“MA PIER FERDINANDO CASINI È DI CENTRODESTRA O NO? NON LO È PIÙ”, SPIEGA ANTONIO TAJANI. IL SUO NOME E' INDIGESTO ALLA LEGA – L’EX MINISTRO DEL CARROCCIO CASTELLI A STASERA ITALIA: “SE C’E’ UNA PERSONA CHE NON VOTEREI MAI E’ PROPRIO CASINI” – I FORZISTI VIVONO MALE IL PROTAGONISMO DI MATTEO SALVINI (“STA FACENDO TUTTO LUI”) E TEMONO IL PEGGIO…

-

Condividi questo articolo


Salvatore Dama per “Libero Quotidiano”

 

casini casini

A un certo punto Donato Toma prova il colpaccio. Il presidente della Regione Molise si divincola dal labirinto della cabina elettorale. Deposita la scheda (presumibilmente bianca) nella zuppiera. Poi si avvicina ai commessi a cui dovrebbe restituire la matita, strusciando il passo sulla moquette, con fare da gattone: «La posso tenere?». L'audio in tribuna stampa non arriva, ma la mimica è inequivocabile. Quella di Toma. Ma anche quella degli assistenti parlamentari. Uno dei due allargale braccia. Come a dire: «Ma fai un po' come ti pare...».

 

Ecco, il governatore rientrerà a Campobasso con un souvenir a suo modo storico. Anche se il lavoro dei grandi elettori non è affatto finito, anzi: è appena cominciato. Dal vortice delle riunioni i parlamentari "semplici" hanno capito che la soluzione del rebus non si avvicina. Semmai si allontana. Ma chi se ne frega: il livello di nervosismo si affievolisce man mano che dai generali si scende al grado delle fanterie. Per tanti - soprattutto per i fuorisede - è tipo una vacanza. La chiacchiera, il pranzo nelle trattorie tipiche, un selfie da postare su Instagram.

castelli castelli

 

Nel frattempo, nei capannelli, ci si interroga su uno dei dilemmi di giornata: ma Pier Ferdinando Casini è di centrodestra o no? «Non lo è più», spiega Antonio Tajani arrivando a Montecitorio. In effetti, si ragiona in un consesso di parlamentari azzurri, a un certo punto Pierfy ha preso la tangente (in senso geometrico) e si è ritrovato, sia pur da indipendente, nel Pd. «Però meglio lui di Draghi», si ragiona. Ed è un ragionamento diffuso non solo in Forza Italia. L'antipatia verso il presidente del Consiglio serpeggia un po' ovunque, a destra e a sinistra.

pier ferdinando casini umberto bossi pier ferdinando casini umberto bossi

 

I grillini non lo vogliono sentir nominare. Temono che la sua ascesa al Quirinale inneschi una serie di meccanismi a catena tali da accelerare la fine della legislatura. Stesso discorso nel Pd, checché ne dica Enrico Letta. Le correnti hanno paura di uscire ridimensionate dall'eventuale crisi di governo. In Fi si aspetta la zampata di Silvio Berlusconi. Gli azzurri vivono male il protagonismo di Matteo Salvini («Sta facendo tutto lui») e temono il peggio. A un certo punto una ministra forzista si sfoga in uno dei corridoi laterali: se Draghi trasloca al Quirinale, addio ministero. Va assolutamente evitato. Adriano Galliani rassicura tutti sulle condizioni di salute del Cav.

 

Poi esce da Montecitorio e ribadisce il concetto davanti ai taccuini: «Sono con lui da 42 anni. È un fuoriclasse assoluto, quindi credo che Silvio qualcosa farà». I grillini erano nemici. Ora vanno a braccetto. Luigi Di Maio molla la Farnesina per qualche ora e si trattiene nelle stanze del gruppo parlamentare M5S, insieme con Luigi Gubitosa. Anche lì il discorso è quello di sminare l'ipotesi Draghi. Trattative su trattative.

 

SILVIO BERLUSCONI E LAURA RAVETTO SILVIO BERLUSCONI E LAURA RAVETTO

Ma tutto questo chiacchiericcio infastidisce Vincenzo De Luca. 'O governatore si sfoga con i parlamentari campani. Ce l'ha con gli "sfaticati" romani. «Da noi sì che si lavora, mica qua!». Poi vota e se ne va, col telefono perennemente tatuato all'orecchio destro. È nebbia fitta. Bruno Vespa è a caccia di indiscrezioni. Si trattiene a lungo a colloquio con un ministro, ma quando lo saluta si rende conto di avere il taccuino vuoto: «Questo non sapeva niente...», sospira.

 

berlusconi galliani guardano la partita dell'italia berlusconi galliani guardano la partita dell'italia

Comincia il rito stanco delle votazioni in bianco. Sia fuori, nel drive in, - dove, tra positivi e in quarantena, sono iscritti a votare sedici grandi elettori -, sia dentro, nell'emiciclo. Un sottosegretario ha dato disposizioni ai suoi fedelissimi di votarlo. Perché? Così, per soddisfazione personale. Ma a fine giornata è arrabbiato: «Mi hanno dato due voti, uno è stato invalidato...». Infine, per la rubrica compleanni e ricorrenze, si segnala il genetliaco di Laura Ravetto. La deputata della Lega ha festeggiato in un ristorante di Piazza di Pietra. Pranzo intimo, con la senatrice azzurra Gabriella Giammanco e le amiche del cuore.

CASINI DRAGHI CASINI DRAGHI silvio berlusconi e adriano galliani del monza silvio berlusconi e adriano galliani del monza berlusconi tajani 12 berlusconi tajani 12 MELONI SALVINI TAJANI MELONI SALVINI TAJANI CASINI FRANCESCHINI CASINI FRANCESCHINI

 

Condividi questo articolo

politica

“BERLUSCONI MI PORTÒ NELLA SUA CAMERA, MI MOSTRÒ IL LETTO CHE GLI AVEVA REGALATO PUTIN. AVEMMO RAPPORTI SESSUALI, CHIACCHIERAMMO E LUI MI DEDICÒ POESIE” - ALT! TORNA A PARLARE PATRIZIA D’ADDARIO, OSPITE DI GILETTI: “FUI COSTRETTA A PROSTITUIRMI DALL’UOMO CON CUI STAVO” - LA FUGA DALL’ORGIA CON ALTRE TRE RAGAZZE, A PALAZZO GRAZIOLI: “C’ERANO FARFALLE DAPPERTUTTO, MI SPIEGARONO CHE ERANO IL SIMBOLO DELLA PARTE PIÙ INTIMA DELLE DONNE. SENTÌ CHE MI ACCAREZZAVANO IN UN POSTO IN CUI NON DOVEVANO. SONO CORSA IN BAGNO PERCHÉ VOLEVO ANDARE VIA. BERLUSCONI MI HA RAGGIUNTO E MI HA…”