LA “CONTRO-ATREJU” DEL PD – NEI GIORNI IN CUI GIORGIA MELONI TERRÀ LA SUA SOLITA KERMESSE (14-17 DICEMBRE), ELLY SCHLEIN METTE IN CAMPO I TRE EX PREMIER LETTA, PRODI E GENTILONI, PER PROVARE A TOGLIERE VISIBILITÀ ALLA DUCETTA, A UN EVENTO SUL FUTURO DELL'EUROPA AI "TIBURTINA STUDIOS" – IL SILENZIO DI ENRICHETTO, I MOVIMENTI DEL “MORTADELLA”, UNICO A PARLARE ANCHE CON CONTE, E I DUBBI SUL FUTURO DEL COMMISSARIO EUROPEO: GENTILONI, NEMICO NUMERO UNO DI PALAZZO CHIGI, NON SI CANDIDERÀ ALLE EUROPEE PER TENERSI LE MANI LIBERE, IN CASO DI UNA CHIAMATA IN EXTREMIS

-

Condividi questo articolo


CAMPAGNA SOCIAL DI ATREJU CON GIORGIA MELONI CAMPAGNA SOCIAL DI ATREJU CON GIORGIA MELONI

Estratto dell’articolo di Simone Canettieri per “il Foglio”

 

Paolo Gentiloni non andrà ad Atreju, la festa di Fratelli d’Italia, perché Giorgia Meloni ha detto no. […] Come già accaduto per Giuseppe Conte, quando i colonnelli del partito hanno proposto l’idea alla “capa”, la risposta è stata: non se ne parla.

 

[…] Tuttavia anche il Nazareno si appresta a organizzare una grande iniziativa: quel fine settimana metterà insieme Enrico Letta, Romano Prodi e Gentiloni. Si parlerà del futuro dell’Europa ai Tiburtina Studios: è subito nuovo cinema Pd.

 

L’idea […] del Pd  è quella di organizzare una sorta di “contro Atreju” cercando di rosicchiare visibilità all’evento di Fratelli d’Italia, in scena dal 14 al 17 dicembre, con la chiusura affidata proprio alla premier e un parterre di ospiti internazionali in via di definizione.

 

schlein gentiloni schlein gentiloni

La conferenza stampa di presentazione era prevista per oggi, ma è stata rinviata a lunedì prossimo. Perché per assicurarsi le guest star internazionali dovrà scendere in campo, in modalità “Rambo”, direttamente la presidente del partito. Saranno comunque quattro giorni molto densi, con Meloni attesa domenica, reduce dal Consiglio europeo sul Patto di stabilità. Ecco perché davanti a questa manifestazione che si annuncia così centrale, il Pd prova a reagire con la sua “contro iniziativa” nel solco della “contro manovra”, del “governo ombra” e via discorrendo...

 

romano prodi con elly schlein romano prodi con elly schlein

Appuntamento venerdì 15 e sabato 16 con l’assemblea nazionale del partito prevista nel pomeriggio. Schlein con sapienza e in autotutela è riuscita a unire le maggiori personalità del Pd. Letta è stato il segretario che l’ha candidata in Parlamento e che le ha spianato la strada per la candidatura alla sua successione: i rapporti fra i due sono cortesi, ma non assidui, anche perché l’ex premier […]  ha promesso a se stesso di non parlare delle cose dem.

 

elly schlein e enrico letta passaggio di consegne vignetta by gnentologo elly schlein e enrico letta passaggio di consegne vignetta by gnentologo

Poi certo c’è Prodi, il saggio, l’unico in grado di portare da vittorioso alle elezioni il centrosinistra al governo. E’ il federatore a cui tutti si ispirano e che si continua a cercare. Il Prof. è l’unico che parla con Schlein, ma anche con Giuseppe Conte, leader del M5s. E forse il nuovo Prodi, o forse il dopo Schlein, potrebbe essere proprio Gentiloni, altra figura centralissima.

 

Non solo perché è considerato il nemico uno a Palazzo Chigi con continui attacchi della Fiamma magica (ecco perché Meloni non lo ha voluto ad Atreju), ma anche perché ha un futuro politico tutto da costruire. […] Gentiloni ha già detto che non si candiderà alle prossime elezioni europee. Un modo per tenersi le mani libere per  qualsiasi nuovo incarico. E’ pronto a una chiamata in extremis del partito se la situazione dovesse precipitare. Chissà.

 

GIORGIA MELONI GIUSEPPE CONTE - ATREJU GIORGIA MELONI GIUSEPPE CONTE - ATREJU

Per Schlein è un’ombra sicché la segretaria ha pensato bene di coinvolgerlo in questa iniziativa in programma a Roma, nel fine settimana del Meloni-Pride a Castel Gandolfo. Troppo spazio, troppa visibilità, avrà pensato Elly. Pronta a schierare tre ex premier (appuntamento sabato 16 alle 11). Per blindarsi, rilanciarsi e scacciare brutti fantasmi, ovvio.

enrico letta elly schlein stefano bonaccini enrico letta elly schlein stefano bonaccini elly schlein ascolta paolo gentiloni al festival dell economia di trento elly schlein ascolta paolo gentiloni al festival dell economia di trento elly schlein ai funerali della moglie di romano prodi flavia franzoni elly schlein ai funerali della moglie di romano prodi flavia franzoni

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...