“NON CONDIVIDO UNA PAROLA DI QUELLO CHE DICE ZEMMOUR” – ANTONIO TAJANI SI RINGALLUZZISCE SOLO QUANDO C’È QUALCHE ALLEATO INGOMBRANTE PER SALVINI O MELONI IN EUROPA. UN PAIO DI MESI FA AVEVA SBATTUTO LA PORTA A MARINE LE PEN E AFD (MEMBRI DI IDENTITÀ E DEMOCRAZIA CON LA LEGA). OGGI TOCCA AL LEADER PUTINIANO DI “RECONQUETE”, NUOVO ACQUISTO DELLA DUCETTA IN ECR – QUELLO DI TAJANI, GRANDE AMICO DI MANFRED WEBER, È UN MESSAGGIO A NOME DEL PPE…

-

Condividi questo articolo


antonio tajani antonio tajani

1. TAJANI, NON CONDIVIDO UNA PAROLA DI ZEMMOUR

(ANSA) - "Non condivido una parola di quello che dice Zemmour". Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ai cronisti che, a margine di un convegno per i 40 anni del Concordato, gli hanno chiesto se l'ingresso del partito Reconquete! del politico francese in Erc possa raffreddare i rapporti con il Ppe.

 

2. GASPARRI,ZEMMOUR?FI NON DA PAGELLE AD ALLEATI,NOI STIAMO NEL PPE

ERIC ZEMMOUR ERIC ZEMMOUR

(ANSA) - "Noi stiamo bene nel Partito popolare europeo e ci facciamo un po' i fatti nostri, non è che ci mettiamo a dare la pagella agli altri. Che la Meloni e FdI sia un grande partito popolare e democratico italiano ed europeo, nessuno lo mette in dubbio, ma vale anche per la Lega. Poi gli alleati vanno valutati ma ognuno cerca voti e alleanze come ritiene ".

 

Così il capogruppo di Forza Italia al Senato, Maurizio Gasparri, interpellato dall'ANSA sull'adesione di 'Reconquete!', il partito di ultradestra francese fondato da Eric Zemmour, al gruppo dei Conservatori e riformisti che fa capo al partito Ecr guidato da Giorgia Meloni. Gasparri ha aggiunto che, da parte di FI, non c'è imbarazzo per la strategia europea di FdI precisando sul leader francese: "Ammetto che non sono un conoscitore di Zemmour, ma anche Orban era considerato un amico dell'occidente e adesso invece difende Hamas... ".

 

GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN

Quindi ha ribadito: "La Meloni in Europa è ormai una garanzia di affidabilità. Noi stiamo bene, a breve faremo il congresso di Forza Italia. Lo aprirà, con Tajani, il nostro segretario Weber. Noi lì stiamo e stiamo bene. Il Ppe sarà un voto utile, perché sarà nella cabina di regia europea, quindi agricoltura, automobile, casa.. lì dove si risolvono i problemi".

antonio tajani manfred weber antonio tajani manfred weber maurizio gasparri foto di bacco (3) maurizio gasparri foto di bacco (3) MARION MARECHAL LE PEN ERIC ZEMMOUR MARION MARECHAL LE PEN ERIC ZEMMOUR ERIC ZEMMOUR MARION MARECHAL LE PEN ERIC ZEMMOUR MARION MARECHAL LE PEN eric zemmour eric zemmour manifesti elettorali di eric zemmour manifesti elettorali di eric zemmour QUANDO ERIC ZEMMOUR VOLEVA ANNETTERE IL NORD ITALIA QUANDO ERIC ZEMMOUR VOLEVA ANNETTERE IL NORD ITALIA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…