“LA RATIFICA DEL ‘MES’ IN CAMBIO DELLA MODIFICA DEL ‘PNRR’? COME IL SONETTO ‘PRIMA DAMMELA E POI TI SPOSO’” - IL NO-EURO ALBERTO BAGNAI FA CAPIRE, PER L’ENNESIMA VOLTA, A GIORGIA MELONI CHE IL “MES” NON LO VUOLE VEDERE NEANCHE DIPINTO: “È INUTILE E DANNOSO. SIAMO L’UNICO PAESE A NON AVERLO RATIFICATO? PER ME È UN PUNTO DI MERITO…”

-

Condividi questo articolo


 

Da “Un Giorno da Pecora” - Rai Radio1

 

alberto bagnai 1 alberto bagnai 1

Il Mes? “C’è una proposta di legge dell’opposizione che chiede di ratificarlo, siamo gli unici a non averlo fatto ma per me è un punto di merito. Se lo voterò? Vediamo, la discussione inizia il 30 giugno, un’era geologica in politica”.

 

Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il deputato della Lega Alberto Bagnai, intervistato da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Secondo lei il Mes non serve oppure è dannoso? “Tutte e due, le cose che non servono spesso sono dannose. E poi c’è anche un’altra cosa, di cui ora si parla tanto”.

alberto bagnai giancarlo giorgetti alberto bagnai giancarlo giorgetti

 

Quale? Si dice che ci sia un patto con l’Europa: “‘voi ora votate il Mes così poi modifichiamo il PNRR’. A questo proposito vi cito un sonetto di G.G. Belli che dice ‘dammela, e poi ti sposo’. Direi quindi: dammela, la ratifica del Mes e io ti sposo la riforma…”

alberto bagnai ospite di 'mezz'ora in piu' 2 alberto bagnai ospite di 'mezz'ora in piu' 2 alberto bagnai ospite di 'mezz'ora in piu' 4 alberto bagnai ospite di 'mezz'ora in piu' 4 ALBERTO BAGNAI 1 ALBERTO BAGNAI 1 alberto bagnai alberto bagnai alberto bagnai ospite di 'mezz'ora in piu' 3 alberto bagnai ospite di 'mezz'ora in piu' 3

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…