“JOE BIDEN È UN UOMO ANZIANO CON PROBLEMI DI MEMORIA” – IL PROCURATORE SPECIALE, ROBERT HUR, SCAGIONA IL PRESIDENTE USA SUI DOCUMENTI TOP SECRET PORTATI VIA DALLA CASA BIANCA (TRUMP PER UN CASO SIMILE È STATO INCRIMINATO), MA TRA LE RIGHE CONFERMA CHE GLI USA SONO GOVERNATI DA UN RIMBAM-BIDEN: “È DISPONIBILE E BEN DISPOSTO, MA LA SUA MEMORIA HA SIGNIFICATIVE LIMITAZIONI” – “THE ECONOMIST”: “IL VANTAGGIO DI TRUMP POTREBBE ESSERE INFERIORE A QUANTO SEMBRA”

-

Condividi questo articolo


1. BIDEN "ANZIANO CON POCA MEMORIA", NESSUNA INCRIMINAZIONE PER DOCUMENTI TOP SECRET

Da www.adnkronos.com

 

joe biden. 2 joe biden. 2

"La nostra indagine ha scoperto prove che il presidente Biden volontariamente conservò materiale classificato dopo la sua vice presidenza quando era un privato cittadino". E' quanto si legge nel rapporto presentato dal procuratore speciale, Robert Hu, che ha indagato sui documenti top secret trovati in un ufficio e in una casa del presidente, dopo che era scoppiato lo scandalo per le carte segrete di Donald Trump, vicenda per la quale l'ex presidente è stato incriminato dal procuratore speciale Jack Smith.

 

joe biden donald trump amiconi secondo l'intelligenza artificiale joe biden donald trump amiconi secondo l'intelligenza artificiale

Hu però non raccomanda nessuna azione penale contro il presidente, affermando che "abbiamo concluso che le prove non stabiliscono che Biden sia colpevole aldilà di ogni ragionevole dubbio". Tra il materiale ritrovato in suo possesso "documenti sulla politica militare ed estera in Afghanistan" e "appunti scritti a mano su questioni di sicurezza nazionale e politica estera che coinvolgevano fonti e metodi segreti di intelligence", si legge nel rapporto di 388 pagine che oggi è stato reso pubblico dopo che la Casa Bianca non ha chiesto nessuna limitazione.

 

"L'incriminazione di Mr Biden non è richiesta anche sulla base della considerazioni di aggravanti ed attenuanti", afferma ancora Hur, in riferimento al fatto che, a differenza di Trump, Biden consegnò immediatamente le carte segrete una volta che erano stata trovate dal suo staff.

 

joe biden. joe biden.

Il presidente Usa "soddisfatto"

"Il procuratore speciale ha pubblicato oggi i risultati dell'inchiesta sulla mia gestione dei documenti classificati: sono soddisfatto di vedere che ha raggiunto le conclusioni che sin dall'inizio sapevo che avrebbe raggiunto: che non ci saranno incriminazioni e che il caso ora è chiuso", le parole Biden.

 

"E' stata un'inchiesta esaustiva che è andata indietro 40 anni, io ho collaborato completamente, senza creare nessun ostacolo, nessun ritardo", aggiunge il presidente rivelando di essersi sottoposto a "cinque ore di interrogatorio in persona, l'8 e il 9 ottobre dello scorso anno, anche se Israele era stato appena attaccato ed ero nel mezzo della gestione di una crisi internazionale".

 

joe biden cade sulla scaletta dell'aereo 1 joe biden cade sulla scaletta dell'aereo 1

La descrizione: "Uomo anziano con problemi di memoria". Casa Bianca protesta

"Un uomo anziano, disponibile e ben disposto, con problemi di memoria". Così il procuratore descrive tuttavia Biden nel rapporto, evidenziando di aver verificato che, durante il suo colloquio di 5 ore lo scorso ottobre con il presidente, che la sua memoria ha "significative limitazioni". Parole che possono essere molto pericolose per la campagna per la rielezione dell'81enne presidente, tanto che è subito scattata la protesta della Casa Bianca.

 

sondaggio reuters ipsos sulle elezioni americane trump in vantaggio su biden sondaggio reuters ipsos sulle elezioni americane trump in vantaggio su biden

"Siamo in disaccordo con diversi commenti inaccurati e non appropriati del rapporto del procuratore speciale", ha dichiarato il consigliere legale del presidente Richard Sauber. Nel rapporto si descrive un Biden che non ricorda con precisione gli anni in cui è stato vice presidente e l'anno in cui è morto il figlio, Beau Biden. Inoltre si afferma che la "memoria è apparsa confusa" quando hanno parlato di Afghanistan.

 

2. IL VANTAGGIO DI TRUMP SU BIDEN POTREBBE ESSERE INFERIORE A QUANTO SEMBRA

Articolo di “The Economist” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

Se l'America tenesse le elezioni presidenziali domani, Donald Trump starebbe scegliendo le tende per lo Studio Ovale. La media dei sondaggi dell'Economist lo vede in vantaggio di 2,3 punti su Joe Biden a livello nazionale. Nei sei Stati in bilico che dovrebbero decidere le elezioni - Arizona, Georgia, Michigan, Nevada, Pennsylvania e Wisconsin - è in testa con una media di 3,8 punti. I mercati delle scommesse danno Trump come chiaro favorito. Mai nelle due campagne elettorali precedenti i suoi sondaggi per le elezioni generali erano stati così forti.

