“PER ME LO STATO È IL NEMICO, UN'ASSOCIAZIONE CRIMINALE” – JAVIER MILEI, INTERVISTATO DA NICOLA PORRO A “QUARTA REPUBBLICA”, DURANTE IL SUO VIAGGIO UFFICIALE IN ITALIA, APRE LE VALVOLE: “FILOSOFICAMENTE SONO ANARCOCAPITALISTA. MA L'UNICO MODO PER CAMBIARE IL SISTEMA È ‘DINAMITARLO’ DALL'INTERNO. IL COMUNISMO È UNA MALATTIA DELL'ANIMA” – “HO IL 75% DI SANGUE ITALIANO E VADO PAZZO PER L’OPERA DEL VOSTRO PAESE” – AL QUIRINALE IL FACCIA A FACCIA “INFORMALE” CON MATTARELLA 

-

Condividi questo articolo


 

MATTARELLA VEDE MILEI, INCONTRO INFORMALE E DI CONOSCENZA

sergio mattarella javier milei sergio mattarella javier milei

(ANSA) - Quello del presidente Sergio Mattarella al Quirinale con il nuovo presidente argentino Javier Gerardo Milei è stato un incontro informale, di cortesia e di conoscenza. Nel colloquio, si è appreso, sono stati ribaditi i legami fra le due comunità e il proposito di intensificarli. Si è parlato anche del rapporto tra l'Unione europea e il Mercosur.

 

MILEI, 'LO STATO È IL NEMICO, È UN'ASSOCIAZIONE CRIMINALE'

(ANSA) - "Filosoficamente sono anarcocapitalista e quindi sento un profondo disprezzo per lo Stato. Io ritengo che lo Stato sia il nemico, penso che lo Stato sia un'associazione criminale". Lo dice il presidente dell'Argentina Javier Milei in un'intervista che andrà in onda questa sera a 'Quarta Repubblica', il talk show condotto da Nicola Porro su Retequattro, che ha fornito delle anticipazioni. Milei è a Roma per incontrare il Papa, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la premier Giorgia Meloni.

 

javier milei sergio mattarella javier milei sergio mattarella

"Di fatto lo Stato è un'associazione criminale in cui un insieme di politici si mettono d'accordo e decidono di utilizzare il monopolio per rubare le risorse del settore privato", dice nell'intervista Milei secondo cui "il metodo dello Stato è rubare".

 

"Ogni volta che vai a comprare qualcosa in un luogo, lo Stato ti deruba tramite le tasse; quindi, lo Stato ti ruba tutti i giorni", continua il presidente argentino. "Lo Stato ha il potere di arrestare le persone" mentre "i politici non vedono conseguenze, non vedono i loro poteri in gioco. Ma in questo mi sono reso conto che l'unico modo di entrare nel sistema è 'dinamitare' il sistema", afferma.

 

MILEI, 'IL COMUNISMO È UNA MALATTIA DELL'ANIMA'

javier milei intervistato da nicola porro javier milei intervistato da nicola porro

(ANSA) - "Io originariamente pensavo che" il comunismo "fosse un problema mentale", perché "il socialismo puro è stato sconfitto dalla teoria economica" e "ho pensato prima che fosse un problema di indole, di carattere mentale. Ma, poi, mi sono reso conto che era qualcosa di molto peggio, che era una malattia dell'anima. Quando il socialismo è stato applicato bene, hanno assassinato più di 6 milioni di esseri umani".

 

Lo dice il presidente dell'Argentina Javier Milei in un'intervista che andrà in onda questa sera a 'Quarta Repubblica', il talk show condotto da Nicola Porro su Retequattro, che ha fornito delle anticipazioni. Rispondendo a un commento del conduttore secondo cui "i comunisti non esistono più", il leader argentino ha affermato: "Ah, non esistono? Vi sono molti socialisti, che a lungo termine vogliono arrivare a questo. Sono comunisti vigliacchi".

 

MILEI, 'PAPA? HO RICONSIDERATO ALCUNE COSE, ORA LEGAME POSITIVO'

javier milei incontra papa francesco in vaticano 3 javier milei incontra papa francesco in vaticano 3

(ANSA) - "Il punto è questo: si evolve, si capiscono le cose e una delle cose che ho capito in questi ultimi tempi è che il Papa è la persona più importante di tutta l'Argentina, è il leader dei cattolici nel mondo. Di conseguenza ho dovuto riconsiderare alcune posizioni e, a partire da quel momento, abbiamo iniziato a costruire un legame positivo". Lo dice il presidente argentino

Javier Milei rispondendo, in un'intervista che andrà in onda questa sera a 'Quarta Repubblica' su Retequattro, ad una domanda sugli attacchi sferrati in passato contro Bergoglio. Milei è stato ricevuto stamattina in udienza da Papa Francesco.

javier milei giorgia meloni javier milei giorgia meloni

 

MILEI, 'SONO ITALIANO PER IL 75% DI SANGUE'

(ANSA) - "Per il 75% sono italiano, assolutamente italiano perché i due genitori di mio padre erano italiani" e "da parte di mia mamma, sua madre era di origine italiana e il padre di origine jugoslave. Di conseguenza, ho il 75% di sangue italiano". Lo dice il presidente dell'Argentina Javier Milei in un'intervista che andrà in onda questa sera a 'Quarta Repubblica'.

javier milei giorgia meloni javier milei giorgia meloni

 

"Ho una passione incredibile per l'Opera italiana, soprattutto la parte che si riferisce a Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini e, per ragioni di lavoro nel settore privato, ogni volta che dovevo fare un viaggio in Europa, lo facevo con Alitalia perché potevo fare scalo a Roma".

JAVIER MILEI AL COLOSSEO JAVIER MILEI AL COLOSSEO javier milei incontra papa francesco in vaticano 5 javier milei incontra papa francesco in vaticano 5 javier milei incontra papa francesco in vaticano 2 javier milei incontra papa francesco in vaticano 2 JAVIER MILEI AL COLOSSEO - FOTO ADNKRONOS JAVIER MILEI AL COLOSSEO - FOTO ADNKRONOS

javier milei incontra papa francesco in vaticano 4 javier milei incontra papa francesco in vaticano 4

 

JAVIER MILEI AL COLOSSEO - FOTO ADNKRONOS JAVIER MILEI AL COLOSSEO - FOTO ADNKRONOS

javier milei in vaticano javier milei in vaticano javier milei incontra papa francesco in vaticano 1 javier milei incontra papa francesco in vaticano 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO