio di quanti sono previsti adesso.

BENJAMIN NETANYAHU VISITA I SOLDATI ISRAELIANI NELLA STRISCIA DI GAZA BENJAMIN NETANYAHU VISITA I SOLDATI ISRAELIANI NELLA STRISCIA DI GAZA

 

Più tempo lontano dal lavoro e da casa e per più a lungo: la chiamata può arrivare fino ai 45 anni, cinque in più. «Lo stipendio di un riservista — fa notare in un editoriale il quotidiano Haaretz — è il 47 per cento più alto della media nazionale, il 20 per cento tra loro è impiegato nell’hi-tech. In molti non sono tornati negli oltre quattro mesi di guerra.Così si scopre che chi studia, va all’università, lavora e paga le tasse, porta sulle spalle anche il fardello più pesante del dovere verso le forze armate».

 

[…] «l’esercito del popolo», com’è stato pensato dai fondatori di Israele, è sempre meno l’esercito di tutto il popolo. I ragazzi e le ragazze che al compimento dei 18 anni si presentano al campo di addestramento sono scesi al 60 per cento: gli ultraortodossi sono esentati, se studenti in una scuola rabbinica […]

soldati israeliani a gaza soldati israeliani a gaza

 

la guerra contro Hamas andrà avanti mesi, quella totale con l’Hezbollah libanese può sempre scoppiare, non è il momento di sfoltire i ranghi. Dopo gli attacchi del 7 ottobre i comandanti avevano mobilitato 360 mila riservisti. «[…] I leader sionisti religiosi sono consapevoli che la rabbia popolare possa rivolgersi anche contro di loro. Così continuano a ripetere il numero di coloni uccisi in battaglia a Gaza».

 

È vero che i religiosi con la kippah all’uncinetto hanno in percentuale superato i membri dei kibbutz nella spinta nazionalista ad arruolarsi nelle unità combattenti. Allo stesso tempo i loro leader come Itamar Ben Gvir e Bezalel Smotrich la divisa non l’hanno mai indossata.

ARTICOLI CORRELATI

soldati israeliani a gaza soldati israeliani a gaza valico di Rafah - gaza egitto valico di Rafah - gaza egitto proteste contro netanyahu proteste contro netanyahu

pedro sanchez e alexander de croo al valico di rafah pedro sanchez e alexander de croo al valico di rafah militari egiziani al valico di Rafah militari egiziani al valico di Rafah carri armati egiziani al confine con la striscia di Gaza carri armati egiziani al confine con la striscia di Gaza parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 4 parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…