 

joe biden stringe la mano all'aria joe biden stringe la mano all'aria

È ora che il mondo si prepari a una seconda presidenza Trump? Mancano ancora nove mesi alle elezioni. Storicamente, i sondaggi condotti prima dell'estate di un anno elettorale sono poco predittivi dei risultati. Ma nessun ex presidente ha cercato di tornare in carica dall'avvento dei sondaggi moderni. Le opinioni sull'onnipresente Trump sono molto più solide di quelle sui tipici candidati sfidanti, che in questa fase della corsa sono di solito ancora in lotta per assicurarsi la nomination del proprio partito. Di conseguenza, anche se Trump non è ancora il candidato repubblicano presunto, gli attuali sondaggi testa a testa tra lui e Biden possono essere insolitamente informativi.

 

donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 1 donald trump vs joe biden immagine creata con midjourney 1

Nell'ultimo mese i sondaggi a livello nazionale sono stati molto diversi, con un vantaggio di otto punti percentuali per Trump e di sei punti per Biden. Le medie dei sondaggi, che smorzano l'effetto di questi dati anomali, indicano che Trump è in netto vantaggio. Ma i sondaggi che compongono tali medie differiscono per metodi e grado di rigore. I democratici alla ricerca di un vantaggio possono trarre conforto da uno schema chiaro: i sondaggisti con i migliori record di accuratezza mostrano risultati migliori per Biden. Al contrario, le loro controparti di qualità inferiore danno il vantaggio a Trump – scrive The Economist.

joe biden donald trump joe biden donald trump

 

La fiducia dell'opinione pubblica nei sondaggi si è indebolita in seguito alle stime di alto profilo del sostegno di Trump nel 2016 e nel 2020 (sebbene i sondaggi prima delle elezioni di metà mandato del 2018 e del 2022 siano stati accurati).

 

Per stimare in modo affidabile l'accuratezza dei sondaggisti - misurata in base all'entità dei loro errori storici e al fatto che esagerino costantemente il sostegno per un particolare partito - è necessario un ampio campione di sondaggi su molte elezioni. FiveThirtyEight, una società di data-journalism, ha recentemente aggiornato le sue valutazioni dei sondaggisti americani. Li valuta in base a una combinazione di risultati e trasparenza metodologica.

joe biden cade sulla scaletta dell'aereo 3 joe biden cade sulla scaletta dell'aereo 3

 

Alcuni sondaggisti sono costantemente più accurati di altri. Ma ci sono molti modi per giudicare la qualità. La media dei sondaggi dell'Economist per le elezioni generali pondera i sondaggi esclusivamente in base alla dimensione del campione e alla frequenza, in modo che i sondaggi più grandi e più recenti contribuiscano in misura maggiore alla media complessiva. Secondo questa metodologia, Trump è in vantaggio su Biden nei sondaggi nazionali di 2,3 punti. A fronte di un vantaggio di 0,2 punti per Biden in una media non ponderata che attribuisce ai sondaggi di sei mesi fa lo stesso peso di quelli di quest'ultima settimana.

 

JOE BIDEN CADE DAL PALCO IN COLORADO JOE BIDEN CADE DAL PALCO IN COLORADO

L'entità del vantaggio di Trump varia notevolmente in base alla qualità dei sondaggi, come valutato da FiveThirtyEight. All'inizio del ciclo elettorale, i sondaggisti che rientrano nella fascia di qualità più alta hanno condotto sondaggi solo sporadicamente. (Un'eccezione è rappresentata da un sondaggio settimanale condotto da YouGov, un sondaggista online, per The Economist). Tuttavia, in totale, 13 sondaggi sono stati condotti nel 2024 da aziende di questo gruppo. In media, mostrano un pareggio virtuale tra Trump e Biden.

 

joe biden. joe biden.

Al contrario, la maggior parte dei sondaggi pubblicati nel gennaio 2024 provengono dalla classe media dei sondaggisti: aziende con risultati buoni ma non eccezionali. I sondaggi di questa fascia ("buona" e "discreta") mostrano Trump con un vantaggio rispettivamente di 2,4 e 1,7 punti. Nel frattempo, i sondaggisti con risultati mediocri o che non hanno pubblicato alcun risultato in precedenza mostrano un margine medio di Trump rispetto a Biden di circa sei punti.

 

DONALD TRUMP CONDIVIDE UN MEME DI LUI SPEAKER CHE DERIDE BIDEN DONALD TRUMP CONDIVIDE UN MEME DI LUI SPEAKER CHE DERIDE BIDEN

I sondaggi nazionali riflettono l'umore generale e corrispondono al voto popolare. Ma grazie al sistema dei collegi elettorali, la vittoria del voto popolare non è garanzia di vittoria elettorale. Nel 2000 e nel 2016, ad esempio, i candidati repubblicani hanno vinto la presidenza pur avendo perso il voto popolare.

 

Tuttavia, negli ultimi decenni il collegio elettorale ha tipicamente favorito i candidati repubblicani. Se Trump dovesse vincere il voto popolare con un margine di sei punti, conquisterebbe quasi certamente almeno 358 voti del collegio elettorale, ottenendo la più grande vittoria repubblicana da quando George H.W. Bush ne ottenne 426 nel 1988. Ciò metterebbe in gioco anche Stati che Biden ha vinto comodamente nel 2020, come Maine, Minnesota, New Hampshire, New Mexico e Virginia.

 

joe biden. joe biden.

Per gli osservatori dei sondaggi che pensano che tutti i sondaggi siano uguali, Trump ha ottenuto un vantaggio modesto ma crescente a livello nazionale. Ma per coloro che sostengono che l'accuratezza storica dei sondaggisti predice l'accuratezza futura, Trump e Biden sono in una situazione di stallo.

joe biden. joe biden.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA - L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SUDORI FREDDI PER LA FINANZIARIA DELL’AUTUNNO CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTO CHE LE DURE REGOLE DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ. AGGIUNGERE IL MARTELLAMENTO QUOTIDIANO DI SALVINI - A LENIRE LA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA CI SONO I "BADANTI" FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO