“NON POSSO STARE IN COMPAGNIA DI QUESTI QUI. NON CI STO” – CARLO CALENDA HA DECISO SABATO POMERIGGIO DI MOLLARE L’ALLEANZA CON IL PD, DOPO LA CONFERENZA STAMPA DI LETTA CON BONELLI E FRATOIANNI. ENRICHETTO CAMMINAVA SULLE UOVA E HA SPECIFICATO CHE QUELLO CON CARLETTO ERA UN “PATTO DI GOVERNO”, QUELLO CON LA SINISTRA UN “ACCORDO ELETTORALE”. DISTINZIONE CHE HA INDISPETTITO ANCORA DI PIÙ IL “CHURCHILL DEI PARIOLI”: “SIAMO ALLEATI PER CAZZEGGIARE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Concetto Vecchio e Giovanna Vitale per “la Repubblica”

 

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

«Non posso stare in compagnia di questi qui. Non ci sto». Ieri, di buon mattino, Carlo Calenda segnala alle persone a lui più vicine la prima pagina di Repubblica sulla quale campeggiano le foto dei leader del centrosinistra: Letta, Bonino, Calenda, Di Maio, Bonelli, Fratoianni. Ed è il fatto di ritrovarsi in compagnia di questi ultimi tre che gli fa saltare la mosca al naso.

 

«Non posso immaginare di salire su un palco con loro», dice a un amico. Però già sabato pomeriggio - dopo la conferenza stampa di Enrico Letta con Bonelli e Fratoianni - aveva deciso di rompere il patto siglato appena martedì scorso col segretario del Pd. Lo aveva indispettito che il leader democratico si fosse presentato al Nazareno con i due capi dei piccoli partiti di sinistra. Quell'immagine - veicolata su tutti i media avrebbe finito per fargli perdere importanza e centralità. Era la conferma di essere finito in quella che chiama «l'ammucchiata».

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

 

Cinque giorni dopo averlo solennemente firmato, Calenda straccia l'accordo che lo legava al centrosinistra, con una formula generosa: 70 per cento dei collegi al Pd, 30 al suo piccolo partito, Azione. Farà il Terzo Polo. Forse con Renzi. Un voltafaccia così repentino ha pochi eguali nella storia politica del Paese. E colpisce anche perché, nel frattempo, non c'è stata alcuna violazione dell'accordo. Semplicemente Calenda ha cambiato idea. Vuole ballare da solo. [...]

 

nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni enrico letta

Sabato sera Calenda ha informato Letta che avrebbe rotto. Nel presentare Bonelli e Fratoianni, Letta aveva specificato che quello con Calenda era «un patto di governo», e quello con la sinistra «un accordo elettorale».

 

La distinzione, invece che rassicurarlo, lo aveva indispettito. «Siamo alleati per cazzeggiare », aveva commentato sarcastico con i suoi. «Chissà cosa dirà Letta quando presenterà Di Maio e Tabacci: "Siamo alleati per andare in discoteca insieme"». Ieri mattina nel piccolo mondo romano era chiaro a tutti che in tv Calenda avrebbe annunciato la rottura. […]

LUIGI DI MAIO ENRICO LETTA BY OSHO LUIGI DI MAIO ENRICO LETTA BY OSHO CARLO CALENDA MATTEO RENZI MEME CARLO CALENDA MATTEO RENZI MEME letta bonelli fratoianni letta bonelli fratoianni luigi di maio enrico letta luigi di maio enrico letta enrico letta luigi di maio. enrico letta luigi di maio. ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni enrico letta CARLO CALENDA ENRICO LETTA MEME CARLO CALENDA ENRICO LETTA MEME

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)