“LA CANDIDATURA DI ILARIA SALIS? SAREBBE UNA BOIATA. E LEI NON BENEFICEREBBE DELL’IMMUNITÀ” – I DEM AFFOSSANO L’IDEA DELLA SCHLEIN, CHE PENSA ANCHE AL GIORNALISTA “ANTIFA’” DI REPUBBLICA PAOLO BERIZZI CANDIDATO NEL NORD OVEST – IL PD SI DILANIA ANCHE SUL DOPO BONACCINI IN EMILIA-ROMAGNA- L’ATTUALE GOVERNATORE SPINGE IL SINDACO DI RAVENNA, MICHELE DE PASCALE, MENTRE SCHLEIN STRAVEDE PER VINCENZO COLLA, ASSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO...

-

Condividi questo articolo


Carmelo Caruso per il Foglio - Estratti

 

schlein taruffi schlein taruffi

Elly Schlein acchiappa candidati come farfalle. Dal Pd: “Ne abbiamo uno nuovo”. Chi? “Paolo Berizzi, il giornalista di Repubblica”. Dove? “Nel nord-ovest”. E’ vero? La guglia di Elly a Milano, Pierfrancesco Majorino, a cui si chiede conforto, dice di non “saper rispondere alla domanda”.

 

L’altra, domanda, riguarda Ilaria Salis e la sua candidatura. Dal Pd, ancora: “Sarebbe una boiata e non beneficerebbe dell’immunità”. Come non si può amare questo partito? La Pasquetta? I parlamentari del Pd l’hanno trascorsa a studiare il diritto europeo. Il terzo giorno, Altiero Spinelli è resuscitato. Non può che finire con un saggio di Gustavo Zagrebelsky. Il problema del Pd? Prendere le cose sul serio.

 

La candidatura di Salis, a cui tutti augurano di scontare le colpe in Italia, sta già producendo dei saggi dottissimi. Sarebbe bastato dire “è una provocazione per tenere alta l’attenzione sul caso Salis”, e invece ora è materia da professori. L’altro Pd, quello che alla sola idea di vedere Cecilia Strada, Marco Tarquinio e Salis candidati, piuttosto passa con Cateno De Luca, si è già affidato agli esperti.

ILARIA SALIS IN CATENE IN TRIBUNALE ILARIA SALIS IN CATENE IN TRIBUNALE

 

(…)

Lo zio Dario Franceschini, che è come lo spirito e che veglia sulle umane cose, le avrebbe consigliato, con dolcezza, di stare attenta. L’idea di candidarsi al terzo posto contro Decaro e Bonaccini (su lui ci si arriva) scatenerebbe la naturale voglia di rivincita di Bonaccini e di vincita di Decaro. Cosa accade se la segretaria prende meno preferenze dei due barbudos?

 

Francesco Boccia, l’unico ad avere il privilegio di ragionare con la segretaria, le suggerisce di fare la capolista, ad esempio nelle isole, dove sarà candidato Giuseppe Lupo, un altro che a preferenze non scherza come Topo, Lello, che corre in Campania. E lei ci starebbe pensando come pensa che sarebbe bello avere il giornalista acchiappa fascisti, Berizzi, che è già salito, con lei, sul palco, a novembre, insieme con Chiara Valerio e che potrebbe essere candidato sia al nord-ovest sia al nord-est in quanto “interscambiabile”.

ILARIA SALIS IN CATENE IN TRIBUNALE ILARIA SALIS IN CATENE IN TRIBUNALE

 

Al centro ci sarebbe sempre Nicola Zingaretti che è a “disposizione” perché, come ha dichiarato alla Stampa, se si candida “lo decideranno i gruppi dirigenti”. A Tarquinio dicono sarebbe già passata la voglia e che forse, in silenzio si ritira. Ogni giorno Andrea Orlando, il capomastro del Pd, non a caso, lo accarezza perché “Tarquinio parla di pace”. Che poi, e lo dice un deputato del Pd, “avere Tarquinio cosa cambia? Abbiamo già Boldrini e Scotto che sull’Ucraina hanno posizioni differenti. Uno in più, uno in meno non fa differenza”. Farfalle e tormento.

 

E si potrebbe perfino continuare se in Emilia-Romagna, gente spiccia, i sindaci dem, non avessero avvisato sia Schlein sia Bonaccini di finirla. E’ vero che Bonaccini sta per concludere il mandato da presidente, ma gli emiliani che lo seguono gli dicono: “Aspetta, magari vai a Roma, con le suppletive, magari passa il terzo mandato e puoi ricandidarti”.

intervento di paolo berizzi intervento di paolo berizzi

 

Lui: “Un anno, fermo?”. L’ultima volta che Schlein e Bonaccini si sono incontrati, più che parlare della candidatura di Bonaccini in Europa hanno discusso di chi sarà il prossimo presidente della regione. Bonaccini vedrebbe benissimo il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, mentre Schlein stravede per Vincenzo Colla, assessore allo Sviluppo economico, ed ex vicesegretario della Cgil. Le somme: nel Pd sta per deflagrare la questione Emilia-Romagna, l’acchiappa fascisti Berizzi è più probabile di Salis, anche se, al momento, come fanno sapere, “ricomincia la riflessione”. Il Pd? Il solo partito che riconosce l’immunità a chi scrive di Pd.

SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI

 

 

 

 

ilaria salis 5 ilaria salis 5 schlein taruffi schlein taruffi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)