IL “METODO DRAGHI” SULLA CYBER SECURITY - COME DAGO-ANTICIPATO, A DIFFERENZA DELLA FONDAZIONE CHE VOLEVANO CONTE E VECCHIONE, L’AGENZIA PER LA CYBERSICUREZZA NAZIONALE SARÀ UNA PERSONALITÀ GIURIDICA DI DIRITTO PUBBLICO CHE NON SOTTRAE COMPETENZE AL MINISTERO DELL’INTERNO E DELLA DIFESA - A REGIME AVRÀ MILLE DIPENDENTI E NON SI OCCUPERÀ SOLO DI WEB E DIFESA VIRTUALE, MA ANCHE DI GOLDEN POWER E 5G…

-

Condividi questo articolo


mario draghi giuseppe conte mario draghi giuseppe conte

L'AGENZIA NAZIONALE DI CYBERSECURITY SARÀ A CAPITALE "MISTO", CIOÈ PUBBLICO-PRIVATO, DIPENDERÀ DAL GOVERNO E NON RIENTRERÀ NEL DIS, COME VOLEVANO CONTE E VECCHIONE. AVRÀ UN AD CHE È STATO GIÀ INDIVIDUATO NEL DIRETTORE DELLA POLIZIA POSTALE, L'OTTIMA NUNZIA CIARDI… (DAGOSPIA DEL 19 MAGGIO 2021

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/fare-bel-servizio-servizi-franco-gabrielli-elisabetta-belloni-270674.htm

 

1 - SEI MESI FA IL PIANO DELL'EX PREMIER BLOCCATO MA DRAGHI HA PREPARATO IL TERRENO CON I PARTITI

Monica Guerzoni per il “Corriere della Sera”

 

Con un Consiglio dei ministri pressoché indolore, Palazzo Chigi ha dato il via libera al decreto legge che riforma la governance della cybersicurezza. Appena sei mesi fa ci aveva provato Giuseppe Conte, ma era stato bombardato dalla sua stessa maggioranza.

 

franco gabrielli foto di bacco franco gabrielli foto di bacco

Il Pd era contrario, Luigi di Maio nutriva forti riserve, Carlo Calenda accusava il premier di «giocare allo 007» in piena emergenza Covid e Matteo Renzi invocava lo stralcio della norma spuntata a sorpresa nella manovra economica. Una bufera dentro il perimetro della maggioranza, che costrinse il giurista a rinunciare ai suoi piani.

 

Nulla del genere è successo sul testo di riforma che mette l' Agenzia per la cybersicurezza nazionale sotto il controllo di Mario Draghi e dell' autorità delegata, Franco Gabrielli. Intanto perché l' Acn sarà pubblica e non privata, come invece sarebbe stata la fondazione di Conte: una struttura che secondo i critici avrebbe invaso i campi della cyberintelligence, sottraendo poteri e funzioni di competenza dei servizi segreti, il Dis e le agenzie Aise e Aisi.

 

giuseppe conte gennaro vecchione giuseppe conte gennaro vecchione

Il controllo della fondazione di diritto privato immaginata dall' ex premier sarebbe andato a Gennaro Vecchione, il prefetto che guidava il Dis finché Draghi non ha deciso di sostituirlo con Elisabetta Belloni.

 

Lo schema ora è completamente rovesciato, come d' altronde è anche lo scenario politico. La nuova agenzia è una personalità giuridica di diritto pubblico che non invade il campo della cyberintelligence e non sottrae competenze al ministero dell' Interno o a quello della Difesa. Prova ne sia il fatto che Luciana Lamorgese e Lorenzo Guerini, contrariamente all' era Conte, non hanno sollevato obiezioni riguardo alla nascita di una struttura che sarà una sorta di ministero per la cybersicurezza nazionale.

 

MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI

Mercoledì sera, durante la cabina di regia politica a Palazzo Chigi, i partiti si sono detti sostanzialmente d' accordo. Giancarlo Giorgetti era assente per questioni di agenda e non certo, assicurano i suoi, perché il Mise (come altri ministeri) dovrà cedere qualche competenza alla neonata agenzia.

