“NON MANDATE PIÙ MESSAGGI A CONTE” - SALVINI È MOLTO INCAZZATO CON I PARLAMENTARI LEGHISTI CHE CONTINUANO A INVIARE AL PREMIER SMS IN CUI SI DICONO DISPIACIUTI E AMAREGGIATI PER LA FINE TRAUMATICA DEL GOVERNO E CHE LASCIANO INTRAVEDERE DISAPPUNTO VERSO IL LORO LEADER - IL PREMIER CON LA POCHETTE AL SENATO NON NE FA FATTO CENNO ESPLICITAMENTE, MA HA LASCIATO CAPIRE CHE…

-

Condividi questo articolo

Ilario Lombardo per “la Stampa”

 

matteo salvini in piazza contro il conte bis matteo salvini in piazza contro il conte bis giuseppe conte contro salvini in senato giuseppe conte contro salvini in senato

Nella soap opera agostana che ha rivelato all' Italia il duello da Cavalleria rusticana tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte, c' è anche una storia di messaggi e di gelosia. Il presidente del Consiglio ha confidato a più persone di aver ricevuto «diversi messaggini» da leghisti con cui ha avuto un ottimo rapporto in questi quattordici mesi di difficile convivenza con la Lega.

 

matteo salvini e giuseppe conte in senato prima del discorso del premier 1 matteo salvini e giuseppe conte in senato prima del discorso del premier 1 giuseppe conte luigi di maio giuseppe conte luigi di maio

Messaggi in cui si dicono dispiaciuti e amareggiati per la fine traumatica del governo e che lasciano intravedere disappunto e critica - rarissimi, ai limiti dell' eresia nel Carroccio - nei confronti del loro leader. Salvini è venuto a saperlo e durante una riunione, come raccontato da una fonte che ha assistito alla scena, ha ordinato di non farlo più: «Non mandate più messaggi a Conte». A sua volta questo resoconto è arrivato all' orecchio del premier. Il capo del governo non ne ha fatto esplicitamente cenno nell' aula del Senato, durante la replica alla requisitoria del suo ex ministro dell' Interno. Ma, come già avvenuto alla Camera, il riferimento è implicito nella risposta sparata in faccia a Salvini: «Errare è umano, ma dare agli altri le proprie colpe è il modo migliore per conservare la leadership del proprio partito».

meme sulla crisi di governo conte e salvini meme sulla crisi di governo conte e salvini meme sulla crisi di governo conte e salvini meme sulla crisi di governo conte e salvini matteo salvini e giuseppe conte in senato prima del discorso del premier matteo salvini e giuseppe conte in senato prima del discorso del premier matteo salvini bacia il rosario mentre parla giuseppe conte 2 matteo salvini bacia il rosario mentre parla giuseppe conte 2 salvini conte di maio salvini conte di maio salvini e conte salvini e conte il discorso di matteo salvini sulla crisi di governo il discorso di matteo salvini sulla crisi di governo salvini e conte salvini e conte salvini conte salvini conte giuseppe conte tocca matteo salvini in senato giuseppe conte tocca matteo salvini in senato matteo salvini bacia il rosario mentre parla giuseppe conte 1 matteo salvini bacia il rosario mentre parla giuseppe conte 1 SALVINI CONTE SALVINI CONTE meme sulla crisi di governo conte e salvini meme sulla crisi di governo conte e salvini STRETTA DI MANO TRA SALVINI E CONTE AL SENATO STRETTA DI MANO TRA SALVINI E CONTE AL SENATO matteo salvini bacia il rosario mentre parla giuseppe conte matteo salvini bacia il rosario mentre parla giuseppe conte salvini conte salvini conte salvini conte di maio salvini conte di maio GIUSEPPE CONTE FIDUCIA 2018 GIUSEPPE CONTE FIDUCIA 2018

 

giuseppe conte dario franceschini giuseppe conte dario franceschini salvini tra i ministri salvini tra i ministri bonafede salvini conte bonafede salvini conte salvini conte salvini conte

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! SIETE CURIOSI DI SAPERE PERCHÉ IL GIOVANE DIBBA SPARI UN GIORNO SÌ E L'ALTRO PURE CONTRO I SUOI AMICI GRILLINI? BEH, IL CHE GUEVARA DI PONTE MILVIO A MARZO 2018 AVEVA DECLINATO L'OFFERTA DI UN MINISTERO CONVINTO CHE IL SUO MOMENTO DA LEADER SAREBBE ARRIVATO PRESTO. INVECE, VISTI I CHIARI DI LUNA, LUI NEL CONTE-BIS UN POSTO LO VOLEVA ECCOME, SOLO CHE SI È DOVUTO SCONTRARE COL VETO DEL PD. UN VETO CHE A DI MAIO È PIACIUTO MOLTO… - AMORALE DELLA FAVA: SE OGGI SI DESSE FUOCO COME UN BONZO DAVANTI A PALAZZO CHIGI, I SUOI COMPAGNI DI PARTITO MANCO SE NE ACCORGEREBBERO…

ITALIA FATTA A MAGLIE - CARO DAGO, NON SONO IN GRA-MAGLIE PER SALVINI: NON SAI CHE SOLLIEVO SAPERE CHE FRANCESCHINI POTRÀ PRANZARE NELLE TRATTORIE ROMANE SENZA CHE QUALCHE GRILLINO LO INSULTI. A ME L'OPPOSIZIONE MI METTE DI BUONUMORE, E DAL GOVERNO PASSATO NON AVEVO OTTENUTO NEMMENO UNO STRACCIO DI STRISCIA DI 5 MINUTI (VERO, GIANLUIGI PARAGONE?). CERTO, TRUMP HA CACCIATO BOLTON COME UN TONINELLI QUALUNQUE, E SI È PRESO IN CARICO GIUSEPPI CONTE, MA IL FALCO È GIÀ STATO VENDICATO