“I PAESI CHE CHIEDONO I PRESTITI, FACCIANO LE RIFORME” - AUSTRIA, PAESI BASSI, DANIMARCA E SVEZIA SI SCHIERANO CONTRO IL RECOVERY FUND PROPOSTO DA GERMANIA E FRANCIA: VOGLIONO FONDI LIMITATI, DISTRIBUITI ATTRAVERSO PRESTITI (NON SOVVENZIONI) E STRETTAMENTI VINCOLATI A UN PIANO DI RIFORME - I QUATTRI PAESI, CHE MESSI INSIEME HANNO MENO ABITANTI DELL’ITALIA, TENGONO IN OSTAGGIO L’UE…

-

Condividi questo articolo

Marco Bresolin per “la Stampa”

 

mark rutte giuseppe conte mark rutte giuseppe conte

I commissari e i funzionari Ue sono tenuti ad agire nell' esclusivo interesse europeo. Il che vuol dire che non dovrebbero rappresentare gli interessi del loro Paese. Ma ovviamente anche i più ligi alla causa europeista si muovono con un occhio di riguardo per la loro bandiera. Paolo Gentiloni lavora di sponda con il governo italiano, Thierry Breton con quello francese, e via dicendo. In quest' ottica è dunque bene sapere che le due persone-chiave che lavorano al dossier Bilancio 2021-2027 e Recovery Fund con la tedesca Ursula von der Leyen si chiamano Johannes Hahn e Gert Jan Koopman.

angela merkel emmanuel macron angela merkel emmanuel macron

 

Il primo è il commissario al Bilancio, il secondo è il direttore generale della Dg Bilancio.

Uno è austriaco, l' altro olandese. Vale a dire i due Paesi in prima linea nel contrastare la proposta di Angela Merkel ed Emmanuel Macron, che prevede di far emettere alla Commissione 500 miliardi di euro di obbligazioni e di distribuirli ai Paesi più colpiti dalla crisi attraverso sovvenzioni a fondo perduto.

 

Si conosce ancora poco della proposta che verrà presentata mercoledì prossimo, ma come ha già precisato Valdis Dombrovskis «non sarà un copia-incolla» di quella franco-tedesca. Il piano che verrà partorito dalla Commissione terrà certamente conto delle richieste dei cosiddetti «quattro frugali» (Austria, Paesi Bassi, Danimarca e Svezia), che tra oggi e domani dovrebbero presentare una loro contro-proposta. Il premier olandese Mark Rutte ne ha anticipato i contorni: i fondi per la ripresa dovranno essere limitati, distribuiti attraverso prestiti (non sovvenzioni) e strettamente vincolati a un piano di riforme.

mark rutte giuseppe conte mark rutte giuseppe conte

 

Le posizioni dei governi Ue sono emerse molto chiaramente nel corso dell' Ecofin di martedì, dove il ministro tedesco Olaf Scholz ha presentato il piano di Parigi e Berlino. L'iniziativa è stata accolta con favore da Italia, Spagna, Grecia, Lussemburgo, Slovacchia, Portogallo, Irlanda, Belgio e Slovenia. Ma il ministro danese ha subito replicato dicendosi contrario al debito comune e alle sovvenzioni. Quello austriaco ha aggiunto che nemmeno Vienna sosterrà i prestiti non rimborsabili, mentre l' olandese ha precisato che le risorse dovranno essere «limitate». La svedese ha posto l' accento sull' esigenza di imporre riforme strutturali ai beneficiari.

 

valdis dombrovskis paolo gentiloni valdis dombrovskis paolo gentiloni

Il quartetto, pur rappresentando un' area economica e demografica limitata, è estremamente determinato e ha il coltello dalla parte del manico. Perché i quattro sono tutti contributori netti del bilancio Ue: versano più di quanto ricevono. E dunque non intendono «pagare di più». A febbraio erano stati loro a bloccare l' intesa sul bilancio 2021-2027, irremovibili sulla loro richiesta di non andare oltre l' 1% del Pil Ue (la proposta di compromesso prevedeva l' 1,07%).

 

Le divergenze tra i Paesi non hanno ancora permesso di trovare un accordo nemmeno sul nuovo fondo di emergenza della Banca europea per gli investimenti (Bei). Il presidente Werner Hoyer ha avvertito che il volume totale delle risorse destinate alle imprese rischia di essere inferiore ai 200 miliardi inizialmente previsti.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONOTA - MATTARELLA SBAGLIA DELEGANDO AL PARLAMENTO LA RIFORMA DI UN CSM PIOMBATO IN UNA FOGNA A CIELO APERTO CON LE INTERCETTAZIONI DI PALAMARA - SE LO SCIOGLIMENTO DEL CSM SAREBBE UN ATTO AUTORITARIO, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PUÒ PERMETTERSI INVECE DI ESSERE AUTOREVOLE USANDO LA SUA “MORAL SUASION” PER FAR DIMETTERE INTANTO IL VICEPRESIDENTE DEL CSM DAVID ERMINI. GLI ALTRI CONSIGLIERI SEGUIRANNO E, UNA VOLTA VENUTO A MENO IL NUMERO LEGALE DEI COMPONENTI, AVRÀ CAMPO LIBERO PER UNA RIFORMA CHE “CONTRIBUISCA A RESTITUIRE APPIENO ALL'ORDINE GIUDIZIARIO IL PRESTIGIO E LA CREDIBILITÀ INCRINATI”