“CONTE RAPPRESENTA QUELL’ITALIANO CHE IN UN FINE SETTIMANA SI È TOLTO LA CAMICIA NERA PER INDOSSARE QUELLA ROSSA” - DAGO AL TG4 STRAPPA LA POCHETTE ALLO SCHIAVO DI CASALINO: “HA INFINOCCHIATO TUTTI, DA DI MAIO A ZINGARETTI. FA UN REALITY DA QUANDO C’È IL VIRUS. E SENZA IL VIRUS SAREBBE GIÀ STATO LIQUIDATO. COSA SUCCEDERÀ QUANDO A SETTEMBRE FINIRÀ LA CASSA INTEGRAZIONE? PUÒ SCOPPIARE UN’EMERGENZA SOCIALE”

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Adolfo Spezzaferro per www.ilprimatonazionale.it

 

giuseppe conte meme 1 giuseppe conte meme 1 ROCCO CASALINO GIUSEPPE CONTE BY LUGHINO ROCCO CASALINO GIUSEPPE CONTE BY LUGHINO

“Il problema non sono gli Stati generali né quanto durano questi Stati Generali, inventati con uno spot. Perché Conte fa un reality da quando c’è il virus. E senza il virus Conte sarebbe già stato liquidato. Tra tante vittime c’è chi ci ha guadagnato con il virus, e uno di questi è Conte“. Irrompe così, in collegamento al Tg4, Roberto D’Agostino in merito agli Stati generali dell’economia a cui sta lavorando la maggioranza giallofucsia. E lo fa attaccando frontalmente il premier, che ai suoi occhi appare un miracolato dall’emergenza coronavirus.

conte meme conte meme

 

dago al tg4 3 dago al tg4 3

“Conte – spiega il fondatore di Dagospia – è stato così abile perché non c’è una leadership in nessun partito. Zingaretti è un ectoplasma, quello sta lì attaccato alla poltrona da governatore del Lazio, non si propone nemmeno come candidato a Palazzo Chigi. Quindi non c’è un premier, non abbiamo un’alternativa”. Il giornalista e opinionista, salutato dal Tg4 dopo un’assenza di vent’anni, offre una lucida analisi della situazione politica attuale. E fa presente che il fatto che non ci siano altre leadership valide nella maggioranza “lo sa benissimo anche Mattarella. Pertanto Conte, finché non c’è un’alternativa, resta al suo posto“, dice convinto D’Agostino.

 

“A settembre, quando finirà la cassa integrazione, può scoppiare un’emergenza sociale”

GIUSEPPE CONTE E IL BONUS MONOPATTINO GIUSEPPE CONTE E IL BONUS MONOPATTINO giuseppe conte meme giuseppe conte meme

Ma Conte non resterà impunito a lungo, fa presente il fondatore di Dagospia. “Cosa potrebbe succede a settembre, quando la cassa integrazione finirà? A quel punto che faranno le aziende, metteranno milioni di disoccupati sulla piazza?”, si chiede. Ecco perché, avverte D’Agostino, “può scoppiare un’emergenza sociale“. Intanto però, conclude, “Conte ha infinocchiato tutti, da Di Maio a Zingaretti“.

conte di maio conte di maio nicola zingaretti giuseppe conte nicola zingaretti giuseppe conte

 

“Conte rappresenta l’italiano che in un fine settimana si è tolto la camicia nera per indossare quella rossa”

D’Agostino, che festeggia proprio in questi giorni i 20 anni del suo celebre sito di gossip e di analisi politiche fuori dal coro – contrassegnato da titoli spesso volgari ma sempre geniali nelle sintesi e nei giochi di parole -, aveva duramente criticato il premier anche nei giorni scorsi. “Da una parte è perfetto per questo Paese, grazie al suo trasformismo. Lui ben rappresenta quell’italiano che in un fine settimana si è tolto la camicia nera per indossare quella rossa – è l’attacco a Conte -. Per questo merita un 6. Ma poi per il resto merita 3. È uno di quelli che senza il virus sarebbe già sparito”. Sic transit gloria mundi.

dago al tg4 1 dago al tg4 1 dago al tg4 2 dago al tg4 2 GIUSEPPE CONTE E ROCCO CASALINO IN CONFERENZA STAMPA GIUSEPPE CONTE E ROCCO CASALINO IN CONFERENZA STAMPA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - TRUCIDONI SPAPPOLATI DALL’IGNORANZA, COATTONI CON LIBIDO MONNEZZARA, PIT-BULLI DI BORGATA ALLA RICERCA DELLA "BANDA DEL TRUCIDO", TRATTENETE LA CLAVA. GOVERNATE LO SHOCK. SIETE TUTTE PERSONE NORMALI, GIA' PRONTI PER LA SANTA SEDE E PALAZZO CHIGI - PARE INCREDIBILE, MA I VOSTRI CANONI DI STILE, PARAMETRI DEL GUSTO, GIÀ INFERIORI A QUELLI DEL BABBUINO, SONO STATI SUPERATI DA PAPA BERGOGLIO E "MELONI, DETTA GIORGIA" - E' COSI': TIRARE FUORI IL PROPRIO TRATTO COATTO, IMPORCHETTATO DAL SARCASMO FEROCE E DALLO SBERLEFFO ATROCE, È L'ULTIMA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE POLITICA PER ABBINDOLARE LA PANCIA DEL PAESE. QUELLA MAGGIORANZA ALL’INCONTRARIO CARA A VANNACCI CHE DETESTA IL FIGHETTISMO DEL RADICAL-SCICCHISMO CHE LA REGINA DI COATTONIA LIQUIDA CON UN POETICO: "PIACERE. QUELLA STRONZA DELLA MELONI. COME STA?"

DAGOREPORT – DR. GIORGIA E MRS. MELONI: LA DUCETTA CAMALEONTE SI SDOPPIA TRA ITALIA E UE! IN CASA PARTE DI CAPOCCIA CON DE LUCA, IN EUROPA FA IL GIOCO DELLE TRE CARTE PER SPUNTARE UN COMMISSARIO DECENTE PER L’ITALIA. E DOPO LE EUROPEE LA PERSONALITÀ DI “QUELLA STRONZA” (AUTO-CIT.) SUBIRÀ UNA NUOVA SCISSIONE: SCHIERATA ALL’OPPOSIZIONE COME LEADER DI ECR, ALLEATA “AFFIDABILE” PER SOSTENERE URSULA – TAJANI PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE? È UNA PROVOCAZIONE DEI TEDESCHI PER METTERE ALL’ANGOLO LA DUCETTA – LE TRAME DI MACRON E SCHOLZ: MAI CON I CONSERVATORI…

LA SCENEGGIATA NAPOLETANA DELLA MELONI! – IL VIDEO DELLA DUCETTA CHE IMBRUTTISCE VINCENZO DE LUCA (“SONO QUELLA STRONZA DELLA MELONI”) SOMIGLIA TANTO A UNA SCENEGGIATA PREPARATA A TAVOLINO: IL CAPO UFFICIO STAMPA DI PALAZZO CHIGI, FABRIZIO ALFANO, ERA POSIZIONATO COL CELLULARE PRONTO A FILMARE LA SCENA, CHE POI È STATA AMPLIFICATA DAI CANALI SOCIAL VICINI ALLA PREMIER - COME MAI DE LUCA NON HA RISPOSTO A TONO? PER LO “SCERIFFO” LA VENDETTA È UN PIATTO CHE VA SERVITO FREDDO. OCCHIO QUINDI ALLE PROSSIME DIRETTE SOCIAL... - VIDEO

FLASH! – INDOMABILE URSULA: SPOSATA DAL 1986 CON IL MEDICO HEIKO VON DER LEYEN, FRA IL 1988 E IL 1999 HANNO SFORNATO SETTE FIGLI (TRA CUI DUE GEMELLE), PRIMA PRESIDENTE DONNA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, A 66 ANNI LA COCCA PREFERITA DI ANGELA MERKEL È STATA INCORONATA DA FORBES LA DONNA PIÙ POTENTE DEL MONDO. BENE, A BRUXELLES SI MORMORA CHE IL FASCINO BIONDO E GELIDO DI URSULA AVREBBE INCANTATO IL 53ENNE EURODEPUTATO TEDESCO DAVID MCALLISTER, SUO COMPAGNO DI PARTITO (CDU) E PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AFFARI ESTERI DEL PARLAMENTO EUROPEO…

PAPA FRANCESCO NON È OMOFOBO, AL MASSIMO SOLO INGENUO: IL DISCORSO DELLA “FROCIAGGINE” SUI SEMINARI È STATO PRONUNCIATO IN UN INCONTRO A PORTE CHIUSE DAVANTI A PIÙ DI 200 VESCOVI, CHE NON VEDEVANO L’ORA DI SPUTTANARE IL “PROGRESSISTA” BERGOGLIO. È IL SEGNO CHE ANCHE IN VATICANO S'E' FRANTUMATO IL RISPETTO PER L'AUTORITA': I PRIMI DI CUI IL PONTEFICE NON PUÒ FIDARSI SONO LE “SUE” ECCELLENZE - ATTENZIONE A NON CEDERE AL "WOKISMO": BISOGNA SGANCIARE LINGUAGGIO E INTENZIONI...