 

mattarella draghi mattarella draghi

Il ministro leghista dello Sviluppo sarebbe «sostanzialmente indifferente» al decreto e un atteggiamento simile avrebbero mostrato i 5 Stelle di rito contiano. L' unica questione sollevata dai partiti riguarda l' arruolamento di qualcosa come 800 tecnici, molti dei quali altamente qualificati. Stefano Patuanelli durante il Consiglio dei ministri ha voluto sapere come verranno reclutati e dubbi analoghi ha sollevato Renato Brunetta.

 

ADOLFO URSO ADOLFO URSO

Se in Cdm è filato (quasi) tutto liscio, è anche perché lo staff di Draghi aveva lavorato al dossier per settimane, preparando il terreno con le forze politiche e con il Copasir. Il resto lo ha fatto l' interlocuzione, tecnica e politica, con il Quirinale, vista anche l' attenzione del presidente Sergio Mattarella al rischio di attacchi informatici da parte di Stati o gruppi criminali. Preoccupazioni che il presidente del Consiglio condivide, tanto da esternare con il suo staff la soddisfazione per la svolta: una riforma che l' ex presidente della Bce giudica «fondamentale», perché aumenta la resilienza cybernetica del Paese e "proptegge" le riforme del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

 

giuseppe conte gennaro vecchione 1 giuseppe conte gennaro vecchione 1

L' Acn sarà un centro nevralgico di raccordo con Bruxelles, per la messa in sicurezza degli investimenti pubblici e privati connessi con il Recovery. Per dirla con il dem Enrico Borghi, membro del Copasir, «adesso l' Italia ha le carte in regola, in un momento in cui la rivoluzione tecnologica impone un salto di qualità».

 

Non è un caso allora che Mario Draghi abbia voluto il via libera della sua squadra alla vigilia del G7 che sia apre oggi in Cornovaglia, nel Regno Unito.

 

FRANCO GABRIELLI ADOLFO URSO FRANCO GABRIELLI ADOLFO URSO

Anche grazie a questa riforma, il capo dell' esecutivo di unità nazionale può mostrare ai vertici della Ue che le infrastrutture che nasceranno con i miliardi del Recovery saranno messe in sicurezza. Il tema della difesa cibernetica delle infrastrutture sensibili sarà di certo toccato anche domani, quando a margine del G7 il capo del governo italiano avrà il suo primo incontro bilaterale con il presidente americano Joe Biden.

 

JOE BIDEN JOE BIDEN

Fino ad oggi l' Italia in questo campo si è solo difesa, La scelta del direttore della nuova agenzia spetta al presidente del Consiglio, che ogni anno, dopo aver consultato il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, dovrà redigere la strategia nazionale della sicurezza cyber.

 

In corsa per la direzione dell' Agenzia c' è Roberto Baldoni, il professore di ingegneria informatica e vicedirettore generale del Dis, con delega alla cybersecurity, che ha lavorato al testo del decreto come già alla riforma mancata di Conte. Ma tra i ministri gira anche il nome di Nunzia Ciardi, che proprio Gabrielli scelse per guidare la Polizia Postale.

 

nunzia ciardi polizia postale nunzia ciardi polizia postale

2 - NASCE IL CONTROSPIONAGGIO CYBER DECIDERÀ PURE DI 5G E GOLDEN POWER

Claudio Antonelli per “la Verità”

 

Pronti e via. Ricomposto l' equilibrio del Copasir, il governo ha subito sottoposto il testo del decreto al comitato per il lancio della nuova agenzia di cybersecurity. E ieri pomeriggio ha riunito il Cdm per avviare subito i motori dell' imponente macchina che dovrà sovrintendere alla sicurezza nazionale in tutti i suoi campi virtuali.

 

rocco casalino con giuseppe conte rocco casalino con giuseppe conte

La maxi agenzia che a regime avrà circa 1.000 dipendenti non si occuperà solo di Web, cyber security e difesa virtuale, ma anche di golden power e 5G. Avrà la possibilità si chiudere accordi con altre nazioni o con singole aziende private. Potrà suggerire aggiornamenti normativi ma anche comminare sanzioni e utilizzare i propri dipendenti in qualità di pubblici ufficiali. In sostanza, l' Acn (questo l' acronimo) va ad accentrare poteri che prima erano in capo al ministero dello Sviluppo economico o ad altri dipartimenti di Palazzo Chigi e avrà l' ultima parola sui dossier più delicati.

LE LACRIME DI ROCCO CASALINO DOPO IL PASSAGGIO DELLE CONSEGNE TRA CONTE E DRAGHI LE LACRIME DI ROCCO CASALINO DOPO IL PASSAGGIO DELLE CONSEGNE TRA CONTE E DRAGHI

 

Un enorme potere che riferirà a due figure a basta. Il presidente del Consiglio e il Copasir. Lo schema iper accentrativo ha un suo enorme vantaggio: consentirà di limare i tempi morti della burocrazia e le difficoltà di dialogo tra un comitato e l' altro. «L' Agenzia ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è dotata di autonomia regolamentare, amministrativa, patrimoniale, organizzativa, contabile e finanziaria», si legge nel testo.

«I regolamenti previsti dal decreto possono recare disposizioni anche in deroga alle norme vigenti, in relazione all' assolvimento delle funzioni di tutela della sicurezza nazionale nello spazio cibernetico attribuite all' Agenzia stessa», prosegue il decreto.

 

MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI FEDERICO DINCA MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI FEDERICO DINCA

Gli incarichi, si spiega inoltre «del direttore generale e del vice direttore generale hanno la durata massima di quattro anni e sono rinnovabili, con successivi provvedimenti, per una durata complessiva massima di ulteriori quatto anni». L' Agenzia «può richiedere la collaborazione di altri organi dello Stato, di altre amministrazioni, delle forze di polizia o di enti pubblici per lo svolgimento dei suoi compiti istituzionali».

 

Ovviamente delegare a una struttura pubblica (ma svincolata dai ministeri) tutto questo potere impone una particolare attenzione. Senza dimenticare che nel corso dei prossimi sette anni transiteranno diversi miliardi nei budget di spesa. Va comunque segnalato che l' approccio di Mario Draghi su questa tematica è completamente diverso dagli schemi messi in cantiere e per fortuna non realizzati da Giuseppe Conte.

 

draghi conte draghi conte

Un solo esempio per capire la differenza. L' avvocato del popolo voleva creare un Fondazione alla diretta dipendenza del Dis con uno schema un po' confuso. Soprattutto le bozze di decreto bypassarano il Copasir e quindi il vaglio democratico del Parlamento. Il bliz di Conte fu fermato - va detto - grazie a Fdi, Pd e Italia viva. Ieri invece il governo ha condiviso le bozze e a quanto risulta a La Verità recepito nel testo finale alcune osservazioni avanzate dal Copasir.

 

cybercrime 6 cybercrime 6

Ci sarà l' audizione del direttore dell' Agenzia e il controllo del comitato sulle assunzioni. Va segnalato che saranno gestiti al di fuori delle prassi della Pa. Inoltre il governo dovrà informare preventivamente il Copasir della nomina di direttore e vicedirettore e avviare una relazione periodica sull' attività dell' agenzia. Nella bozza circolata mercoledì non erano presenti tutti questi dettagli.

 

polizia postale polizia postale

Segnale che il dialogo tra istituzioni sembra essere ripartito. Un tema fondamentale per evitare qualunque tipo di abuso in un comparto per definizione segreto e al tempo stesso potenzialmente invasivo. Va ricordato che l' Acn pescherà personale dal Dis e da altre strutture ma non avrà dipendenza formale dalle altre agenzie di sicurezza nazionale. Due i candidati per la direzione. L' attuale responsabile della cyber del Dis, Robero Baldoni, e Nunzia Ciardi, attuale capo della polizia postale.

 

Condividi questo articolo

politica

“CHI È IL SUO SANTO PROTETTORE?” – BELPIETRO SI CUCINA SPERANZA DOPO IL CAOS DEL VACCINO ASTRAZENECA DATO AGLI UNDER 60: “UNA RETROMARCIA CHE RISCHIA DI LASCIARE SCOPERTE OLTRE UN MILIONE DI PERSONE ALLE QUALI NON SI SA PIÙ CHE SECONDA DOSE SOMMINISTRARE. PROPRIO IL FATTO CHE QUALUNQUE GUAIO COMBINI, IL MINISTRO RIMANGA AL SUO POSTO, CI INDUCE A UNA DOMANDA: PERCHÉ DOBBIAMO TENERE A TUTTI I COSTI QUESTO OSCURO BUROCRATE ALLA GUIDA DEL MINISTERO PIÙ IMPORTANTE? C'È FORSE UN SEGRETO INCONFESSABILE?”