“GLI EUROPEI SQUITTISCONO E AFFOGANO NELLA SALIVA DELLA RUSSOFOBIA” - DMITRY MEDVEDEV ORMAI PER GARANTIRSI I FAVORI DI “MAD VLAD” È PIÙ PUTINIANO DI ORSINI, E CI VA GIÙ PESANTE: “RIEMPIRE L’UCRAINA DI ARMI DEI PAESI NATO, ADDESTRARE LE SUE TRUPPE E TENERE ESERCITAZIONI AI CONFINI, AUMENTA LA POSSIBILITÀ DI UN CONFLITTO APERTO TRA NATO E RUSSIA. E IN UN CONFLITTO DI QUESTA PORTATA, ESISTE IL RISCHIO DI UN PASSAGGIO ALLA GUERRA NUCLEARE…”

-

Condividi questo articolo


Da www.liberoquotidiano.it

 

medvedev e il suo fucile medvedev e il suo fucile

 

"Gli europei squittiscono e affogano nella saliva della russofobia": Dmitry Medvedev, ex presidente e numero due del Consiglio di sicurezza russo, ci va giù pesante quando parla della guerra in Ucraina e di quelli che considera suoi avversari.

 

Sembra avere dimenticato l'approccio liberale che aveva in passato, quando addirittura guardava con simpatia all'Occidente. Nulla di più diverso dall'uomo che è oggi, soprattutto quando esalta il conflitto e minaccia il ricorso all'arma nucleare.

 

vladimir putin con il fedele dmitry medvedev vladimir putin con il fedele dmitry medvedev

Medvedev - come riporta il Corriere della Sera - esprime spesso le sue opinioni su Telegram. "Riempire l’Ucraina di armi dei Paesi Nato, addestrare le sue truppe, e ora tenere esercitazioni ai confini, come accadrà, aumenta la possibilità di un conflitto aperto e diretto tra Nato e Russia al posto della “guerra per procura” che stanno conducendo", ha scritto di recente. Accennando come sempre all'arma atomica: "E in un conflitto di questa portata, esiste sempre il rischio di un passaggio alla guerra nucleare vera e propria".

 

esplosione a kharkiv esplosione a kharkiv

 Sull'eventuale adesione della Finlandia alla Nato, invece, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che "l'ingresso nell'Alleanza Atlantica rappresenterà certamente una minaccia per la Russia. La risposta di Mosca ci sarà senz’altro e dipenderà dalla vicinanza delle infrastrutture della Nato alla frontiera". Un avvertimento in piena regola. Anche se poi ha aggiunto che in ogni caso verranno adottate le misure necessarie "per garantire la nostra sicurezza".

carri armati russi distrutti carri armati russi distrutti vladimir putin con medvedev nel 2008 vladimir putin con medvedev nel 2008 vladimir putin vladimir putin

 

il faccione di putin nei palazzi di mosca il faccione di putin nei palazzi di mosca vladimir putin imbraccia un fucile chukavin svc 380 vladimir putin imbraccia un fucile chukavin svc 380

 

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, MA COM’È CHE, CON L’AVVICINARSI DELLE ELEZIONI, REPORT ET SIMILIA ESCONO CON INCREDIBILI SCOOP (SU FATTI DI 30 ANNI FA!) SU “FASCISTI”, “ESTREMISTI DI DESTRA”, STRAGI, SERVIZI SEGRETI (POI COSÌ SEGRETISSIMI NON SEMBRANO, VISTO CHE LI “BUCANO” TUTTI), “DEPISTAGGI” E VIA ANDANDO? AH, SAPERLO! - VAIOLO DELLE SCIMMIE, IL VIROLOGO MASSIMO GALLI TENTA LA "BURIONATA" ("IN ITALIA IL COVID NON CIRCOLA. IL RISCHIO È ZERO") : "LA MALATTIA RESTERÀ UN FENOMENO CONTENUTO"...

LA SEDIA VUOTA DI PALERMO GRIDA VENDETTA - IL CANDIDATO SINDACO DEL CENTRODESTRA ROBERTO LAGALLA DISERTA LE CELEBRAZIONI PER I 30 ANNI DALLA STRAGE DI CAPACI CONTRO "LE FEROCI PAROLE" DI PIF E MARIA FALCONE – I DUE SI ERANO CHIESTI: È POSSIBILE CHE, A 30 ANNI DA CAPACI E VIA D'AMELIO, UN CANDIDATO SINDACO (ROBERTO LAGALLA) DEBBA ESSERE LA RISULTANTE POLITICA DI UN "LODO" CHE HA VISTO COME SUOI ARCHITETTI CUFFARO E DELL'UTRI, ENTRAMBI CONDANNATI IN VIA DEFINITIVA E REDUCI DALL'AVER SCONTATO PENE DETENTIVE PER REATI DI MAFIA?