“IL PROSSIMO SINDACO DI ROMA NON DOVRÀ ASSOMIGLIARE A RAGGI, MARINO O ALEMANNO, SERVE QUALCOSA DI PIÙ” - MASSIMILIANO FUKSAS DÀ LA SOLITA RICETTA PER IL CAMPIDOGLIO: “CI VUOLE UN CITY MANAGER E NON DEVE ESSERE ROMANO. DEVE AMARE LA CITTÀ E NON DISPREZZARLA” - “IO CANDIDARMI? NON CI PENSO NEMMENO. MA SONO PRONTO A LAVORARE GRATIS PER UN SINDACO COSÌ”

-

Condividi questo articolo

MASSIMILIANO Fuksas MASSIMILIANO Fuksas

(ANSA) - "Lo troveranno prima o poi, ma dove non lo stanno cercando, il sindaco giusto per Roma", che però "non dovrà assomigliare" a Raggi, Marino o Alemanno: "il sindaco di Roma deve essere un city manager". Così, in una intervista a Repubblica, l'architetto Massimiliano Fuksas. Sassoli e Calenda sono "bravissime persone, ma la politica è estenuata e non credo possa offrire a Roma le sorprese di cui ha bisogno. Ce ne vorrebbe uno che avesse l'intelligenza di Petroselli, il coraggio di Rutelli e la pazienza di Veltroni. E ancora così non basterebbe. Ci vuole qualcosa di più, di inaspettato e di imprevedibile", un "urbanista visionario" ma "anche un uomo d'industria, che creda nella vocazione industriale di Roma".

 

Virginia Raggi Virginia Raggi

"Roma - dice ancora - non è la città dei 120 mila abitanti del Centro storico. Ci sono a Roma 3,5 milioni di city users. La città deve funzionare e il sindaco, che non li può conoscere uno per uno, deve però essere il loro manager, il loro architetto e il 'farmer' della nuova frontiera dell'agricoltura". Deve essere romano? «No. Non lo erano gli imperatori, i grandi papi, Vittorio Emanuele II e Mussolini che, cercando la Roma imperiale, fece l'orrore di sventrare i Fori e via della Conciliazione. E non lo era Nathan". Un sindaco "deve amare Roma e non disprezzarla, e la deve riportare al centro del mondo". Si candiderà? "Non ci penso nemmeno",risponde, ma si dice pronto a "lavorare gratis" per un simile city manager.

gianni alemanno gianni alemanno walter veltroni francesco rutelli foto di bacco walter veltroni francesco rutelli foto di bacco IGNAZIO MARINO IGNAZIO MARINO

 

Condividi questo articolo

politica

FERMI TUTTI! “NOI NON SIAMO D'ACCORDO CON CONTE”, PAROLA DI TRAVAGLIO – PERO': ‘’CONTE HA USATO LE PAROLE E I TONI GIUSTI PER LANCIARE L'ALLARME SENZA DIFFONDERE ALLARMISMO” – SULLE DEMENTE CHIUSURA DI CINEMA E TEATRI, ECCO IL COLPO DI GENIO DI MARCOLINO: VISTO CHE LA GENTE DURANTE IL GIORNO NON HA UN CAZZO DA FARE: “PERCHÈ NON TENERLI APERTI ALMENO FINO ALLE 18?” – ALLA FINE, GRIDA AL ''GOMPLODDO'': “CHI SONO GLI SCIENZIATI O I POLITICI FENOMENI CHE HANNO SUGGERITO MISURE TANTO IRRAZIONALI E FORSE CONTROPRODUCENTI, CHE FINO A TRE GIORNI FA CONTE NON VOLEVA NEPPURE SENTIR EVOCARE?” - PERCHÉ NON PROVA A DOMANDARGLIELO?