“HO PROTOCOLLATO LE DIMISSIONI. MA NON ESCLUDO DI RITIRARLE” – STEFANO BANDECCHI SPIEGA IL SENSO DEL SUO PASSO INDIETRO DA SINDACO DI TERNI: “DIPENDE DAI MIEI COLLEGHI DEL PARTITO LOCALE. O CAMBIANO O TUTTI A CASA. IL MIO È UNO SCOSSONE, DEVONO CAPIRE CHE LA POLITICA È SERVIZIO E NON ESISTE PER PAGARE QUATTRO IMBECILLI - SOLO IO POSSO SALVARE L’ITALIA, SE OGNI CINQUE ANNI DOBBIAMO AVERE UN DUCE ALLORA VOGLIO ESSERE IO. MI ANNOIO A PARLARE CON GLI IMBECILLI, MOLTI POLITICI ANDREBBERO ESILIATI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Valeria Costantini per www.corriere.it

 

STEFANO BANDECCHI STEFANO BANDECCHI

«Ho protocollato le dimissioni. Ma non escludo di ritirarle. Intanto punto al 4% in Europa, visto che da lì subiamo la demenza dei nostri eletti. E poi divento presidente del Consiglio». È un fiume in piena Stefano Bandecchi, il giorno dopo l’addio alla carica di sindaco di Terni. Parla senza freni il 62enne livornese e ribadisce la sua missione per conto dell’Italia: salvarla. «Solo io posso, se ogni cinque anni dobbiamo avere un duce allora voglio essere io — dice —. Mi annoio a parlare con gli imbecilli, molti politici andrebbero esiliati».

 

Quindi non lascia?

STEFANO BANDECCHI STEFANO BANDECCHI

«Dipende dai miei colleghi del partito locale. O cambiano o tutti a casa. Il mio è uno scossone, devono capire che la politica è servizio e non esiste per pagare quattro imbecilli. Ho riesumato Alternativa popolare e resto segretario, il partito mi appoggia. […] L’Italia è stata venduta a partner cinesi o russi. Io sono un parà […] e voglio finalmente cambiare il Paese».

 

Prossimo passo l’Europa?

 «Era già stabilito che io fossi capolista nelle cinque circoscrizioni. Dal mio partito non sentirà mai dire che la colpa è dell’Europa perché ricordo che ci sono 75 italiani lì e tutti subiamo la demenza di questi eletti. […] Sennò io ho altro da fare e sono ancora un uomo piacente. Quando incontro una donna sa cosa guardo…».

 

Si riferisce alle frasi sessiste per le quali non si è mai scusato?

STEFANO BANDECCHI IN CONSIGLIO COMUNALE STEFANO BANDECCHI IN CONSIGLIO COMUNALE

«Ma di che mi devo pentire, io ho detto che anche l’uomo peggiore, davanti al no di una donna, deve andare a f...ulo, perché la donna non è proprietà di un uomo. Se un uomo è sano di mente non ammazza le donne».

 

I suoi guai giudiziari non la fermeranno?

«Sono indagato dal 2009, da vigili, pompieri, finanza. Mi svegliarono all’alba per perquisirmi e li ho mandati a f...ulo. Non ho paura, sono stato in guerra, ho visto la gente che muore. Non mi sono mai fidato della magistratura, non mi fido delle istituzioni italiane sennò non entravo in politica. Non posso essere preoccupato per quattro indagini del cavolo...».

STEFANO BANDECCHI - ALTERNATIVA POPOLARE STEFANO BANDECCHI - ALTERNATIVA POPOLARE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…