“FERMATEVI E PENSATECI UN’ULTIMA VOLTA: SIAMO STATI CAPACI DI RINUNCIARE A UN PREMIER COME DRAGHI” - FABRIZIO RONCONE: “CON UNO STILLICIDIO QUOTIDIANO DI STUPIDE RICHIESTE, INSOLENZE E VIGLIACCHERIE, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE. LUI, IL PIU' BRAVO. QUELLO CHE I POTENTI DEL PIANETA ASCOLTANO (E TALVOLTA TEMONO). HA DETTO CHE NON TORNERA'. POI PERO' E' ANDATO A NEW YORK, DOVE E' STATO PREMIATO COME STATISTA DELL’ANNO 2022. E LI' KISSINGER HA SUSSURRATO: ‘SAPPIATELO: OGNI VOLTA CHE DRAGHI SI E' RITIRATO, NON E' MAI STATO UN RITIRO DEFINITIVO’ (PRENDETEVI UN APPUNTO)”

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Roncone per “Sette - Corriere della Sera”

 

La politica, in questo Paese, e una burrasca continua, il bene e il male si sovrappongono, diventano spesso indistinguibili, e tutti ci siamo rassegnati ad andare comunque avanti, senza farci troppe domande, senza voltarci. Ma, ora che abbiamo finalmente votato, suggerisco di fermarci qualche secondo. Davvero, ne bastano una manciata. Fermatevi, guardatevi dietro, e pensateci un’ultima volta: siamo stati capaci di rinunciare a un premier come Mario Draghi. Siamo stati capaci di questo.

KISSINGER DRAGHI KISSINGER DRAGHI

 

Non possiamo derubricare una follia cosi a semplice incidente del destino. Dovreste ricordarvelo quando il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, fu costretto a chiamarlo: capi e capetti dei partiti s’erano incartati dentro una crisi che era chiaramente di sistema, non certamente politica. Me li ricordo andare in processione a Montecitorio, dove lui li aspettava seduto dietro a una scrivania, con un quaderno e due penne Bic per prendere appunti. Colloqui veloci, asciutti, drammatici.

 

C’era da vaccinare un’intera popolazione terrorizzata dal Covid e, contemporaneamente, bisognava convincere l’Europa che saremmo stati in grado di onorare i nostri impegni economici, che insomma anche noi eravamo degni del Pnrr. Poteva riuscirci solo lui, Draghi. E alla disastrata classe politica italiana – la stessa identica che ha gestito la tornata elettorale di domenica scorsa – non sembro vero di potergli affidare i due terrificanti incarichi. Pero erano lo stesso malmostosi.

KISSINGER DRAGHI KISSINGER DRAGHI

 

Gli seccava. Il banchiere, del resto, era gelido con (quasi) tutti, usava parole come lame affilate. E chiaro che hanno deciso di tenerselo il tempo strettamente necessario per svuotare le terapie intensive e mettere a terra i primi accordi con Bruxelles. Quindi, con uno stillicidio quotidiano di stupide richieste, insolenze e vigliaccherie, lo hanno costretto ad andarsene. Lui, il piu bravo.

 

Quello che i potenti del pianeta ascoltano (e talvolta temono). Senza polemizzare, ha detto che non tornera. Non lo chiamassero piu. Poi pero e andato a New York, dove e stato premiato come statista dell’anno 2022. E li, l’ex segretario di Stato americano, il leggendario Henry Kissinger, che gli era seduto accanto, ha sussurrato: «Sappiatelo: ogni volta che Draghi si e ritirato, non e mai stato un ritiro definitivo» (prendetevi un appunto).

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! – IL “BORIS GODUNOV” ALLA SCALA HA “SCONGELATO” IL RAPPORTO BRUXELLES-ROMA: FONDAMENTALE L’INCONTRO TRA VON DER LEYEN E MATTARELLA, NEL QUALE I DUE HANNO PARLATO A LUNGO DEL PNRR - ENTRO DOMANI SARÀ COMUNICATO IL NUOVO ACCORDO SULLA SOGLIA MINIMA PER I PAGAMENTI CON IL POS. L’EUROPA GRADIREBBE CHE IL LIMITE NON SUPERI DIECI EURO, MENTRE IL GOVERNO, COME NOTO, LO VUOLE ALZARE A 60. SI ANDRÀ A UNA MEDIAZIONE E SI TROVERÀ UN COMPROMESSO. NESSUNA INTESA INVECE (PER IL MOMENTO) SUL TETTO AL CONTANTE…

LAZIO, CHE STRAZIO – GIORGIA MELONI NON HA ANCORA DECISO CHI SARÀ IL CANDIDATO GOVERNATORE NELLA SUA REGIONE. IL TEMPO STRINGE: SI VOTA A FEBBRAIO E I “FRATELLI D’ITALIA” SONO SPACCATI SUL NOME DI FABIO RAMPELLI, DETTO “AEROPLANINO”. LA DUCETTA VORREBBE IMPORLO, MA QUELLO DEL VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, SEPPUR AUTOREVOLE E CONOSCIUTO A ROMA, È UN NOME NON AMATISSIMO (EUFEMISMO) TRA I SUOI – LA SCORSA SETTIMANA “IO SO’ GIORGIA” HA DETTO: “FABIO È IL PIÙ CONOSCIUTO”. E QUALCHE MALIGNO HA AGGIUNTO: “È CONOSCIUTO ANCHE PER LE CATTIVERIE…” - E ALEGGIA LO SPETTRO MICHETTI