“IL PERSONAGGIO SCHLEIN È MODAIOLO, CONVENZIONALE, UNA FIGURINA UN TANTO ALIENA CHE ALLUDE AL FUTURO E AL RICORRENTE 'SOGNO' PERCHÉ NON TIENE IN PUGNO IL PRESENTE” - GIULIANO FERRARA AFFOSSA LA SEGRETARIA MULTIGENDER DEL PD: “PER ESSERE COMPETITIVA E SIGNIFICATIVA, DOVREBBE CONVERTIRE AL REALISMO E A UNA PIATTAFORMA GENERALISTA LE BATTAGLIE IDENTITARIE DI MINORANZA SUI DIRITTI, SULLA VENA LGBTQI+, SUL PRECARIATO; INOLTRE, LA POSIZIONE DA TENERE SU GUERRA E OCCIDENTE SPALANCA SU DI LEI, SE NON AVESSE LA FORZA DI RESISTERE ALLE SIRENE DEL COSIDDETTO PACIFISMO, UN ABISSO DI IRRILEVANZA”

-

Condividi questo articolo


giuliano ferrara foto di bacco (2) giuliano ferrara foto di bacco (2)

Estratto dell’articolo di Giuliano Ferrara per “Il Foglio”

 

Ci si domanda se Elly Schlein possa sorprendere e convincere oltre il perimetro dei suoi elettori interni, di partito. Escluderei. […] c’è gente che impara presto la differenza tra la cifra di una candidatura entusiastica […] e la conduzione dal vertice di una complicata o quasi disperata operazione politica di riassetto e rilancio, cosa che richiede un pieno di razionalità e astuzia politica.

enrico letta regala un melograno a elly schlein 4 enrico letta regala un melograno a elly schlein 4

 

Il suo sostenitore Dario Franceschini è considerato un bonzo inamovibile […] può dare buoni consigli a chi non voglia limitarsi al fuoco d’artificio di una notte e invece durare e costruire.  Detto questo, il personaggio Schlein è modaiolo, convenzionale, una figurina un tanto aliena che allude al futuro e al ricorrente “sogno” perché non ha un passato importante e non tiene in pugno il presente.

 

ELLY SCHLEIN E STEFANO BONACCINI ELLY SCHLEIN E STEFANO BONACCINI

Meloni ha un vantaggio: solida gavetta di partito, una coalizione naturalmente vincente una volta superati gli scogli del tardo berlusconismo e del salvinismo, il mito ben coltivato dell’opposizione solitaria, l’ideologia italiana dell’uomo e della donna comuni (madre, cristiana eccetera), un passato remoto rifritto e revisionato con radici profonde nell’autobiografia della nazione.

peppe provenzano elly schlein peppe provenzano elly schlein

 

Con la sua posizione sulla guerra e l’occidente euroatlantico ha spiazzato tutti, radicato un’identità lontana dal culto dell’uomo forte e del fascismo […] Schlein, che […] è anzi figlia di una sconfitta e di uno scompaginamento del centrosinistra, parte in svantaggio nella gara simbolica con l’altra donna e, per essere competitiva e significativa, dovrebbe […] convertire al realismo e a una piattaforma generalista le battaglie identitarie di minoranza sui diritti, sulla vena lgbtqi+, sul precariato; inoltre, la posizione da tenere su guerra e occidente, centrale ora e presumibilmente per lungo tempo, spalanca su di lei, se non avesse la forza di resistere alle confuse sirene del cosiddetto pacifismo, un abisso di irrilevanza (per non parlare del significato etico-politico).

elly schlein 9 elly schlein 9

 

Quanto al blocco sociale di riferimento, auguri, ma non sembra interessante per l’Italia reale dell’economia e del lavoro una figura volatile impegnata sul mito gonfiato della lotta ideologica alle diseguaglianze. Si vedrà. Fossi un Renzi o un Calenda, starei attento a non festeggiare l’elezione di Schlein in modo furbesco […] Renzi […] è rimasto solo con il secondo carattere, ammaccato nell’immagine […] Calenda eccede in pedagogismo e la sua idea della politica […] è piuttosto freddina […] senza il calore generazionale e movimentista […]

elly schlein 8 elly schlein 8

 

[…] la forza della destra è nell’avere provvisoriamente trovato con Meloni una […] via media tra vocalità d’opposizione e pragmatismo di governo. E il futuro reale dei riformisti e della Schlein […] dipende dalla capacità di emulare e alla fine battere questa destra e non quella immaginaria delle fobie varie di centrosinistra.

elly schlein. elly schlein. elly schlein giuseppe conte elly schlein giuseppe conte ELLY SCHLEIN ELLY SCHLEIN elly schlein canta occhi di gatto a radio rock 3 elly schlein canta occhi di gatto a radio rock 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO