“IL PD 5 MINUTI DOPO LE ELEZIONI TORNERÀ DAI 5 STELLE. BASTA LEGGERE LE DICHIARAZIONI DI ORLANDO E BOCCIA” – CARLETTO CALENDA ATTACCA LETTA PER PROVARE A RUBARE QUALCHE VOTO A FORZA ITALIA: “A DESTRA SI ODIANO. SALVINI GOVERNEREBBE CON RIFONDAZIONE PIUTTOSTO CHE CON LA MELONI” – “RENZI? HA FATTO UN GESTO DI GENEROSITÀ, METTERSI DI LATO NON È SCONTATO. NON C’È UN GIORNO CHE NON ABBIAMO LITIGATO, EPPURE INSIEME ABBIAMO FATTO TANTE COSE. ALL’ITALIA NON SERVE LA RETORICA DEI MOLLACCHIONI…”

-

Condividi questo articolo


Da www.ansa.it

 

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

"A persone come Cottarelli, Bonino e Bentivoglio e tanti altri voglio dire: le porte continuano a essere aperte". Così Carlo Calenda, leader di Azione, alla presentazione del programma elettorale dell'alleanza con Italia viva.

 

 "Il Pd tornerà dopo 5 minuti dopo le elezioni dai 5 stelle.  Basta leggere le dichiarazioni di Orlando, Bonini, Boccia", aggiunge Calenda confermando che sarà candidato "nel collegio di Roma 1".

BOSCHI - BONETTI - GELMINI - CALENDA - CARFAGNA – MARATTIN BOSCHI - BONETTI - GELMINI - CALENDA - CARFAGNA – MARATTIN

 

"Con Renzi faremo una grande iniziativa assieme a Milano, oggi non c'è ma non è tattica. I nostri rapporti sono stati molto difficili a partire dal Conte II. Ma Renzi ha fatto un gesto di tantissima generosità, perchè mettersi di lato non è un gesto scontato" ha spiegato Calenda. "Le differenze personali rimangono - ha aggiunto -, Renzi ha un pensiero sulle conferenze io un'altra. L'unica cosa che mi sento di dire è ringraziarlo.

 

calenda letta calenda letta

Dopo le elezioni parte il progetto di una forza costruttiva, che a un certo punto va anche oltre me e lui. Io e Renzi abbiamo lavorato a lungo assieme e non c'è un giorno che non abbiamo litigato eppure abbiamo fatto il taglio dell'Iva, il taglio dell'Irep e tante altre cose. Ogni volta che ho litigato con lui non ho mai disconosciuto il fatto che sia stato uno dei migliori presidenti del Consiglio che l'Italia abbia avuto. All'Italia non serve la retorica dei mollacchioni, all'Italia serve una roba tosta", conclude il leader di Azione.

 

MEME SULLO STRAPPO DI CALENDA DALL ALLEANZA CON IL PD MEME SULLO STRAPPO DI CALENDA DALL ALLEANZA CON IL PD

Il leader di Azione ha poi ironizzato: "Nella destra si odiano talmente tanto tra di loro.... Poi possiamo raccontarcela come vogliamo. Credo che Salvini governerebbe piuttosto con Rifondazione Comunista che con la Meloni. Per il resto fanno la loro parte della sceneggiata".

MEME SULLO STRAPPO DI CALENDA DALL ALLEANZA CON IL PD MEME SULLO STRAPPO DI CALENDA DALL ALLEANZA CON IL PD LETTA CALENDA MEME LETTA CALENDA MEME CARLO CALENDA. CARLO CALENDA. MARIA ELENA BOSCHI CARLO CALENDA EMMA BONINO MEME MARIA ELENA BOSCHI CARLO CALENDA EMMA BONINO MEME mariastella gelmini carlo calenda mara carfagna mariastella gelmini carlo calenda mara carfagna maria stella gelmini carlo calenda maria stella gelmini carlo calenda carlo calenda dopo l accordo con renzi 6 carlo calenda dopo l accordo con renzi 6 CARLO CALENDA MARA CARFAGNA - BY CARLI CARLO CALENDA MARA CARFAGNA - BY CARLI carlo calenda mara carfagna 1 carlo calenda mara carfagna 1 CARLO CALENDA E EMMA BONINO CARLO CALENDA E EMMA BONINO carlo calenda mara carfagna carlo calenda mara carfagna

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…