“NON TOCCHEREI LA FIGURA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA” – A TUMULARE IL PREMIERATO DELLA MELONI CI PENSA GIANNI LETTA: “LA RIFORMA COSTITUZIONALE FATALMENTE RIDURREBBE I POTERI DEL CAPO DELLO STATO. MA È UNA FIGURA CHE STA BENE COSÌ: NON L’ATTENUEREI, NON LO RIDISEGNEREI, NON TOGLIEREI NESSUNA DELLE PREROGATIVE” – IERI ERA STATA MARTA CARTABIA, SOSPINTA DAL QUIRINALE, A BOCCIARE LA RIFORMA, MA QUELLA DELL’EMINENZA AZZURRINA, PER ANNI BRACCIO DESTRO DI BERLUSCONI IN FORZA ITALIA E ULTIMAMENTE POCO LOQUACE, È UNA PRESA DI POSIZIONE BRUCIANTE PER IO SONO GIORGIA (E VOI NON SIETE UN CAZZO)

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sergio mattarella giorgia meloni centenario aeronautica militare sergio mattarella giorgia meloni centenario aeronautica militare

(Adnkronos) -  "Secondo me la figura del presidente della Repubblica così com'è disegnata, e l'interpretazione così come è stata data dai singoli presidenti nel rispetto della Costituzione, come tutti i costituzionalisti oggi riconoscono, sta bene così: non l'attenuerei, non la ridisegnerei, non toglierei nessuna delle prerogative così come attualmente sono state esercitate".

 

 

Lo ha detto Gianni Letta, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con Silvio Berlusconi, intervenendo a Firenze a un evento dell'associazione Progetto Città presieduta da Andrea Ceccherini.

 

GIANNI LETTA ALL OSPEDALE SAN RAFFAELE DI MILANO GIANNI LETTA ALL OSPEDALE SAN RAFFAELE DI MILANO

Rispondendo a una domanda di Antonio Polito, editorialista del "Corriere della Sera", che gli chiedeva se la riforma costituzionale presentata dall'attuale governo ridurrebbe i poteri del presidente della Repubblica, Letta ha risposto che questo "fatalmente" accadrebbe, "perché la forza che ti deriva dalla investitura popolare è certamente maggiore di quella che deriva dal Parlamento, non sta scritto, ma è ovvio che poi nella dialettica chi è investito ha più forza".

GIANNI LETTA SERGIO MATTARELLA GIANNI LETTA SERGIO MATTARELLA

 

Secondo Gianni Letta, "oggi abbiamo un presidente felicemente regnante nel suo secondo mandato, che esercita il suo mandato in maniera splendida, perché ha fatto tanto bene a questo paese".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."