“IL PD SI RILASSI, SE LI SUPERIAMO ALLE ELEZIONI EUROPEE NON CHIEDERÒ LA LEADERSHIP” – CONTE SFRUCULIA ANCORA LA SCHLEIN CHE FINALMENTE SI ACCORGE CHE CON PEPPINIELLO “QUALCHE PROBLEMA C’E” – “NON HO BISOGNO CHE CONTE MI DICA COSA FARE. NON SI PUÒ SPALMARE MELMA SUL PD. I NOSTRI ELETTORI SONO STUFI DI QUESTE LITI DA CONDOMINIO” – POI SPRONA EMILIANO A FARE SCELTE RADICALI (PECCATO CHE IL GOVERNATORE DELLA PUGLIA STIA TRATTANDO CON CONTE IL RITORNO IN GIUNTA DEL M5S CON PIU’ ASSESSORATI). E SU DRAGHI…

-

Condividi questo articolo


Maria Teresa Meli per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY USBERGO ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY USBERGO

«No, Laforgia no»: Elly Schlein è netta quando le si chiede se il Pd potrebbe convergere sul candidato di Conte in nome dell’unità. Finirà che nel centrosinistra a Bari ognuno andrà per conto suo e chi arriverà al ballottaggio avrà i voti dell’altro. Insomma, non una rottura netta. La segretaria dem non la cerca e non la vuole. E nell’incontro con la stampa estera, in via del Plebiscito, in quella che fu la casa-ufficio di Berlusconi, rivendica: «Il campo largo non è morto».

 

 Però la leader non nega che con Conte «qualche problema c’è», né risparmia alcune frecciate all’ex premier che le ha chiesto di disfarsi dei cacicchi: «Non ho bisogno di consigli, noi stavamo cambiando le cose già prima, non c’è bisogno che ce lo chieda qualcuno. Esigo rispetto per la nostra comunità. Non si può spalmare melma sul Pd o farne una macchietta».

 

ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE

(...) Da Vibo Valentia Conte è irridente: «Il Pd si rilassi, se li superiamo alle elezioni europee non chiederò la leadership». Tradotto: Schlein non si illuda, non sarà quel voto a decidere chi è il candidato premier del campo largo.

 

La leader sprona poi Emiliano a fare scelte radicali e invita i dem della Puglia a «sprangare le porte ai trasformismi e ai transfughi della destra». 

 

(...)

 

elly schlein giuseppe conte foto di bacco elly schlein giuseppe conte foto di bacco

Sempre a proposito di Europa, Schlein svicola alla domanda su una possibile candidatura di Draghi alla presidenza della Commissione Ue: «Nonostante la stima e la sua autorevolezza, noi puntiamo solo su Nicolas Schmit». Un passaggio anche sulla sua telefonata a Meloni durante i bombardamenti iraniani: «Il confronto è fisiologico, è importante trovare un terreno di dialogo sulla politica internazionale». E in Parlamento non si esclude che vi possa essere una mozione bipartisan sulla crisi del Medio Oriente.

 

Giunta alla fine della conferenza, Schlein mostra la nuova tessera pd su cui campeggiano gli occhi di Berlinguer: «Un omaggio». I cattolici dem si inalberano. Lorenzo Guerini serafico commenta: «Fare rifermento ai padri storici è una buona cosa. Per questo credo che dopo Berlinguer l’anno prossimo possa essere ricordato Moro». Prima di andar via c’è il tempo per una visita lampo, insieme a Esma Çakir, presidente della stampa estera, all’uscita segreta ricavata in un armadio da Berlusconi.

L ALLEANZA CONTE - PD - VIGNETTA BY ELLEKAPPA L ALLEANZA CONTE - PD - VIGNETTA BY ELLEKAPPA schlein conte schlein conte

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI