“IN CONSIGLIO COMUNALE ERO INUTILE” – “LITTORIO” FELTRI RACCONTA CHE DIETRO LA DECISIONE DI MOLLARE L’INCARICO POLITICO C’È LA SCOPERTA DI UN CANCRO: “NON È UN FORUNCOLO, LA TERAPIA È ABBASTANZA LUNGA. SE VOGLIAMO CI SAREBBE ANCHE UN LATO COMICO: PUR NON AVENDO NIENTE DI FEMMINILE MI È VENUTO IL CANCRO A UNA TETTA. MELONI? MI ADORA, MA LE HO DETTO SÌ ALLA CANDIDATURA IN UN MOMENTO DI DEBOLEZZA. SALVINI? SU DI LUI HO RAGIONE IO. BERLUSCONI MI AVEVA OFFERTO IL POSTO DI SENATORE, MA PIUTTOSTO CHE ANDARE A ROMA VADO IN OSPEDALE…”

-

Condividi questo articolo


Maurizio Giannattasio per il "Corriere della Sera"

 

vittorio feltri vittorio feltri

Dopo sei mesi e mezzo, Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero, si dimette da consigliere comunale di FdI. La decisione arriva dopo la scoperta di un tumore.

 

Direttore, come ti sei accorto della malattia?

«Ho fatto una tac con liquido di contrasto ed è venuto fuori questo cancro. Se vogliamo ci sarebbe anche un lato comico: pur non avendo niente di femminile mi è venuto il cancro a una tetta».

 

Da qui la decisione di dimetterti.

«Il cancro non è un foruncolo. La terapia è abbastanza lunga e impegnativa. Non posso andare in aula, in clinica, al giornale. In più, visto che la mia utilità in aula era pari a zero non ho sofferto più di tanto. Mi dispiace per la gente che mi ha votato. È ciò che mi crea più disagio, ma sono anche convinto che le persone capiscano: un malato di cancro ha il diritto di curarsi».

 

VITTORIO FELTRI VITTORIO FELTRI

Ieri Dagospia ha scritto che in realtà hai colto la palla al balzo dopo che Giorgia Meloni si era lamentata del tuo intervento sul fascismo alla convention di Fratelli d'Italia. È vero?

«È una palla. Anzi la Meloni mi ha mandato dei messaggini tra cui uno in cui mi scrive che mi adora»

 

Perché questa scelta di candidarti in Consiglio?

«Sono amico di Giorgia Meloni da un po' di anni. L'ho incontrata un giorno a Milano negli uffici di La Russa e mi ha detto che sarebbe stato bello se mi fossi candidato con FdI.

In un momento di debolezza mentale le ho detto di sì».

feltri meloni feltri meloni

 

Difficile credere che altri partiti non le abbiano proposto candidature romane.

«Alle ultime politiche Berlusconi mi aveva offerto il posto di senatore, ma piuttosto che andare a Roma vado in ospedale».

 

I rapporti con Salvini sono sempre pessimi?

«Sono pessimi solo perché l'ho criticato. Gli ho solo detto che quando ha lasciato il primo governo Conte se ne è andato senza spiegare il perché. Poi passa un anno e torna al governo con gli stessi e in più con i comunisti. È chiaro che agendo in questo modo sgangherato ha perso una montagna di voti. Non lo dico io, lo dicono i sondaggi. Era al 34 per cento ora è al 16. Chi ha ragione, io o lui?»

vittorio feltri giorgia meloni luca bernardo vittorio feltri giorgia meloni luca bernardo

 

Torniamo al Consiglio. Come sono i rapporti con il sindaco Beppe Sala?

«Lo conosco da anni, non ho nulla di particolare contro di lui. Mi sembra però un sindaco sgangherato».

feltri feltri feltri meloni feltri meloni feltri meloni feltri meloni feltri meloni feltri meloni VITTORIO FELTRI VITTORIO FELTRI

 

Condividi questo articolo

politica

QUI MOSCA, PARLA ALESSANDRO DI BATTISTA - NEL SUO PRIMO REPORTAGE DALLA RUSSIA, IL “CHE GUEVARA DI ROMA NORD” MINIMIZZA GLI EFFETTI DELLE SANZIONI OCCIDENTALI: “I PREZZI SONO AUMENTATI, MA MENO DI QUANTO NON SIANO AUMENTATI IN EUROPA. IL RUBLO È FORTE E, SEPPUR CON MAGGIORI DIFFICOLTÀ, LE PERSONE VIVONO NORMALMENTE INVADENDO I RISTORANTI, I PARCHI PUBBLICI E I CENTRI COMMERCIALI.  PIÙ CI SI ALLONTANA DA MOSCA E PIÙ (SEBBENE GLI EFFETTI DELLE SANZIONI SI SENTANO MAGGIORMENTE) AUMENTANO I SUPPORTER DI PUTIN…”

TASSISTI, I VERI POTERI FORTI – IL CUCÙ DI SEBASTIANO MESSINA: “OGGI ASSISTEREMO AL PIÙ CLASSICO DEI DERBY, LA SFIDA STATO-TASSISTI. LO STATO PARTE SFAVORITO: FINORA È SEMPRE STATO BATTUTO” – FILIPPO CECCARELLI RICORDA GLI INTRECCI TRA TASSISTI E POLITICA, DA ENRICO MATTEI (“USO I PARTITI COME TAXI: PAGO E SCENDO”) A DENIS VERDINI (“SOLO IO TI CONDUCO IN DIECI MINUTI DA BERLUSCONI A MATTEO”) PASSANDO PER LA SCIAGURATA COPPIA ANDREOTTI-SORDI FINO A “BONITAXI” 

IL CAMPO LARGO E’ UN CAMPO SANTO. E ALLORA IL PD SI BUTTA SUL PROPORZIONALE - GLI ABBOCCAMENTI IN PARLAMENTO SI SONO INTENSIFICATI DOPO LE AMMINISTRATIVE COINVOLGENDO ANCHE FRATELLI D'ITALIA, IL PARTITO PIÙ OSTILE ALLA MODIFICA DEL ROSATELLUM - QUEL CHE POTREBBE CONVINCERE GIORGIA MELONI A TRATTARE È SÌ UN SISTEMA PROPORZIONALE, MA CON ROBUSTO PREMIO DI MAGGIORANZA ALLA COALIZIONE - QUESTO PERMETTEREBBE DI CANCELLARE I COLLEGI UNINOMINALI, DA SEMPRE FONTE DI SCONTRI FRA ALLEATI PUR DI ACCAPARRARSI I MIGLIORI, E ANDREBBE NELLA DIREZIONE DI INDICARE, LA SERA STESSA DELLE ELEZIONI, CHI HA VINTO E CHI HA PERSO...