“PD E M5S? INSEGUONO POLEMICHE CHE SANNO DI GUERRA DI MINORANZE CONDANNATE A RIMANERE TALI” - MASSIMO FRANCO: “C’E’ L’ASSENZA DI UNA VERA IDEA DI ALTERNATIVA ALLA DESTRA. MA QUALCHE DUBBIO SU CONTE, A SCHLEIN DEVE ESSERE VENUTO. QUANDO HA DETTO: L’OBIETTIVO DELL’ALTERNATIVA A ‘QUESTE DESTRE NON VORREI CHE FOSSE UN PROBLEMA SOLO MIO’. AGGIUNGENDO: BISOGNA ‘AVERE CHIARO CHE L’AVVERSARIO È IL GOVERNO. SPERO CHE QUESTO NON INTERESSI SOLO IL PD’. MA QUESTA ‘SPERANZA’, QUESTI ‘NON VORREI’ SONO SEGNI DI UN TIMORE CHE NASCONO DALL’INCERTEZZA SUGLI EQUILIBRI INTERNI AL PD…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimo Franco per il “Corriere della Sera”

 

ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE

La finzione del «campo largo» non si è ancora esaurita del tutto. E il fatto che la commedia degli equivoci tra Pd e M5S si stia consumando in Puglia, epicentro degli intrecci di interessi tra sinistra e grillini, la rende ancora più emblematica. […] Mostra partiti non solo incapaci di trovare uno straccio di unità. Inseguono polemiche che marcano l’assenza di qualunque vera idea di alternativa alla maggioranza di destra. Sanno tanto di una guerra di minoranze condannate a rimanere tali.

CONTE SCHLEIN CONTE SCHLEIN

 

Ma qualche dubbio su Conte, a Schlein deve essere venuto. Quando ieri ha detto: l’obiettivo dell’alternativa a «queste destre non vorrei che fosse un problema solo mio», riconosce un sospetto diffuso, benché rimosso. Aggiungendo: bisogna «avere chiaro che l’avversario è il governo. Spero che questo non interessi solo il Pd». Ma questa «speranza», questi «non vorrei» sono segni di un’esitazione, di un timore che non nascono tanto dall’incertezza dei rapporti col M5S. Dipendono da quella, più profonda e scivolosa, sugli equilibri interni al Pd, sempre in bilico.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO