UN “MARZIANO” A BRUXELLES – IGNAZIO MARINO MEDITA IL RITORNO IN POLITICA: POTREBBE CANDIDARSI ALLE EUROPEE NELLE LISTE DI SINISTRA ITALIANA ED EUROPA VERDE – UNA MOSSA PER ROMPERE LE PALLE DA SINISTRA A QUEL PD CHE L’HA FATTO FUORI DAL CAMPIDOGLIO, E STRIZZARE L’OCCHIO ALL’ANIMA AMBIENTALISTA DEI DEM – SEMBRA CHE ANCHE MICHELE SANTORO ABBIA CONTATTATO MARINO MA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Salvatore Giuffrida per www.roma.repubblica.it

 

ignazio marino ignazio marino

Ambientalismo, rigenerazione urbana e sociale, sanità pubblica e diritti civili, pace in Ucraina e via libera in Palestina alla soluzione di due stati e due popoli, con l’Ue a fare da garante: il nome di Marino spariglia le carte a Roma e mette pressione al Pd capitolino. Non c’è ancora l’ufficialità, anzi da Sinistra Italiana e da Europa Verde non confermano. Ma neanche smentiscono […]

 

La paura di bruciare tutto è forte e i giochi non sono ancora fatti. Ma la voce gira con insistenza anche fra i circoli del Pd capitolino che adesso teme di dover affrontare la sua nemesi: il ritorno del “grande incompiuto”, l’ex sindaco di Roma.

 

Del resto alle prossime elezioni europee in programma sabato 8 e domenica 9 giugno la sinistra punta sui sindaci. Il nome di Marino andrebbe a fare il paio con la candidatura ormai certa nel sud Italia di Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace e cavallo di razza dell’alleanza del cocomero, verde fuori e rosso dentro.

 

ANGELO BONELLI E NICOLA FRATOIANNI ALLE CONSULTAZIONI ANGELO BONELLI E NICOLA FRATOIANNI ALLE CONSULTAZIONI

«Le nostre candidature avranno come punto di riferimento la pace e il bisogno di portare in Europa un punto di vista diverso da quello attuale, più vicino ai reali bisogni delle persone ma senza sfociare nel populismo e nel vento di destra che purtroppo sta prendendo quota in tutti i paesi», spiega Danilo Cosentino segretario regionale di Sinistra Italiana.

 

L’identikit tracciato corrisponde perfettamente all’ex sindaco di Roma, figura di sintesi per le anime della sinistra deluse dalla linea di Elly Schlein e per ambientalisti e radicali delusi dall’accordo della Bonino con Renzi.

 

ignazio marino ignazio marino

Fratoianni, Bonelli e persino l’ex caudillo della sinistra romana, Massimiliano Smeriglio, sanno bene che Marino fa da collante a queste anime della sinistra e dell’ambientalismo, a cominciare da temi delicati per Roma come il termovalorizzatore, l’urbanistica e la gestione delle spiagge. Infine con l’ex sindaco la sinistra acquisterebbe peso rispetto al Pd di Gualtieri: al momento l’Alleanza del cocomero vanta un unico assessore fra i Municipi, Guglielmo Calcerano che gestisce i Lavori Pubblici a Ostia e sul litorale.

 

Il nome di Ignazio Marino fa gola in questa tornata elettorale. Un paio di mesi fa Michele Santoro ha contatto il chirurgo, suo amico personale, per sondare il terreno. Ma a quanto sembra, non se ne fece più nulla.

 

michele santoro michele santoro

Ma l’ex sindaco, carattere forte e indomito, ha abituato tutti a colpi di coda improvvisi. Anche per questo le bocche rimangono cucite. Le prossime settimane saranno decisive: a metà aprile Fratoianni, Bonelli e Smeriglio presenteranno le liste. Marino sarebbe al collegio dell’Italia centrale ma deve misurarsi con la concorrenza di Smeriglio, che a Roma può contare sul serbatoio della sinistra radicale come Ostiense, Garbatella e Tor Marancia, guidato dal suo delfino Amedeo Ciaccheri.

BONELLI FRATOIANNI BONELLI FRATOIANNI IGNAZIO MARINO IGNAZIO MARINO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)