“NON HO ANCORA DECISO” – BERLUSCONI NON MOLLA L’OSSO: DURANTE LA RIUNIONE CON LA COMPAGINE GOVERNATIVA DI FORZA ITALIA E I CAPOGRUPPI DI CAMERA E SENATO, IL BANANA NON HA SCIOLTO LA RISERVA SULLA CANDIDATURA AL QUIRINALE. “CI VEDIAMO LUNEDÌ” HA RASSICURATO IL CAV, RIFERENDOSI ALLA RIUNIONE DEI GRANDI ELETTORI DI FI CONVOCATA DUE ORE PRIMA DELL’AVVIO DEL VOTO AL COLLE. MA QUANTO SARANNO INCAZZATI SALVINI E MELONI?

-

Condividi questo articolo


Da Dire

 

VIGNETTA MANNELLI - SILVIO BERLUSCONI PAPI ETERNO VIGNETTA MANNELLI - SILVIO BERLUSCONI PAPI ETERNO

“Non ho ancora deciso”. Così Silvio Berlusconi, in un breve collegamento con la compagine governativa di Forza Italia e i capogruppi di Camera e Senato, avrebbe aggiornato il partito sulla sua candidatura al Quirinale. “Ci vediamo lunedì”, ha inoltre assicurato il Cavalierie a chi ha avuto modo di parlargli. Il riferimento è alla riunione dei grandi elettori di Forza Italia, circa 150 persone, convocata per le 13.15 di lunedì 24, a meno di due ore dall’avvio del voto per il Colle.

SILVIO BERLUSCONI SILVIO BERLUSCONI SILVIO BERLUSCONI SILVIO BERLUSCONI silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli matteo salvini silvio berlusconi meme by carli matteo salvini silvio berlusconi meme by carli silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli silvio berlusconi vittorio sgarbi meme by carli silvio berlusconi silvio berlusconi silvio berlusconi e vittorio sgarbi silvio berlusconi e vittorio sgarbi SILVIO BERLUSCONI SILVIO BERLUSCONI

 

Condividi questo articolo

politica

IL CONFLITTO IN UCRAINA È L’ANTIPASTO DELLA GUERRA TRA USA E CINA - BIDEN CONTINUA AD ALZARE LA TENSIONE CONTRO PECHINO E, DOPO AVER DETTO, IERI, CHE GLI USA INTERVERRANNO IN CASO DI INVASIONE DI TAIWAN, OGGI RIBADISCE IL CONCETTO: “LA GUERRA TRA MOSCA E KIEV ACCRESCE RISCHI SIMILI NELLA REGIONE INDO-PACIFICA” - LA REPLICA DEL REGIME COMUNISTA: “SIETE VOI CHE GIOCATE CON IL FUOCO” - IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO, LAVROV: “L’OCCIDENTE ASSUME UN ATTEGGIAMENTO DA DITTATORE, IL RAPPORTO CON LA CINA SI RAFFORZA…”