“IL RAPPORTO CON PUTIN DI PRIMA DELLA GUERRA NON È PIÙ LO STESSO DOPO L'ATTACCO VIOLENTO ALL'UCRAINA” – SALVINI PROVA A SMARCARSI DALLO STIGMA DI VASSALLO DI MOSCA: “TUTTI PRIMA AVEVANO RAPPORTI E CI HANNO FATTO ACCORDI. LE PAROLE DI VON DER LEYEN SUL VOTO IN ITALIA? SONO DI UNA GRAVITÀ INAUDITA. COMPORTEREBBERO DIMISSIONI O SCUSE IMMEDIATE. COS' È: UNA MINACCIA, UN RICATTO, BULLISMO ISTITUZIONALE? – L’UNGHERIA DI ORBAN NON E’ IL MIO MODELLO – LA PRIORITA’ PER ME SONO LE BOLLETTE E NEL PRIMO CONSIGLIO DEI MINISTRI CI SARÀ UN DECRETO ENERGIA DA ALMENO 30 MILIARDI. VOGLIO ABOLIRE LA LEGGE FORNERO”

-

Condividi questo articolo


Cesare Zapperi per il “Corriere della Sera”

 

La foto con i leader del centrodestra uniti quanto è veritiera? Quali sono i reali rapporti tra lei e Meloni?

salvini putin conte salvini putin conte

«La foto è un impegno con gli italiani che se scelgono il centrodestra avranno un governo unito e stabile, che non cambia ministri e magliette - risponde il segretario della Lega Matteo Salvini nell'intervista con il vicedirettore Venanzio Postiglione su Corriere Tv -. Abbiamo quattro storie e quattro caratteri diversi però abbiamo scelto un destino comune firmando un programma che per me è la Bibbia. Su alcuni temi la Lega ha priorità che altri magari non hanno. Per me lo sono le bollette e quindi un voto alla Lega significa che nel primo Consiglio dei ministri ci sarà un decreto energia da almeno 30 miliardi. Su questo Giorgia e Silvio sono più prudenti».

 

MARIO DRAGHI URSULA VON DER LEYEN MARIO DRAGHI URSULA VON DER LEYEN

Meloni ha già pronta una lista dei ministri, lei ha frenato. Se vincerete sarà complicato formare il governo?

«Io per ora mi limito a dire cosa significa votare Lega: oltre al blocco delle bollette, via la legge Fornero. Poi anch' io ho qualche idea su chi potrà fare il ministro ma per rispetto della squadra me la tengo».

 

Perché non ha preso subito le distanze dal suo ex amico Putin? È ancora valido l'accordo con Russia unita?

«Noi le distanze le abbiamo prese la notte dell'attacco all'Ucraina. Il rapporto con Putin di prima della guerra non è più lo stesso dopo l'attacco violento all'Ucraina. Tutti prima avevano rapporti e ci hanno fatto accordi. Poi quando provochi morti e distruzione, la storia cambia. Continuiamo ad essere a favore degli aiuti e delle sanzioni, l'importante è che le conseguenze non vengano pagate dai lavoratori italiani».

MATTEO SALVINI E PUTIN MATTEO SALVINI E PUTIN

 

Cosa pensa delle parole di Ursula von der Leyen? E perché avete votato a favore di Orbán nei giorni scorsi?

«Sono di una gravità inaudita. Comporterebbero dimissioni o scuse immediate. Cos' è: una minaccia, un ricatto, bullismo istituzionale? La presidente o chiede scusa o si dimette. Il suo è un intervento indegno e imbarazzante».

 

E l'Ungheria?

«Non è il mio modello. Ma quando il popolo vota ha sempre ragione. Orbán commette degli errori, come sull'aborto (dov' è lontano dalla realtà), ma come tutti».

 

giorgia meloni e viktor orban giorgia meloni e viktor orban

Diversi lettori chiedono se la flat tax non favorisce i ricchi. E perché non l'avete ancora messa in pratica.

«La flat tax c'è già per 2 milioni di partite Iva che fatturano fino a 65 mila euro lordi e vogliamo estenderla fino a 100 mila, includendo lavoratori dipendenti e pensionati».

 

Dove pensate di trovare le risorse per la flat tax?

«Intanto sta già portando più soldi. L'estensione nell'arco di 5 anni costa 13 miliardi di euro».

 

CARTELLE ESATTORIALI CARTELLE ESATTORIALI

Rottamazione cartelle: non è offensiva per chi ha sempre pagato?

«Ci sono 15 milioni di italiani che hanno una pendenza con l'Agenzia delle Entrate. È un terzo dei cittadini. O è dedito alla delinquenza o ha avuto dei problemi. Lo Stato può darti uno schiaffone o aiutarti. Io sono per la seconda soluzione».

 

Bollette: chi pagherà il prezzo di un eventuale scostamento di bilancio?

«Durante il Covid ne abbiamo fatti sei: 150 miliardi. Tutti debiti, ma cosa avremmo dovuto fare? O metti 30 miliardi subito per salvare il sistema produttivo italiano o altrimenti tra qualche mese ne dovrai mettere 100».

bollette bollette

 

Un sacerdote le chiede come può definirsi cristiano e sostenere tesi opposte al Vangelo, specie sugli immigrati.

«Rispettare le leggi è normale in tutto il mondo, Vaticano compreso. Per entrare in un Paese bisogna avere i documenti in regola. Non possiamo fare entrare 100 mila clandestini all'anno».

 

Pensioni: quale riforma?

«Già con il Conte I la Fornero l'abbiamo stoppata con quota 100. Siamo per l'azzeramento di quella legge con il passaggio a quota 41».

 

Che fine farà il reddito di cittadinanza?

«Lo lasciamo a chi non può lavorare, ma altro è per il milione di persone che è abile al lavoro. Al primo no si perde».

 

Con l'autonomia sarà possibile tenere unito il Paese?

«Servirebbe soprattutto al Sud. Significa consentire a ciascuno di decidere come gestire alcune funzioni».

reddito di cittadinanza reddito di cittadinanza

 

In caso di vittoria del centrodestra se lei non ottenesse il Viminale sarebbe già una causa di divisione?

«Per almeno 5 anni governeremo. Il destino del Paese non dipende da un ministero in più o in meno. Il centrodestra vincerà con almeno 20 punti di vantaggio e la Lega avrà un risultato straordinario. La squadra governerà per 5 anni senza problemi».

 

Condividi questo articolo

politica

IL CASO SOUMAHORO NON SMETTE DI REGALARCI NOVITÀ – NON SOLO LE COOPERATIVE DELLA MOGLIE NON RETRIBUIVANO I LAVORATORI, NON VERSAVANO I CONTRIBUTI E LE TASSE, MA NON PAGAVANO NEMMENO L’AFFITTO DELLE CASE DOVE VENIVANO OSPITATI I MIGRANTI – LO SCANDALO LEGATO AL PROGETTO CONTRO IL CAPORALATO “PERLA”, FINANZIATO DALLA REGIONE LAZIO: LILIANE MUREKATETE E LA MADRE DOVEVANO SOTTRARRE I MIGRANTI AGLI SFRUTTATORI, MA NON PAGARONO I LAVORATORI CHE AVEVANO PARTECIPATO – RAMPELLI (FDI): “LE DIMISSIONI DA DEPUTATO SAREBBERO IL MINIMO”