“LA CHIUSURA DELL’ELISEO E’ UN GENOCIDIO CULTURALE” – IL DIRETTORE LUCA BARBARESCHI COMMENTA LA BOCCIATURA DELL'EMENDAMENTO CON IL QUALE IL TEATRO AVREBBE USUFRUITO DI 4 MILIONI ALL'ANNO PER TRE ANNI E ATTACCA FRANCESCHINI - “HANNO INVIDIA DI NOI. FORSE PERCHÉ È L'UNICO CASO ITALIANO IN CUI IL DIRETTORE NON È DI NOMINA POLITICA. MA CHIUDEREMO QUANDO MI PORTERANNO VIA DI PESO” – POI SI RIVOLGE AL CAMPIDOGLIO

-

Condividi questo articolo

luca barbareschi foto di bacco luca barbareschi foto di bacco

Da www.ilmessaggero.it

 

«Chiuderemo quando mi porteranno via di peso da qui». Non usa mezzi termini Luca Barbareschi, direttore del teatro Eliseo incontrando i giornalisti. Barbareschi ha convocato una conferenza stampa a seguito della passo indietro sull'emendamento al decreto legge Milleproroghe con il quale il teatro avrebbe usufruito di 4 milioni all'anno per tre anni. 

 

Teatro Eliseo Teatro Eliseo

«La chiusura del teatro Eliseo è un genocidio culturale», dice. «Ad oggi non possiamo chiudere perché non truffo gli abbonati, e questo ci costerà 400mila euro». «Manderemo a giorni le lettere di licenziamento, non sappiamo cosa fare e poi licenziare chi, gente che ha fatto bene il proprio mestiere», ha aggiunto Barbareschi. «Hanno detto che vogliono aprire un tavolo di trattative con i lavoratori dell'Eliseo, ma questa mattina ho chiamato il Ministero e nessuno sa dirmi nulla».

 

barbareschi barbareschi

«Non mi spiego perché, malgrado il gioco di squadra vincente, il teatro abbia suscitato così tanta invidia sociale da volerlo far morire. Forse perché è l'unico caso italiano il cui direttore non è di nomina politica: un peccato mortale», aggiunge. 

 

Barbareschi si rivolge anche al Campidoglio. «Tutti si dicono dispiaciuti, ma la Raggi non ha mai risposto al telefono, Bergamo dice che non può perché c'è la magistratura, ma non so cosa vuol dire. Se chiude il teatro, se chiudono i teatri muore la cultura, c'è la galera. Sono stufo di vedere persone che dicono una cosa e poi ne fanno altre». E poi: «Chi è stato in quella stanza e ha bocciato quell'emendamento, non potrà più parlare di cultura. Chi chiude teatri non può parlare di cultura». 

BARBARESCHI 7 BARBARESCHI 7 luca barbareschi elena monorchio luca barbareschi elena monorchio luca barbareschi luca barbareschi

 

luca barbareschi luca barbareschi luca barbareschi luca barbareschi BARBARESCHI BARBARESCHI giorgio napolitano e luca barbareschi giorgio napolitano e luca barbareschi elena monorchio luca e angelica barbareschi foto di bacco elena monorchio luca e angelica barbareschi foto di bacco gerini barbareschi gerini barbareschi luca barbareschi ed elena monorchio luca barbareschi ed elena monorchio luca barbareschi elena monorchio luca barbareschi elena monorchio

 

Teatro Eliseo Teatro Eliseo

 

Condividi questo articolo

politica

"COSÌ UTILIZZI LO SFINTERE DI UN ALTRO" - FRANCO GABRIELLI SFANCULA IL SALVINI, MINISTRO DELL’INTERNO: “IN UN PAESE NORMALE CI AVREBBERO GIÀ PRESO A CALCI NEL SEDERE" - IL CAPO DELLA POLIZIA AD UN SEMINARIO FORMATIVO PER DIRIGENTI SINDACALI NE SPARA DI TUTTI I COLORI: “LA LEGA AL GOVERNO NON HA CHIUSO GLI UFFICI DELLA POLSTRADA? BEH: GRAZIE, GRAZIELLA E…”, DICE GABRIELLI LASCIANDO IN SOSPESO IL FAMOSO DETTO. E SULLA RICHIESTA DI INVIARE PIÙ PERSONALE, AGGIUNGE: "AH SI? TUA SORELLA. O TUO CUGINO" – VIDEO DELL’AVVELENATA

IL VIRUS SFIDA E WALTER RISPONDE - DAI FILM CON MARIO MEROLA A ESPERTO DI CORONAVIRUS: LA STORIA DI WALTER RICCIARDI MEMBRO ESECUTIVO DELL'ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ E CONSULENTE SPECIALE DEL MINISTRO SPERANZA, CHE NEGLI ANNI '70 HA RECITATO CON GIULIANA DE SIOALIDA VALLIMICHELE PLACIDOSTEFANIA SANDRELLIMARIA SCHNEIDER E SOPRATTUTTO MARIO MEROLA. I RUOLI IN ''L’ULTIMO GUAPPO‘' (1978), ''IL MAMMASANTISSIMA E NAPOLI… LA CAMORRA SFIDA E LA CITTÀ RISPONDE'' (1979)