“IL COVID NON É LA VARIANTE DI UNA FORMA INFLUENZALE, MA UNA MALATTIA SUBDOLA, INQUIETANTE E PERICOLOSA". L’EX MINISTRO CESARE DAMIANO E' GUARITO E LASCIA DOPO 14 GIORNI DI RICOVERO PER IL CORONAVIRUS L'OSPEDALE SPALLANZANI: “SIATE PRUDENTI E RESTATE IL PIÙ POSSIBILE NELLE VOSTRE CASE...”

-

Condividi questo articolo

Da askanews

cesare damiano cesare damiano

 

“Dopo 27 giorni dai primi sintomi del contagio da Covid-19, febbre e tosse, e dopo 14 giorni di ricovero all'ospedale Spallanzani, sono risultato negativo al quarto tampone. Oggi stesso lascerò l'ospedale". Lo dichiara Cesare Damiano, già ministro del Lavoro. "Ringrazio tutti coloro che mi sono stati vicini - continua - e mi hanno sostenuto aiutandomi a superare questa difficile prova.

 

Cesare Damiano Cesare Damiano

Ringrazio, in modo particolare, tutti i medici di base che mi hanno assistito e gli straordinari medici e infermieri dello Spallanzani per la meravigliosa carica di umanità e l'alto livello di professionalità con i quali mi hanno assistito e assistono i pazienti. A tutti voi una raccomandazione: il Covid non é la variante di una forma influenzale, ma una malattia subdola, inquietante e pericolosa". "Siate prudenti e restate il più possibile nelle vostre case, se siete in grado di farlo. È meglio fare un sacrificio oggi per avere maggiore sicurezza domani", conclude.

cesare damiano cesare damiano Cesare Damiano Simona Bonafe Cesare Damiano Simona Bonafe cesare damiano cesare damiano

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209