“FU UNA DECISIONE PESSIMA IL TAGLIO DEI VITALIZI, E’ POSITIVO CHE SIA STATO CORRETTO” - IL SENATORE DEL PD, LUIGI ZANDA, GODE PER LA CANCELLAZIONE DEL TAGLIO ALLE INDENNITÀ DEI SENATORI - A DECIDERE È STATA LA COMMISSIONE CONTENZIOSA DI PALAZZO MADAMA COMPOSTA DA CINQUE MEMBRI: IL PRESIDENTE, GIACOMO CALIENDO, DI FORZA ITALIA. GLI ALTRI COMPONENTI POLITICI SONO ENTRAMBI DELLA LEGA: SIMONE PILLON E ALESSANDRA RICCARDI. POI CI SONO DUE MEMBRI “LAICI”, NOMINATI DAL PRESIDENTE CASELLATI SCELTI TRA MAGISTRATI A RIPOSO…

-

Condividi questo articolo

1 - VITALIZI, ZANDA: "TAGLIO È DECISIONE PESSIMA, BENE SE VIENE CORRETTA"

Da www.adnkronos.com

 

zanda zanda

"Io non conosco la decisione se non per le notizie data dalla stampa. Ma posso dire che ho sempre considerato le decisioni prese tempo addietro, sui vitalizi e le pensioni dei parlamentati come decisioni pessime e quindi tutto quel che viene per correggerle per me è positivo". Luigi Zanda, senatore ed ex-tesoriere Pd, parla così all'Adnkronos della vicenda vitalizi.

 

Misure, sottolinea il senatore, "fatte veramente con una intenzione di disprezzo del Parlamento e di demolizione delle prerogative parlamentari. E non solo. Si sono colpite le persone, si sono quasi messi alla fame ex-parlamentari leali con la Repubblica e che hanno dedicato gran parte della loro vita a servire il potere legislativo".

 

MARIA ELISABETTA CASELLATI SBROCCA CON GLI ASSISTENTI DEL SENATO MARIA ELISABETTA CASELLATI SBROCCA CON GLI ASSISTENTI DEL SENATO

Senatore Zanda, il Pd però la pensa diversamente da lei e anche il segretario Nicola Zingaretti, ma oggi Matteo Salvini ha parlato di "lacrime di coccodrillo" dei dem visto che lei avrebbe voluto, appena un anno fa, aumentare le indennità di parlamentari... "Una falsa notizia. Il mio ddl diminuiva di circa mille euro l'indennità parlamentare. Su questa questione ho già un vertenza aperta con l'onorevole Luigi Di Maio che dovrà rispondere in tribunale. Quanto a Matteo Salvini, che dire? Sono dichiarazioni poco serie di persone non documentare che parlando di questioni che non conoscono e che non hanno approfondito, vogliono solo colpire gli avversari politici".

 

2 - COS’È LA COMMISSIONE CONTENZIOSA DEL SENATO CHE HA ANNULLATO IL TAGLIO VITALIZI

Da www.corriere.it

 

zanda zanda

Il Movimento, che per il taglio dei vitalizi aveva festeggiato in piazza, è insorto. Così come la Lega, il Pd e buona parte delle forze politiche. Ma allora, chi ha deciso la marcia indietro sul taglio dei vitalizi? È stata la Commissione contenziosa del Senato. Composta da cinque membri. Uno è il Presidente, Giacomo Caliendo, senatore, magistrato, di Forza Italia. Gli altri componenti politici sono altri due senatori, entrambi della Lega: Simone Pillon e Alessandra Riccardi, che, eletta con i 5 Stelle, è appena passata con il Carroccio.

 

GIACOMO CALIENDO GIACOMO CALIENDO

Poi ci sono due membri «laici», non senatori, nominati dal presidente del Senato, l’azzurra Maria Elisabetta Alberti Casellati scelti tra magistrati a riposo delle supreme magistrature ordinaria e amministrative, professori ordinari di università in materie giuridiche, anche a riposo, e avvocati dopo venti anni d’esercizio. Anche i senatori che prendono parte alla Commissione devono avere gli stessi requisiti dei membri «laici». La Lega sostiene di essere stata l’unica a votare contro lo stop al taglio dei vitalizi. Si desume che a favore abbiano votato Caliendo e i due non parlamentari.

 

La Commissione Contenziosa - prevista dall’art. 72 del Testo unico delle norme regolamentari dell’Amministrazione riguardanti il personale del Senato della Repubblica - ha il compito di decidere sui ricorsi presentati dai dipendenti del Senato, in servizio o in quiescenza, contro gli atti e i provvedimenti dell’Amministrazione, nonché sui ricorsi contro le procedure di reclutamento del personale e sui ricorsi presentati avverso gli atti e i provvedimenti amministrativi adottati dal Senato.

SIMONE PILLON SIMONE PILLON

 

La decisione della Commissione Contenziosa riguarda ovviamente solo il Senato e non tocca invece il taglio dei vitalizi per gli ex deputati. L’iter però potrebbe avere un seguito in quanto Palazzo Madama potrebbe ricorrere contro la scelta della Commissione.

 

E proprio in questa direzione va la mossa dei Cinque Stelle, che annunciano il ricorso. «A breve proporremo al Consiglio di Presidenza del Senato di fare ricorso contro il ripristino dei vitalizi. La decisione presa ieri dalla Commissione Contenziosa può essere rivista dal secondo e ultimo grado di giudizio interno di Palazzo Madama, il Consiglio di Garanzia», spiega la vice presidente del Senato Paola Taverna.

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica